Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
silviamartinelli86



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 23.05.12

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Ven Mag 25, 2012 3:01 am

bostik ha scritto:


Lasci stare i consolati onorari...s'informi piuttosto presso le autoritß giamaicane che celebreranno l'atto,solo loro le possono dire che documenti occorrono.Per la trascrizione si rivolga al consolato italiano a Santo Domingo che Ú competente per la Giamaica o trascriva direttamente nel suo comune ai sensi dpr.396/2000.
Saluti

grazie! ma quindi posso trascriverlo io direttamente in italia senza bisogno di passare tramite l'ambasciata??
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
tomalaola



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 14.01.12

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Lun Lug 02, 2012 11:47 am

bostik ha scritto:
tomalaola ha scritto:
Il fatto che non Ŕ stato trascritto? in Italia non figura nulla.
questa cosa non puo' aiutare ad agevolare la situazione gia' difficile di suo?

lei mi ha chiesto gia' gli alimenti 300 euro mensili. Sono dovuti?

grazie mille per l'aiuto bostik...

Se vuoi separarti,devi per foza trascriverlo anche sa Ú giß valido in Italia.Per i 300 euro,bisogna vedere...tua moglie lavora ?
Saluti



Ciao Bostik. Anzitutto grazie per avermi dato le prime indicazioni in merito. Sono stato per lavoro all'estero e non ho avuto modo di risponderti in questi mesi.
Lo faccio ora. La situazione Ŕ un po' complicata e nella disperazione degli eventi...gli ultimi tempi li ho passati da uno psicologo.

Mia moglie (in messico) ha costituito in questi mesi una societÓ in ITALIA con amiche e lavora all'interno di questa societÓ per dare un servizio di asilo bambini a ore in ITALIA. Ho sempre amministrato io la contabilitÓ di famiglia e nel suo conto in banca ha un capitale di circa 300.000 euro piu' una famiglia con un patrimonio immobiliare importante. A differenza mia che campo di stipendio.
(questo per rispondere alla tua domanda che mi hai fatto sul mantenimento di 300 euro).

Per il resto vorrei trovare il modo piu' veloce ed economico per separarmi in quanto la mia vita Ŕ veramente dura cosi'.

Grazie di cuore per la risposta



Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Mar Lug 03, 2012 9:57 am

tomalaola ha scritto:
bostik ha scritto:
tomalaola ha scritto:
Il fatto che non Ŕ stato trascritto? in Italia non figura nulla.
questa cosa non puo' aiutare ad agevolare la situazione gia' difficile di suo?

lei mi ha chiesto gia' gli alimenti 300 euro mensili. Sono dovuti?

grazie mille per l'aiuto bostik...

Se vuoi separarti,devi per foza trascriverlo anche sa Ú giß valido in Italia.Per i 300 euro,bisogna vedere...tua moglie lavora ?
Saluti



Ciao Bostik. Anzitutto grazie per avermi dato le prime indicazioni in merito. Sono stato per lavoro all'estero e non ho avuto modo di risponderti in questi mesi.
Lo faccio ora. La situazione Ŕ un po' complicata e nella disperazione degli eventi...gli ultimi tempi li ho passati da uno psicologo.

Mia moglie (in messico) ha costituito in questi mesi una societÓ in ITALIA con amiche e lavora all'interno di questa societÓ per dare un servizio di asilo bambini a ore in ITALIA. Ho sempre amministrato io la contabilitÓ di famiglia e nel suo conto in banca ha un capitale di circa 300.000 euro piu' una famiglia con un patrimonio immobiliare importante. A differenza mia che campo di stipendio.
(questo per rispondere alla tua domanda che mi hai fatto sul mantenimento di 300 euro).

Per il resto vorrei trovare il modo piu' veloce ed economico per separarmi in quanto la mia vita Ŕ veramente dura cosi'.

Grazie di cuore per la risposta




Vedi qui,sulla possibilitÓ d'applicare la legge messicana in Italia se tua moglie non Ŕ cittadina italiana.
Saluti

http://www.burocraziaconsolare.com/t2224-divorzio-breveregce-1259-2010

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
mariaborgia67



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 02.12.12

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Dom Dic 02, 2012 8:32 am

buongiorno, nell'agosto 2002 contraggo matrimonio a Las Vegas io ero separata ma non divorziata, il matrimonio americano non Ŕ stato mai trascritto. nel 2005 nasce mio figlio che Ŕ stato riconosciuto ed ottengo il divorzio dal precedente matrimonio, nel gennaio 2012 ci separiamo di fatto e il mio ex si sposa a maggio ed a giugno sottrae mio figlio. Sono in attesa di giudizio da parte del tribunale dei minori per l'affido di mio figlio da oltre 30 gg, posso impugnare il matrimonio americano, accusarlo di bigamia e chiedere gli alimenti nonchŔ spostare il provvedimento di affidamento al tribunale ordinario? E' molto importante. grazie.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Lun Dic 03, 2012 2:25 pm

mariaborgia67@libero.it ha scritto:
buongiorno, nell'agosto 2002 contraggo matrimonio a Las Vegas io ero separata ma non divorziata, il matrimonio americano non Ŕ stato mai trascritto. nel 2005 nasce mio figlio che Ŕ stato riconosciuto ed ottengo il divorzio dal precedente matrimonio, nel gennaio 2012 ci separiamo di fatto e il mio ex si sposa a maggio ed a giugno sottrae mio figlio. Sono in attesa di giudizio da parte del tribunale dei minori per l'affido di mio figlio da oltre 30 gg, posso impugnare il matrimonio americano, accusarlo di bigamia e chiedere gli alimenti nonchŔ spostare il provvedimento di affidamento al tribunale ordinario? E' molto importante. grazie.

Non serve a nulla,aprire pi¨ topics sullo stesso argomento.Anche lei pu˛ essere accusata di bigamia,se al momento di celebrare il matrimonio a Las Vegas non era divorziata.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
StellinaChan



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 05.11.12

MessaggioOggetto: Cittadini italiani A.I.R.E. sposati in Germania - Regime matrimoniale   Ven Dic 14, 2012 5:31 am

Buongiorno,
innanzitutto complimenti per il sito, trovo sia davvero utile il lavoro che state portando avanti con ammirevole professionalitÓ!

A proposito di matrimonio all'estero, avrei una domanda incentrata sul regime matrimoniale da adottare.

Io (24 anni) e il mio attuale marito (22 anni), entrambi italiani e iscritti all'A.I.R.E., ci siamo sposati a dicembre del 2012 in Germania, ma vorremmo che il nostro regime matrimoniale fosse regolato in base alla normativa italiana, e pi¨ precisamente applicando il regime di separazione dei beni.
Abbiamo chiesto al consolato locale la procedura che infine ci ha consigliato questa modalitÓ: consegnar loro un atto notarile stipulato qui in Germania precedentemente tradotto in italiano da un interprete ufficiale. Successivamente il consolato essendo in possesso di questo atto, si occuperebbe della sua trasmissione ai rispettivi comuni italiani di provenienza.

La domanda che pongo quindi Ŕ: quali sono i contenuti esatti dell'atto che dobbiamo comunicare al notaio tedesco per essere certi della validitÓ dell'atto sia in Germania che in Italia? Prevedendo che il costo della procedura non sarÓ cosa da poco, Ŕ possibile usufruire di qualche agevolazione per questo tipo di azione?

Ringrazio e porgo i miei migliori saluti.


Anita Barbetti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Sab Dic 15, 2012 8:10 am

StellinaChan ha scritto:
Buongiorno,
innanzitutto complimenti per il sito, trovo sia davvero utile il lavoro che state portando avanti con ammirevole professionalitÓ!

A proposito di matrimonio all'estero, avrei una domanda incentrata sul regime matrimoniale da adottare.

Io (24 anni) e il mio attuale marito (22 anni), entrambi italiani e iscritti all'A.I.R.E., ci siamo sposati a dicembre del 2012 in Germania, ma vorremmo che il nostro regime matrimoniale fosse regolato in base alla normativa italiana, e pi¨ precisamente applicando il regime di separazione dei beni.
Abbiamo chiesto al consolato locale la procedura che infine ci ha consigliato questa modalitÓ: consegnar loro un atto notarile stipulato qui in Germania precedentemente tradotto in italiano da un interprete ufficiale. Successivamente il consolato essendo in possesso di questo atto, si occuperebbe della sua trasmissione ai rispettivi comuni italiani di provenienza.

La domanda che pongo quindi Ŕ: quali sono i contenuti esatti dell'atto che dobbiamo comunicare al notaio tedesco per essere certi della validitÓ dell'atto sia in Germania che in Italia? Prevedendo che il costo della procedura non sarÓ cosa da poco, Ŕ possibile usufruire di qualche agevolazione per questo tipo di azione?

Ringrazio e porgo i miei migliori saluti.


Anita Barbetti
Se in Germania esiste la possibilitß di scegliere successivamente al matrimonio, il regime di separazione dei beni, dovete seguire l'iter previsto dalle normative tedesche in materia e consegnarlo al Consolato per la relativa trscrizione. Se non esiste questa possibilitß il Consolato deve accettarvi e stipulare tale atto nello stesso consolato che ha poteri notariali e trasmetterli in Italia ai due Comuni, al fine che venga annotato nell'atto di matrimonio italiano il regime di separazione dei beni.

Da ricordare che la separazione dei beni in Italia vale solo per i beni presenti nel territorio italiano e non si possono far valere per i beni in Germania e viceversa.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Giuseppe11



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 27.02.14

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Gio Feb 27, 2014 2:57 am

Buongiorno. Sono un cittadino italiano non iscritto all'AIRE. Recentemente mi sono sposato in Cina con una cittadina cinese nell'ottica di vivere in Italia. Dopo il matrimonio mia moglie ha tergiversato per andare a trascrivere l'atto e a distanza di pochi mesi mi ha detto che non se la sente di trasferirsi. Ad oggi non vuole trascrivere nulla, non vuole il visto nŔ trasferirsi. Se non dovesse cambiare idea abbiamo deciso che divorzieremo consensualmente in Cina. Se cosý fosse, non essendo la trascrizione del matrimonio mai avvenuta, dovr˛ trascrivere l'atto di divorzio? Grazie.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Gio Feb 27, 2014 9:18 am

Giuseppe11 ha scritto:
Buongiorno. Sono un cittadino italiano non iscritto all'AIRE. Recentemente mi sono sposato in Cina con una cittadina cinese nell'ottica di vivere in Italia. Dopo il matrimonio mia moglie ha tergiversato per andare a trascrivere l'atto e a distanza di pochi mesi mi ha detto che non se la sente di trasferirsi. Ad oggi non vuole trascrivere nulla, non vuole il visto nŔ trasferirsi. Se non dovesse cambiare idea abbiamo deciso che divorzieremo consensualmente in Cina. Se cosý fosse, non essendo la trascrizione del matrimonio mai avvenuta, dovr˛ trascrivere l'atto di divorzio? Grazie.
Ribadendo a tutti che seppure il matrimonio non sia stato trascritto in Italia Ú comunque valido e quindi ci si deve divorziare per non essere bigami prima di risposarsi, rimanendo non facendolo con una spada di Damocle, poichÚ il matrimonio se scoperto per esempio, dall'Ambasciata italiana o da qualsiasi che ne abbia interesse, puˇ, senza limiti di tempo e prescrizioni, essere trasmesso anche d'ufficio, al Comune italiano con le immaginabili conseguenze penali

Di regola, ma non impositiva e senza conseguenze nemmeno di multe, per affermata giurisprudenza, ci si puˇ divorziare all'estero e presentare congiuntamente la richiesta di trascrizione del matrimonio e di sentenza di divorzio passata in giudicato, anche e volendo in futuro, nel caso ci si voglia risposare o farlo nel caso si venga notificati dal Comune di avvenuta trascrizione del precedente matrimonio, o dall'Autoritß Giudiziaria, dopo esssersi risposato.

In queste ultime ipotesi, esiste il pericolo di non aver rispettato la L 218/95, ma se il divorzio Ú ben fatto in rispetto della suddetta legge italiana, essendo per di pi˙ coniuge straniero extracomunitario residente nel suo paese d'origine che ha acconsentito ad una domanda congiunta o consensuale, non conosco giurisprudenza a sfavore e mi sento orgoglioso di essere stato riconosciuto uno dei migliori specialista in materia, che continua ad aggiornarsi anche delle ultime modifiche e giurisprudenza fino a tre mesi fa.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI   Oggi a 6:26 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» TRASCRIZIONE IN ITALIA - IL M.A.E. DICHIARA - PRECISAZIONI
» Matrimonio in USA e trascrizione in Italia
» trascrizione matrimonio estero e comunione dei beni
» Problema per la trascrizione matrimonio contratto in Moldavia.
» matrimonio in venezuela e divorzio. trascrizione in italia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: MATRIMONIO ALL'ESTERO-
Andare verso: