Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 LE VOSTRE DOMANDE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
mike



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 12.01.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Mar Gen 12, 2010 8:38 pm

Salve! Innanzitutto vorrei ringraziare a tutti coloro che gestiscono questo forum, fatte un gran lavoro!
La mia situazione e' questa: Sono uno extracomunitario e mi sono sposato da poco in Italia, nel mio comune di residenza con una cittadina Europea, residente ancora nel suo paese, ma da anni domiciliata in Italia. Dopo essersi laureata qui lei e' alla ricerca di un contratto di lavoro che nel suo settore e' molto difficile di avere... Io invece sono entrato in Italia come studente ma per diverse difficolta' non sono riuscito ancora a laurearmi e il mio ultimo permesso di soggiorno e' scaduto a dicembre (ho raggiunto il limite dei rinnovi, mi e' stato detto). Sono ancora iscritto all'universita e conto di laurearmi quest'anno comunque. In piu', da anni lavoro per una ditta con un contratto part-time a tempo indeterminato e i rapporti con mio titolare sono ottimi. Mia moglie e io ci siamo sposati prima della scadenza del mio pds di studio, chiaramente, e l'anagrafe del comune dove sono residente mi ha gia' rilasciato il mio certificato di matrimonio. Noi vogliamo rimanere in Italia e costruire la nostra famiglia qui. Vorrei sapere adesso cosa devo fare: lei essendo cittadina Europea non ha dei problemi per essere qui ma io sono extracomunitario. Vorrei sapere se ho diritto ad un pds o una cds per motivi familiari. Grazie mille!! Vi prego di rispondermi al piu' presto!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Mar Gen 12, 2010 9:51 pm

mike ha scritto:
Salve! Innanzitutto vorrei ringraziare a tutti coloro che gestiscono questo forum, fatte un gran lavoro!
La mia situazione e' questa: Sono uno extracomunitario e mi sono sposato da poco in Italia, nel mio comune di residenza con una cittadina Europea, residente ancora nel suo paese, ma da anni domiciliata in Italia. Dopo essersi laureata qui lei e' alla ricerca di un contratto di lavoro che nel suo settore e' molto difficile di avere... Io invece sono entrato in Italia come studente ma per diverse difficolta' non sono riuscito ancora a laurearmi e il mio ultimo permesso di soggiorno e' scaduto a dicembre (ho raggiunto il limite dei rinnovi, mi e' stato detto). Sono ancora iscritto all'universita e conto di laurearmi quest'anno comunque. In piu', da anni lavoro per una ditta con un contratto part-time a tempo indeterminato e i rapporti con mio titolare sono ottimi. Mia moglie e io ci siamo sposati prima della scadenza del mio pds di studio, chiaramente, e l'anagrafe del comune dove sono residente mi ha gia' rilasciato il mio certificato di matrimonio. Noi vogliamo rimanere in Italia e costruire la nostra famiglia qui. Vorrei sapere adesso cosa devo fare: lei essendo cittadina Europea non ha dei problemi per essere qui ma io sono extracomunitario. Vorrei sapere se ho diritto ad un pds o una cds per motivi familiari. Grazie mille!! Vi prego di rispondermi al piu' presto!

Tua moglie,se non l'ha giß fatto deve fare l'attestazione d'iscrizione anagrafica nel comune dove risiedete come dovuto per i comunitari.DopodichÚ,comunque entro 3 mesi dal matrimonio,andate in questura e chiedete una CDS per familiare di cittadino UE ai sensi del dlgs.30/2007.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
mike



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 12.01.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Ven Gen 22, 2010 6:17 am

Grazie Bostik per la tua risposta! Ho ancora qualche dubbio e mi auguro di non disturbare te e gli altri con le mie domande! Grazie mille Smile

Ho visto in giro nel forum che delle volte hanno fatto delle storie a qualcuno che ha richiesto la CDS per familiare cittadino Europeo tramite il modulo delle poste, dovrei quindi andare in Questura con mia moglie Europea a richiedere direttamente il mio CDS?

Come ti ho detto prima, ho gia' in mano il certificato di matrimonio emesso dal mio comune di residenza in Italia, occorre anche quell'attestazione d'iscrizione anagrafica emessa dal suo comune all'estero? L'attestazione sua dobbiamo ancora richiederla (ci andra nelle prossime settimane...) e cmq ci mettera' ancora al meno un messe in arrivare con la loro traduzione ufficiale... nel suo paese fanno tutti i documenti per l'estero con troppa calma... Occorre portare in questura anche l'attestato emesso dalla ambasciata del mio paese in Italia? Ci vado la prossima settimana a registrare li il mio matrimonio in ambasciata.

E' l'ultima cosa, la prassi di rinnovo del PDS di studio che avevo era quella di rinnovarlo entro trenta giorni dalla data di scadenza. Essendo adesso sposato con cittadina Europea, ho ancora questi tre mesi di cui mi parli per richiedere la CDS (noi ci siamo sposati a meta' dicembre) o devo fare tutto entro il 31 gennaio di quest'anno?

Grazie ancora a Bostik e a tutti coloro che siano in grado di aiutarmi! E grazie mille allo staff del forum!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Ven Gen 22, 2010 12:19 pm

mike ha scritto:
Grazie Bostik per la tua risposta! Ho ancora qualche dubbio e mi auguro di non disturbare te e gli altri con le mie domande! Grazie mille

Ho visto in giro nel forum che delle volte hanno fatto delle storie a qualcuno che ha richiesto la CDS per familiare cittadino Europeo tramite il modulo delle poste, dovrei quindi andare in Questura con mia moglie Europea a richiedere direttamente il mio CDS?

Come ti ho detto prima, ho gia' in mano il certificato di matrimonio emesso dal mio comune di residenza in Italia, occorre anche quell'attestazione d'iscrizione anagrafica emessa dal suo comune all'estero? L'attestazione sua dobbiamo ancora richiederla (ci andra nelle prossime settimane...) e cmq ci mettera' ancora al meno un messe in arrivare con la loro traduzione ufficiale... nel suo paese fanno tutti i documenti per l'estero con troppa calma... Occorre portare in questura anche l'attestato emesso dalla ambasciata del mio paese in Italia? Ci vado la prossima settimana a registrare li il mio matrimonio in ambasciata.

E' l'ultima cosa, la prassi di rinnovo del PDS di studio che avevo era quella di rinnovarlo entro trenta giorni dalla data di scadenza. Essendo adesso sposato con cittadina Europea, ho ancora questi tre mesi di cui mi parli per richiedere la CDS (noi ci siamo sposati a meta' dicembre) o devo fare tutto entro il 31 gennaio di quest'anno?



Grazie ancora a Bostik e a tutti coloro che siano in grado di aiutarmi! E grazie mille allo staff del forum!

Tua moglie all'estero non deve fare nulla...deve andare all'anagrafe del comune italiano dove risiedete ed iscriversi,come dovuto per i cittadini comunitari;se non puˇ dimostrare reddito,puˇ comunque autocertificare.SÝ,dovete andare in questura a chiedere la CDS.Andate prima possibile,se il tuo PDS Ú scaduto.Non ti faranno storie per la CDS,essendo tua moglie non italiana...le storie le fanno di solito agli italiani...
Ciao.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
YELENA



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 14.10.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Ott 14, 2010 10:06 am

Buongiorno.

Ho la situazione abastanza complecata.

Sono stata sposata con il cittadino italiano e rimasta vedova (circa 5 anni fa).
Ho un figlio - cittadino italiano. Ho permesso di soggiorno a tempo indetermenato, ho lavoro regolare e l'abitazione di mia proprietÓ.
Nel 2005 abbiamo fatto (al epoca Ŕ stato fatto da mio marito) il permesso di soggiorno a mia madre che Ŕ venuta abitare con noi.
Tutti questi anni lei Ŕ a carico mio (regolarmente dichiarata nel 730). Il permesso di soggiorno Ŕ stato fatto per i motivi famigliari (ricongiungemente con il nipote minorenne).

In vista della scadenza del permesso della mia madre, ho chiamato in questura. Mi Ŕ stato detto che il permesso non pu˛ essere rinnovato per motivi famigliari (ne come il parente del cittadino italiano, ne come il parente del cittadino stragniero rigolarmente soggiornato in Italia). Mi hanno detto che devo assumere la mia madre come la collaboratrice domestica e allora a questo punto le fanno permesso per 2 anni.

Chiedo cortesemente di spegarmi se le informazioni ricevuti sono corrette. E in caso contrario indicarmi le leggi a quali posso appellarmi.

La ringrazio in anticipo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 68
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Ott 14, 2010 11:29 am

YELENA ha scritto:
Buongiorno.

Ho la situazione abastanza complecata.

Sono stata sposata con il cittadino italiano e rimasta vedova (circa 5 anni fa).
Ho un figlio - cittadino italiano. Ho permesso di soggiorno a tempo indetermenato, ho lavoro regolare e l'abitazione di mia proprietÓ.
Nel 2005 abbiamo fatto (al epoca Ŕ stato fatto da mio marito) il permesso di soggiorno a mia madre che Ŕ venuta abitare con noi.
Tutti questi anni lei Ŕ a carico mio (regolarmente dichiarata nel 730). Il permesso di soggiorno Ŕ stato fatto per i motivi famigliari (ricongiungemente con il nipote minorenne).

In vista della scadenza del permesso della mia madre, ho chiamato in questura. Mi Ŕ stato detto che il permesso non pu˛ essere rinnovato per motivi famigliari (ne come il parente del cittadino italiano, ne come il parente del cittadino stragniero rigolarmente soggiornato in Italia). Mi hanno detto che devo assumere la mia madre come la collaboratrice domestica e allora a questo punto le fanno permesso per 2 anni.

Chiedo cortesemente di spegarmi se le informazioni ricevuti sono corrette. E in caso contrario indicarmi le leggi a quali posso appellarmi.

La ringrazio in anticipo.

La nonna di cittadino italiano, con lui convivente, ha diritto a ad una Carta di Soggiorno ai sensi del Decreto legislativo n. 30 del 2007 (v.). Altro che Permesso di Soggiorno. Con chi ha parlato in questura??? Con l'usciere???

Devo aggiungere che non Ŕ pi¨ l'utente a dovere fornire riferimenti normativi al pubblico funzionario, ma esattamente il contrario. Si presenta quindi la domanda. Se non vogliono prenderla, si chiede che vengano messi per iscritto i motivi (altrimenti a cosa si fa ricorso) ai sensi della legge 241 del 1990. Se la prendono e la vogliono rifiutare, dovranno ancora inserire i motivi per iscritto. Se non mettono nulla per iscritto si va dai carabinieri pi¨ vicini e si querelano (denunciano) per omissione in atti d'ufficio.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
YELENA



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 14.10.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Ott 14, 2010 12:27 pm

La ringrazio. Domani prima cosa che faccio vado al ufficio immigrazione.

L'unico dubbio che sorge: se si cambia qualcosa se il cittadino italiano Ŕ un minorenne di 6 anni (io sono l'unico tutore/genirore e quindi mantengo tutta la famiglia).
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Ott 14, 2010 3:04 pm

YELENA ha scritto:
La ringrazio. Domani prima cosa che faccio vado al ufficio immigrazione.

L'unico dubbio che sorge: se si cambia qualcosa se il cittadino italiano Ŕ un minorenne di 6 anni (io sono l'unico tutore/genirore e quindi mantengo tutta la famiglia).

Non importa se il bimbo Ú minorenne.Credo si possa anche applicare,ma non ricordo se il grado di parentela ci rientra ancora,l'art.19 del TU sull'inespellibilitß dei parenti conviventi entro il secondo grado con cittadino italiano.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Ott 14, 2010 5:45 pm

bostik ha scritto:
YELENA ha scritto:
La ringrazio. Domani prima cosa che faccio vado al ufficio immigrazione.

L'unico dubbio che sorge: se si cambia qualcosa se il cittadino italiano Ŕ un minorenne di 6 anni (io sono l'unico tutore/genirore e quindi mantengo tutta la famiglia).

Non importa se il bimbo Ú minorenne.Credo si possa anche applicare,ma non ricordo se il grado di parentela ci rientra ancora,l'art.19 del TU sull'inespellibilitß dei parenti conviventi entro il secondo grado con cittadino italiano.
confermo l'inespellibilitß dei familiari conviventi con cittadino italiano (ancor pi˙ forza ha se Ú un minore che Ú pi˙ protetto di qualsiasi altro nel suo diritto all'unitß familiare) fino al secondo grado (la nonnaÚ di secondo grado), ma congfermo ciˇ che ha risposto Amedeo...ossia ha diritto ad una Carta di Soggiono valida per 5 anni.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Ven Ott 15, 2010 11:50 pm

Sembrerebbe che le indicazioni fornite siano ciorrette, essendo mutate (in senso restrittivo) le condizioni di c.d. ricongiungimento familiare quale motivo di soggiorno.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marianna82



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 05.11.10

MessaggioTitolo: Delucidazioni   Ven Nov 05, 2010 9:39 pm

Salve, ho letto con attenzione i diversi topic e mi complimento per le news che fornite!
Vorrei avere delle informazioni su come muovermi nella mia situazione:

ho sposato l'ottobre scorso un cittadino turco in Danimarca e come d'accordo con l'ambasciata ho inviato la documentazione necessaria per la trascrizione nel mio comune di residenza in Italia.
Come devo muovermi una volta tornata in Italia? Dobbiamo richiedere la Carta di Soggiorno. A cosa devo fare attenzione maggiormente?
Una volta ottenuta la carta sarÓ possibile trasferirci all'estero, in Germania, dove sto per iniziare un dottorato ma non ho residenza non avendo ancora trovato casa? Mio marito potrÓ viaggiare senza problemi? Come dobbiamo agire?
Come tutelarci da eventuali complicazioni che ho letto possono verificarsi?

Grazie mille per la sua risposta!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Ven Nov 05, 2010 10:43 pm

Marianna82 ha scritto:
Salve, ho letto con attenzione i diversi topic e mi complimento per le news che fornite!
Vorrei avere delle informazioni su come muovermi nella mia situazione:

ho sposato l'ottobre scorso un cittadino turco in Danimarca e come d'accordo con l'ambasciata ho inviato la documentazione necessaria per la trascrizione nel mio comune di residenza in Italia.
Come devo muovermi una volta tornata in Italia? Dobbiamo richiedere la Carta di Soggiorno. A cosa devo fare attenzione maggiormente?
Una volta ottenuta la carta sarÓ possibile trasferirci all'estero, in Germania, dove sto per iniziare un dottorato ma non ho residenza non avendo ancora trovato casa? Mio marito potrÓ viaggiare senza problemi? Come dobbiamo agire?
Come tutelarci da eventuali complicazioni che ho letto possono verificarsi?

Grazie mille per la sua risposta!

Una volta in Italia,va chiesta una CDS ai sensi dlgs.30/2007,la questura proverß ad appioppare un PDS di un anno,ma bisogna essere molto determinati e presentarsi in questura col decreto 30/2007 stampato...In Germania,se il soggiorno supererß i 3 mesi va chiesta una CDS tedesca per coniuge di cittadino UE.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marianna82



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 05.11.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Sab Nov 06, 2010 8:27 am

Grazie mille per la velocitÓ della sua risposta!
Per quanto riguarda l'Italia sar˛ determinata...ma ho ancora dei dubbi sul post carta...
Una volta ottenuta la carta, mio marito potrÓ viaggiare?potremmo spostarci senza problemi in Germania? O Ŕ meglio che vada prima io, faccia richiesta e poi lui mi raggiunga?
Non mi Ŕ chiaro come muovermi in seguito ;(

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Sab Nov 06, 2010 7:36 pm

Marianna82 ha scritto:
Grazie mille per la velocitÓ della sua risposta!
Per quanto riguarda l'Italia sar˛ determinata...ma ho ancora dei dubbi sul post carta...
Una volta ottenuta la carta, mio marito potrÓ viaggiare?potremmo spostarci senza problemi in Germania? O Ŕ meglio che vada prima io, faccia richiesta e poi lui mi raggiunga?
Non mi Ŕ chiaro come muovermi in seguito ;(


Potete viaggiare insieme senza problemi.Lui dovrß essere presente sul territorio tedesco per chiedere la CDS.Per i dettagli perˇ devi sentire le autoritß tedesche.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marianna82



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 05.11.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Mer Nov 10, 2010 10:16 am

grazie! sono per˛ preoccupata...
mio marito (con visto in germania per studio) per˛ ha passaporto in scadenza a giorni...cosa Ŕ meglio fare?
andare in italia, fare la richiesta e poi chiedere un'estensione del passaporto in ambasciata?
corre rischi per un'eventuale esplusione?

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Mer Nov 10, 2010 12:38 pm

Marianna82 ha scritto:
grazie! sono per˛ preoccupata...
mio marito (con visto in germania per studio) per˛ ha passaporto in scadenza a giorni...cosa Ŕ meglio fare?
andare in italia, fare la richiesta e poi chiedere un'estensione del passaporto in ambasciata?
corre rischi per un'eventuale esplusione?


Suo marito Ú inespellibile,secondo me Ú meglio rifare il passaporto e poi chiedere la CDS,anche perchÚ su quest'ultima va indicato il numero di passaporto.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
mediter



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 25.11.10

MessaggioTitolo: confusione e visti....   Gio Nov 25, 2010 10:12 am

Prima di tutto vorrei dire che il forum Ŕ molto interessante e pieno di notizie utili.Vorrei sottoporre i mei dubbi, ingenerati dalla lettura di notizie e spiegazioni anche su siti istituzionali... Ho contratto matrimonio,in Russia, dove mi trovo attualmente, con una cittadina russa, io sono residente in Italia . Dopo il matrimonio, il Consolato di Mosca ha rilasciato un visto per ricongiungimento familiare di 365 giorni, allegando al passaporto una nota che ricordava dell'obbligo di presentarsi entro 8 giorni alla questura competente...Le mie certezze sono vacillate.. Come mi devo comportare? Ho tre mesi di tempo per chiedere la CDS oppure cosa devo fare? confesso di non avere le idee chiare. mi potreste spiegare la sequenza degli adempimenti per regolarizzare mia moglie?
Con gratitudine
Antonio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Nov 25, 2010 12:37 pm

Le indicazioni fornite sono corrette se valutate dal punto di vista generale.
Infatti, tale visto consente l'ingresso, e quindi anche il rilascio di un permesso di soggiorno per tale motivo.
Dato che, astrattamente, l'ufficio consolare non puo', immediatamente dopo la celebrazione del matrimonio (e sue "registrazioni") avere elementi per individuare dove la vita matrimoniale venga poi localizzata, queste informazioni sono, come indicato, di ordine generale.
Se, i coniugi intendano localizzare la propria vita matrimoniale in Italia, pu˛ farsi riferimento anche alla carta di soggiorno per famigliari di cittadini di Stati membri dell'Unione europea, di cui all'art. 10 D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30 e succ. modif.
Ma quest'ultima ipotesi non esclude il fatto che il cittadino di Stato terzo non debba, prima, rispettare le norme di ordine generale, tra cui quella di richiedere il rilascio del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall'ingresso.
Di seguito, ottenuto questo, potranno richiedere il rilascio della carta di soggiorno, una volta trascorsi tre mesi dall'ingresso.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 68
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Nov 25, 2010 1:09 pm

Sereno.SCOLARO ha scritto:

Se, i coniugi intendano localizzare la propria vita matrimoniale in Italia, pu˛ farsi riferimento anche alla carta di soggiorno per famigliari di cittadini di Stati membri dell'Unione europea, di cui all'art. 10 D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30 e succ. modif.
Ma quest'ultima ipotesi non esclude il fatto che il cittadino di Stato terzo non debba, prima, rispettare le norme di ordine generale, tra cui quella di richiedere il rilascio del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall'ingresso.
Di seguito, ottenuto questo, potranno richiedere il rilascio della carta di soggiorno, una volta trascorsi tre mesi dall'ingresso.

Quý non concordo. Un PdS non Ŕ gratuito, per esempio, mentre per i familiari di cittadini italiani o della UE lo deve essere. Vengono peraltro chieste documentazioni che in base al DL 30 non sono richieste. Lo stesso DL 30 precisa che non sono richieste incombenze di soggiorno prima dei 3 mesi. Questa del PdS da chiedere subito e precedentemente alla CdS Ŕ una interpretazione erronea che spesso forniscono le questure. Io la combatto da anni e con successo.

Un salutone,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marianna82



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 05.11.10

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Gio Nov 25, 2010 3:52 pm

grazie mille per la risposta, abbiamo rinnovato il passaporto e ci prepariamo a tornare in Italia dalla gelida Germania per i primi di Dicembre:D

Ho letto alcune cose su cui vorrei chiarimenti:

a) una volta arrivati, mio marito deve segnalare la sua presenza in questura entro 8 giorni? (premetto che ha pass valido e visto tedesco per studio fino a gennaio)

b) abbiamo 3 mesi dal matrimonio per richiedere la CDS, ma ho chiamato pi¨ volte l'ambasciata per sollecitare l'invio e ancora nulla...nel caso posso richiedere direttamente la trascrizione al mio comune di residenza? nel caso va bene l'atto di matrimonio in copia autentificata presso notaio tedesco (ovviamente dopo aver provveduto ad una traduzione)?

Grazie mille per la Vostra professionalitÓ!

Saluti

Marianna
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
mediter



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 25.11.10

MessaggioTitolo: CDS o PDS   Gio Nov 25, 2010 8:40 pm

Il prossimo lunedi 29 andr˛ in italia con mia moglie, a Genova dove sono residente, grazie per le informazioni e spero di risolvere il tutto senza grandi problemi. Sicuramente verificher˛ l'atteggiamento della Questura locale, anche se personalmente sono convinto che vada richiesto il CDS nei tre mesi come da art. 10 D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30 anche se il foglio allegato dal consolato parla di 8 giorni e di PDS. Sicuramente , permettetemi, Ŕ una cosa vergognosa per un paese "moderno" che la pubblica amministrazione sia rimasta quella che era.....Come tutti i cittadini italiani ho giÓ l'ansia, il contatto con la medesima Ŕ un salto nell'ignoto.

Amedeo ha scritto:
Sereno.SCOLARO ha scritto:

Se, i coniugi intendano localizzare la propria vita matrimoniale in Italia, pu˛ farsi riferimento anche alla carta di soggiorno per famigliari di cittadini di Stati membri dell'Unione europea, di cui all'art. 10 D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30 e succ. modif.
Ma quest'ultima ipotesi non esclude il fatto che il cittadino di Stato terzo non debba, prima, rispettare le norme di ordine generale, tra cui quella di richiedere il rilascio del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall'ingresso.
Di seguito, ottenuto questo, potranno richiedere il rilascio della carta di soggiorno, una volta trascorsi tre mesi dall'ingresso.

Quý non concordo. Un PdS non Ŕ gratuito, per esempio, mentre per i familiari di cittadini italiani o della UE lo deve essere. Vengono peraltro chieste documentazioni che in base al DL 30 non sono richieste. Lo stesso DL 30 precisa che non sono richieste incombenze di soggiorno prima dei 3 mesi. Questa del PdS da chiedere subito e precedentemente alla CdS Ŕ una interpretazione erronea che spesso forniscono le questure. Io la combatto da anni e con successo.

Un salutone,
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Ven Nov 26, 2010 2:56 am

Sul punto b), il riferimento Ŕ all'art. 16 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 che, in quanto norma speciale, prevale sulle norme di applicazione generale, tra le quali rientra l'art. 12, comma 11 stesso d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396.
Si rappresenta che, talora, gli uffici consolari provvedono all'invio utilizzando il c.d. corriere diplomatico, modalita' che "allunga" i tempi materiali.

Sulla lett. a), come emerge dagli interventi precedenti, vi sono opinioni difformi, cosa che, se pu˛ essere fisiologica, purtroppo non apporta chiarezza.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marianna82



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 05.11.10

MessaggioTitolo: Aggiornamenti   Mar Dic 14, 2010 3:44 pm

Salve, ringrazio per le informazioni datemi, sono state d'aiuto in questo mare di burocrati incompetenti...
Finalmente l'Ambasciata ha inviato la PEC dopo le mie numerose richieste e sto aspettando che in comune si decidano ad aprirla visto che manca l'UNICA adetta disponibile... ho un nuovo appuntamento per giovedý ed incrocio le dita Mad...
Mi sono recata in questura per ben due volte, la prima volta per chiedere generiche informazioni e mi era stato detto di comunicare entro 8 giorni l'arrivo di mio marito...cosa che abbiamo fatto oggi, quando un altro adetto ha sostenuto che non fosse necessario...ahahahahah
Ha poi aggiunto che non sanno se potranno concedere la carta o un PDS di 2 anni ed ovviamente io ho fatto presente che voglio richiedere (E NE HO DIRITTO)
una carta di soggiorno per familiare UE ai sensi del decreto che guardacaso avevo con me... Laughing
In ogni caso giovedý se pronto il mio certificato mi recher˛ in questura con tutti i documenti necessari per chiedere quanto mi spetta!
Ho giÓ scaricato il modello di richiesta, fotocopiato passaporto, ho il certificato di residenza.
Mi Ŕ stato poi detto che essendo io non lavoratrice (sto frequentando un dottorato estero) mio padre deve firmare una dichiarazione in carta libera di ospitalitÓ e mantenimento. Qualcuno pu˛ darmi dei suggerimenti sulle cose necessarie da dichiarare, su come impostare la dichiarazione o indicarmi un modello da poter utilizzare?
Vorrei essere preparata al mio prossimo appuntamento (giovedý), ovviamente pronta a lottare se necessario!

Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   Sab Dic 18, 2010 5:14 pm

Marianna82 ha scritto:
Salve, ringrazio per le informazioni datemi, sono state d'aiuto in questo mare di burocrati incompetenti...
Finalmente l'Ambasciata ha inviato la PEC dopo le mie numerose richieste e sto aspettando che in comune si decidano ad aprirla visto che manca l'UNICA adetta disponibile... ho un nuovo appuntamento per giovedý ed incrocio le dita Mad...
Mi sono recata in questura per ben due volte, la prima volta per chiedere generiche informazioni e mi era stato detto di comunicare entro 8 giorni l'arrivo di mio marito...cosa che abbiamo fatto oggi, quando un altro adetto ha sostenuto che non fosse necessario...ahahahahah
Ha poi aggiunto che non sanno se potranno concedere la carta o un PDS di 2 anni ed ovviamente io ho fatto presente che voglio richiedere (E NE HO DIRITTO)
una carta di soggiorno per familiare UE ai sensi del decreto che guardacaso avevo con me... Laughing
In ogni caso giovedý se pronto il mio certificato mi recher˛ in questura con tutti i documenti necessari per chiedere quanto mi spetta!
Ho giÓ scaricato il modello di richiesta, fotocopiato passaporto, ho il certificato di residenza.
Mi Ŕ stato poi detto che essendo io non lavoratrice (sto frequentando un dottorato estero) mio padre deve firmare una dichiarazione in carta libera di ospitalitÓ e mantenimento. Qualcuno pu˛ darmi dei suggerimenti sulle cose necessarie da dichiarare, su come impostare la dichiarazione o indicarmi un modello da poter utilizzare?
Vorrei essere preparata al mio prossimo appuntamento (giovedý), ovviamente pronta a lottare se necessario!

Grazie
Signora ho dovuto spostare il suo intervento perchÚ il forum abbia continuitß e sia leggibile. Aprendo un nuovo topic per la stessa situazione, confonde tutti e rende la storia spezzetata e senza senso. Il documento in carta libera Ú una semplice autodichiarazione che puˇ fare suo padre, ma amio avviso anche lei. Gli italiani non devono dimostrare reddito per avere a carico coniugi o altri familiari.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
mariel



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 06.04.11

MessaggioTitolo: tempo di 3 mesi o 6 per il rientro in Italia di turista venezuelana??   Mer Apr 06, 2011 5:25 am

Ciao a tutti, sono venezuelana con cittadinanza italiana. Vorrei far venire mia madre alla fine di aprile per un mese, la mia domanda Ŕ se potrÓ rientrare in Italia per la fine di ottobre quando nascerÓ il mio secondo bambino. Non so se deve aspettare 3 mesi o 6 mesi tra un ingresso e l'altro. Vi ringrazio per il vostro aiuto.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LE VOSTRE DOMANDE   

Tornare in alto Andare in basso
 
LE VOSTRE DOMANDE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» LE VOSTRE DOMANDE, COMMENTI E SUGGERIMENTI
» LE VOSTRE DOMANDE
» Varie domande su Cittadinanza
» domande (strane)
» Riconoscimento sentenza adozione internazionale altre domande e rispos

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: LEGGI E NORMATIVE COMMENTATE E DISCUSSE :: LA CARTA DI SOGGIORNO-
Andare verso: