Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 AIRE e Fiscalita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: AIRE e Fiscalita   Mer Mag 21, 2008 5:38 am

un saluto a Guido Baccoli, che non riesco a contattare da tempo tramite msn.

Sono Italiano, iscritto all' AIRE Ucraina. Ho necessita di un gratuito patrocinio, a tal proposito
viene richiesta una certificazione relativa al mio reddito. Stante la mia "residenza" fuori dell' Italia, l' Ufficio distrettuale delle imposte dirette, mi considera uno sconosciuto "fiscale" pertanto non mi rilascia nessuna certificazione.
A tal proposito ho richiesto al consolato, ai sensi del DPR 200/1967 nota come "legge consolare", l' attestazione del mio reddito (condizione economica), come previsto dall' art. 50 dello stesso DPR.
Il Consolato, mi chiede per rilasciare tale attestazione, una dichiarazione delle autorita fiscali Ucraine.
Recatomi presso il locale ufficio delle tasse, questi si rifiutano di rilasciarmi qualsiasi "attestazione" in quanto non ho in ucraina nessuna attivita di nessun genere ed il mio "visto" e' per "motivi di famiglia".

come posso risolvere questo problema ??

grazie
Tornare in alto Andare in basso
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Mer Mag 21, 2008 4:21 pm

Ricambio cordialmente i saluti.
Non mi trova in msn perchÚ non uso questo programma da molti anni.
Ho spostato questa sua richiesta in questa sezione, corrispondente alla materia imposte e tasse, ai fini di permettere una pi˙ facile lettura per argomento, a favore di tutti i lettori e utenti registrati.

Intanto Ú necessario sottolineare che per essere esente, si deve trattare di un appartamento non classificato di lusso, altrimenti la tassa verrß applicata anche se Ú la prima casa. In attesa di un eventuale ulteriore intervento e/o precisazione dell'esperto in materia di imposte e tasse, il Dr. Angelo Mura, le rispondo riguardo il diritto consolare essendo questa, una delle mie materie di specializzazione.

La soluzione legale e burocratica al suo quesito Ú:
1) compili una dichiarazione sostituiva di dichiarazione o autocertificazione da presentare all'Ufficio Consolare, con la quale dichiara sotto la sua responsabilitß civile e penale, di non avere redditi nello Stato di Residenza AIRE, quindi in Ucraina. L'autocertificazione Ú prevista dal D.P.R. 28 dicembre 2000 n░ 445. Infatti il DPR prevede esattamente l'autocertificazione per, oltre altro: situazione reddituale ed economica, anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali; assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto; assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare del tributo assolto; possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria e inerente all'interessato. Per non essere ripetitivo, puˇ trovare altre utili indicazioni e precisazioni sul sito amico di comuni.it, e in collaborazione anche con il Dr. Sereno Scolaro, a quest'indirizzo web http://www.comuni.it/autocertificazione/ . D'altra parte l'autocertificazione dei redditi, Ú prevista anche per i pensionati residenti all'estero e pure per gli stranieri;
2) L'ufficio Consolare p.sso l'Ambasciata Italiana in Ucraina, deve comunque emettere l'Attestazione di condizione economica, in quanto soccorre l'art 49 del DPR 200/1967: ''L'autoritÓ consolare:......pu˛ rilasciare attestazioni concernenti leggi e consuetudini vigenti in Italia o nello Stato di residenza;.....'' . PoichÚ lei dichiara ed ovviamente su questa sua asserzione ci basiamo dandola per scontata e veritiera, che:
Citazione :
l'Ufficio distrettuale delle imposte dirette, mi considera uno sconosciuto "fiscale" pertanto non mi rilascia nessuna certificazione
, questo rifiuto concerne senza ombra di dubbio alcuno, leggi e consuetudini vigenti nello Stato di residenza, quindi Ú compito e dovere dell'Ufficio Consolare, rilasciarle la relativa attestazione, in rispetto dei succitati artt. 49. e 50.

Un'ultima precisazione per evitare equivoci; in forum non diamo propriamente un patrocinio gratuito, ma risposte ai dubbi sui diritti e doveri, come nel suo ed altri casi, facendo informazione e diffusione del diritto, aiutando a formare coscienze dei propri doveri e diritti, a tutti coloro che lo desiderano e ce lo chiedono. Altra cosa Ú la libera professione o impiego lavorativo remunerato, di ogni esperto moderatore. Seguire una pratica e quindi metterci mano, studiarla e portarla a termine, Ú tutt'altra faccenda.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
DOTT. ANGELO MURA
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 17
EtÓ : 68
LocalitÓ : GINEVRA - SVIZZERA
Data d'iscrizione : 12.02.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Gio Mag 22, 2008 3:07 am

Caro signor " Italiano, iscritto all' AIRE Ucraina ",
intanto Le porgo i miei pi¨ cordiali saluti e passo, senza indugiare oltre, alla conferma su tutta la linea relativa alla risposta dataLe dall' amico e collega dr. Baccoli.
Vorrei aggiungere che Lei pu˛ stilare un "Certificato sostitutivo di atto di notorietÓ", e poi vidmato dal consolato generale d'Italia, dove Lei Ŕ inscritto nell'A.I.R.E.
Poi per quanto concerne lo stato fiscale, quale residente senza nessuna attivitÓ lucrativa, risulta dalla dichiarazione fiscale, che Lei non produce in Ucraina, e ritengo, l'autoritÓ fiscale di questo Paese, non le possa negareLe una attestazione di "Soggetto non imponibile fiscalmente" , oppure allegare al certificato sostitutivo di atto di notorietÓ, il suo tipo di permesso che non consente nessuna attivitÓ lucratina di nessun genere.
Per˛ Lei non mi fa capire il el Suo stato civile, cioŔ se Lei Ŕ sposato o meno con un "Soggetto fiscale residente, e se sposato, con quale regime fiscale.

La saluto cordialmente con la speranza, la prossima volta, di poterla salutare col Suo nome.
Angelo Mura


_________________
DOTT. ANGELO MURA
GINEVRA - SVIZZERA
E-mail: amura@bluewin.ch
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Ven Giu 06, 2008 12:05 am

L'art. 79 dPR 30/5/2002, n. 115, in materia di istanza al patrocinio a spese dello Stato prevede, testualmente:
"""1. L'istanza Ŕ redatta in carta semplice e, a pena di inammissibilitÓ, contiene:

a) la richiesta di ammissione al patrocinio e l'indicazione del processo cui si riferisce, se giÓ pendente;

b) le generalitÓ dell'interessato e dei componenti la famiglia anagrafica, unitamente ai rispettivi codici fiscali;

c) una dichiarazione sostitutiva di certificazione da parte dell'interessato, ai sensi dell'articolo 46, comma 1, lettera o), del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestante la sussistenza delle condizioni di reddito previste per l'ammissione, con specifica determinazione del reddito complessivo valutabile a tali fini, determinato secondo le modalitÓ indicate nell'articolo 76;

d) l'impegno a comunicare, fino a che il processo non sia definito, le variazioni rilevanti dei limiti di reddito, verificatesi nell'anno precedente, entro trenta giorni dalla scadenza del termine di un anno, dalla data di presentazione dell'istanza o della eventuale precedente comunicazione di variazione.

2. Per i redditi prodotti all'estero, il cittadino di Stati non appartenenti all'Unione europea correda l'istanza con una certificazione dell'autoritÓ consolare competente, che attesta la veridicitÓ di quanto in essa indicato.

3. Gli interessati, se il giudice procedente o il consiglio dell'ordine degli avvocati competente a provvedere in via anticipata lo richiedono, sono tenuti, a pena di inammissibilitÓ dell'istanza, a produrre la documentazione necessaria ad accertare la veridicitÓ di quanto in essa indicato.
"""
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Ven Giu 06, 2008 1:19 am

il problema e' che, nel mio caso, trattandosi di una situazioni complessa che prevede spese ingenti di perizie, il tribunale chiede di certificare il mio reddito. In Italia sono sconosciuto alle tasse in quanto residente all' estero, pertanto e' obbligo del consolato italiano, rilasciarmi una dichiarazione in proposito (si veda il DPR 200/1967, ' art. 50 che lo prevede espressamente);

Per URP del ministero esteri, dovrei ottenere una dichiarazione dalle autorita' ucraine (ma io abito in UA per motivi di famiglia e sono sconosciuto fiscalmente), mentre il consolato mi ricomunica, proprio ieri, che non mi rilascia nessuna dichiarazione ... tra l' altro firma il "Cancelliere Capo" Francesco De Stefani Spadafora";

Ho risposto ancora, chiedendo il rispetto del DPR 200/1967 Cap. IV art. 50, il termine della soluzione della pratica, il nominativo del funzionario incaricato e .. di poter accedere ed estrarre copia dal fascicolo.

Per rafforzare la richiesta, ho chiesto di poter accedere alle "provvidenze" per gli indigenti iscritti all' AIRE. Il Consolato risponde che devo produrre "la documentazione sulla sua situazione reddituale" .. che a mio parere, e' quella che deve rilasciarmi lo stesso Consolato.

ho concluso la richiesta con "evidenzio che il rifiuto reiterato a rilasciare un' attestazione espressamente prevista da una norma di legge italiana in vigore, ha conseguenze certamente note al capo della Cancelleria" .

Per inciso, questa storia, va avanti da Ottobre 2007, ora sto comunicando la situazione al ministro degli esteri e a chi ho votato, spero serva a qualcosa.

poi, seguira denuncia penale. Comunque, a mio parere, sono molto stravaganti.

al Dott. Angelo Mura, posso evidenziare, che in UA non mi rilasciano (le autorita ucraine) nessuna dichiarazione inerente il reddito, in quanto malgrado nel passaporto italiano risulta la residenza in UA, per le autorita Ucraine, io ho la qualifica ed il visto di "turista/motivi di famiglia" che per legge, non ha come intraprendere nessuna attivita lavorativa / commerciale, pena l' espulsione.

in sostanza, malgrado manchi dall' Italia da tempo, 16 mesi fa mi sono iscritto all' AIRE per la prima volta .. ne ho ottenuto, esclusivamente problemi e nessun beneficio, in quanto si e' trattati come cittadini di serie "B", decisamente peggio di un qualsiasi immigrato in Italia, per esempio:

Tornare in alto Andare in basso
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Ven Giu 06, 2008 2:42 am

Sono in perfetto accordo e linea con il Dr. Scolaro, il Consolato ha questo specifico compito e Ukresident non puˇ inventare od obbligare uno Stato straniero ad emettere un certificato che non Ú previsto dalle sue normativ,e per dimostrare ciˇ che la legge straniera non prevede; per questo motivo avevo richiamato anche l'art.49 del DPR 200/1967: ''L'autoritÓ consolare:......pu˛ rilasciare attestazioni concernenti leggi e consuetudini vigenti in Italia o nello Stato di residenza;.....'' Altrettanto il Giudice deve osservare le norme dello Stato dove il cittadino italiano Ú residente ufficialmente e quello che puˇ fare Ú richiedere conferma per mezzo A.D. e torniamo al punto, con una certificazione ad hoc.

Non vedo l'utilitß della sua richiesta di accesso agli atti, piuttosto deve fare due mosse:
1) obbligare (per legge Ú previsto), l'autoritß consolare a metterle per iscritto la motivazione del rifiuto di emettere il certificato;
2) secondo come il consolato giustifica la motivazione del rifiuto o si nega di farlo, faccia un'immediata diffida ad adempiere, riportando la motivazione o il rifiuto di darsela e che comunque qualunque sia, Ú illecita, arbitraria se non dolosa.
Questo anche perchÚ se decide di procedere penalmente, senza difida ad adempiere o messa in mora della P.A. o A.D., il penale non va avanti; la giurisprudenza penale parla abbastanza chiaro.

Piuttosto la domanda del Dr Mura se Ú, per fare un esempio, sposato e con quale regime dei beni Ú importante. Per esempio se ha una moglie che produce un reddito pi˙ alto di circa 530 euro, e siete in regime di comunione dei beni, addio al gratuito patrocinio......e cosÝ via- La situazione familiare Ú importantissima.

Ad Angelo non ho detto che per vari ed ovvi motivi, il regolamento prevede di rimanere anonimi, quindi non te la prendere caro amico e scusami se non ti ho avvisato in tempo.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Ven Giu 06, 2008 5:23 am

Salve Guido

non sono sposato (e' programmato nei prossimi mesi il matrimonio), mio Figlio ha 4 anni, e' cittadino Russo, al momento non ho comunicato niente al consolato ne richiesto la cittadinanza italiana.

Giovanni
Tornare in alto Andare in basso
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Sab Giu 07, 2008 1:31 am

Mi permetto di dirti che hai fatto male a non dichiarae tuo figlio. Primo perchÚ Ú tuo dovere di padre (tuo figlio non deve subire conseguenze dalla situazione che hai vissuto) e secondo perchÚ Ú un dovere civico. La dichiarazione ritardata, comporta l'obbligo da parte dell'UdSC italiano della segnalazione alla Procura, quindi se la fai, devi scrivere i motivi di un ritardo di anni, per evitare conseguenze, che quasi mai ci sono perˇ, come professionista, non ti consiglio di rischiare, soprattutto per ciˇ che mi hai dichiarato privatamente. Racconta la veritß e il tuo digusto, motivi che ti hanno fatto riflettere e conseguentemente, ritardare di trasmettere a tuo figlio la cittadinanza italiana. Se deciderai di dichiararlo, metti per iscritto in mezza pagina i tuoi motivi, la tua rabbia, le sofferenze che puoi aver passato, consegnalo insieme alla richiesta di trascrizione e pretendi che questi motivi vengano trasmesso in allegato (come legge prevede) insieme alla domanda. Per sicurezza manda tutto per conoscenza al MAE, al MAI, alla Procura della repubblica e al Presidente della Repubblica e atutte le redazioni di giornali che puoi.

Per il resto, rimango ben fermo nelle posizioni, mosse e consigli, dati nelle mie precedenti.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
sara72



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 06.08.09

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Mer Ago 19, 2009 11:42 am

buongiorno a tutti,
io non so se sto ponendo la domanda nel giusto forum,spero di sý.....
avevo bisogno di un chiarimento.
insieme alla mia famiglia stiamo valutando l'idea di trasferirci in egitto.
purtroppo lasciamo l'italia con qualche insolvenza fiscale,la mia domanda era in egitto si Ŕ" persequibili" per debiti verso l'italia???
e se dovessimo maturare del reddito prodotto in egitto questo verrebbe toccato dalle autoritÓ italiane...
premetto che chiederemmo tutti la residenza in egitto
ringraziandovi in anticipo saluti e grazie a tutti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   Mer Ago 19, 2009 1:09 pm

Il primo suggerimento Ŕ quello di consultare l'apposita Guida dell'Agenzia delle Entrate, reperibile da:
http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Documentazione/Guide+Fiscali/Guida+dichiarazioni+residenti+estero+2008/1_Non_residenti.html

Si osserva che, indipendentemente da ci˛, le pendenze sussistenti vanno in ogni caso assolte, poichÚ, in difetto, l'Amministrazione Finanziaria pu˛ procedere a riscossione coattiva, anche eventualmente rivaklendosi su beni o altri "cespiti" escutibili.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: AIRE e Fiscalita   

Tornare in alto Andare in basso
 
AIRE e Fiscalita
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» AIRE e Fiscalita
» Cittadini italiani residenti AIRE: richiesta documenti uso matrimonio
» MATRIMONI DIVORZI RESIDENZA AIRE RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI VISTI TURI
» Matrimonio in inghilterra tra italiano iscritto AIRE e indiana
» dopo 8 anni vissuti in spagna ho saputo solo ora dell'aire

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: DICHIARAZIONI FISCALI -IMPOSTE E TASSE ITALIANI ALL'ESTERO-
Andare verso: