Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Claudio



Numero di messaggi : 11
LocalitÓ : Roma
Data d'iscrizione : 29.05.08

MessaggioOggetto: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Mag 29, 2008 5:47 pm

Mi Ŕ stato negato ,ovvero Ŕ stato negato ad una cittadina tailandese, un visto per turismo della durata di 30 giorni , dall' ambasciata italiana a Bangkok ,in data 13 maggio con un provvedimento di diniego di visto non motivato(considerate le implicazioni attinenti la sicurezza e l'ordine pubblico).
E' inutile dirle che secondo me tutti I documenti presentati erano apposto ma ormai leggendo da varie parti sembra che purtroppo questa sia una brutta abitudine delle rappresentanze italiane all'estero.
Volevo sapere quando possiamo ripresentare una nuova richiesta di visto e se c'Ŕ un tempo minimo di giorni da aspettare dal 13/05. Volevo sapere anche quante volte si pu˛ richiedere un visto per turismo se esso ha avuto pi¨ volte esito negativo.
Grazie e un saluto a tutti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Iura
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 46
LocalitÓ : ROMA
Data d'iscrizione : 22.02.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Giu 05, 2008 8:38 am

Buongiorno Claudio, innanzi tutto benvenuto e scusa se non ti ho risposto prima. Ho avuto dei problemi di virus nel computer, che fortunatamente sembrano risolti.

Mi dispiace per il diniego, ti comprendo ci sono passata anchĺio.

Per darti un poĺ di speranza, posso dirti che, alla fine, dopo tanto lavoro e studio, sono riuscita ad ottenere il visto turistico per il mio fidanzato e spero che presto possa accadere lo stesso anche a te.

Per rispondere alla tua prima domanda, non ci sono limiti temporali prescritti dalla legge per ripresentare la domanda di concessione del visto turistico a seguito di un provvedimento di diniego.

Ti dico francamente che per˛ Ŕ alquanto inutile riproporre sic et sempliciter il medesimo quadro giÓ presentato, con la medesima documentazione per intenderci.

La probabilitÓ di ottenere un risultato diverso Ŕ molto improbabile.

Il consiglio che posso darti Ŕ controllare accuratamente tutta la documentazione, verificare se la stessa sia legale anche per la legge del luogo e verificare di non aver fatto errori nella compilazione dei moduli.

Entrare pi¨ nel dettaglio Ŕ, allo stato, impossibile non conoscendo la tua situazione nel particolare.

Inoltre cĺŔ da dire che i motivi che sottendono un provvedimento di diniego del visto turistico sono molteplici ed in pi¨ va considerato che la legge concede alle Ambasciate una discrezionalitÓ nella valutazione dei requisiti dai margini molto ampi (tanto da sfociare a volte in mero arbitrio)

Considerando tutti questi aspetti, risulta molto complicato capire cosa ha indotto lĺAmbasciata, nel tuo caso, a non concedere il visto.

Sarebbe giusto e logico conoscere la motivazione del diniego, ma sappiamo bene che le Ambasciate, nonostante le varie pronunce del TAR Lazio, continuano a celarsi dietro il principio, male interpretato aggiungo, della necessaria tutela dellĺordine pubblico e della sicurezza pubblica.

Una parentesi: chiaramente ho dato per scontato che il richiedente non abbia segnalazioni al S.I.S., nel qual caso lĺAmbasciata avrebbe tutte le ragioni legittime per negare il visto turistico, senza alcuna motivazione.

Quindi, riassumendo, il mio consiglio e rivedere accuratamente tutti i documenti e cercare di presentare un quadro generale migliore del precedente.

Se poi avessi la necessitÓ di maggiori dettagli, scrivici pure i particolari del tuo caso e cercheremo di consigliarti nel migliore dei modi.

Per quanto riguarda la seconda domanda: non ne sono certa, ma mi sembra che il Dott. Baccoli una volta parlando, mi avesse indicato il limite massimo di tre volte di presentazione della richiesta.

Ora per˛ non ricordo bene.. dovremo aspettare il suo intervento in merito.

Ti saluto e spero di averti aiutato.

Iura

_________________
Iura7380@yahoo.it
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Claudio



Numero di messaggi : 11
LocalitÓ : Roma
Data d'iscrizione : 29.05.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Giu 05, 2008 2:01 pm

Ciao Iura e grazie per la risposta.

Per quanto riguarda la documentazione presentata all'ambasciata fondamentalmente Ŕ quella che Ŕ riportata sul sito del ministero affari esteri, ovvero:
- Passaporto;
- Dichirazione d'ospitalitÓ con allegata copia del mio documento;
- Fidejussione bancaria che copriva tutto il periodo che sarebbe dovuta stare qui con una cifra calcolata a secondo della tabella ministeriale;
- Polizza sanitaria per stranieri extracomunitari con massimale 30000 euro;
- Prenotazione biglietto aereo andata ritorno con date chiuse;
- Dichirazione del suo datore di lavoro che attestava da quanto tempo lavora li, che aveva quel periodo di ferie e che sarebbe stata riassunta al ritorno;
- Copia del suo libretto bancario con copia degli ultimi 5 mesi dei movimenti dello stesso;
- Il formulario della domanda preso direttamente il giorno dell'appuntamento in ambasciata.

Io ho 34 anni lei 31 quindi nemmeno una gande differenza di etÓ ma purtroppo questo non Ŕ servito come ho giÓ detto.
Se pensi che avrei potuto aggiungere qualcosa in pi¨ ti sarei grato se me lo dicessi.

Per quanto riguarda quante volte si pu˛ riprovare aspetter˛ per sicurezza l'intervento del Dott. Baccoli.

Grazie di nuovo ed un saluto,

Claudio.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Iura
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 46
LocalitÓ : ROMA
Data d'iscrizione : 22.02.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Giu 05, 2008 3:58 pm

dalla documentazione che hai indicato sembra che non ci siano problemi rilevanti.
Posso consigliarti di verificare la compilazione del modello di richiesta e poi di aggiungere:
copie del tuo passaporto da dove si evince quante volte sei stato in Thailandia, tabulati telefonici per provare la serietÓ del rapporto con la tua ragazza (cioŔ che dura da un p˛ di tempo e che vi sentite con regolaritÓ).
poi controlla anche che la somma che la tua ragazza ha sul conto bancario non sia eccessivamente esigua e controlla anche che sia provato che ci siano i versamenti dello stipendio (devono corrispondere le somme versate a quelle indicate sul documento del lavoro)

Queste Claudio sono solo "dritte" perchŔ la legge non parla di tutto questo.
Se la legge fosse applicata alla lettera non servirebbe.
Ma per il discorso che ti facevo prima, questo non succede mai.

Io ho studiato tanto la materia, anche con l'aiuto del Dott. Baccoli, che mi ha spiegato molte cose che la legge non dice, ma che sono considerate importantissime dalle Ambasciate.

Anche se sono un avvocato e la legge la so leggere ed interpretare, non avrei mai ottenuto nulla senza il suo aiuto e per questo lo ringrazier˛ sempre.

Poi ci ho messo un p˛ di testardaggine e sono riuscita a capire che cosa aveva determinato il diniego al mio fidanzato.

E' inutile dirti che non ero assolutamente d'accordo con loro e la ragione che mi hanno detto mi sembrava assurda.

per˛, sono riuscita a capire come agire e che documentazione aggiuntiva produrre.

Ho anche aggiunto una e-mail indirizzata al Responsabile dell'Ufficio visti, dove spiegavo la nostra storia, la serietÓ del legame che ci unisce e l'importanza per me di farlo conoscere alla mia famiglia.

inoltre stavolta il mio fidanzato Ŕ stato pi¨ calmo, l'intervista Ŕ andata bene.

in sostanza dovreste provare in tutti i modi che le intenzioni sono le migliori e che non sussiste nessun pericolo di immigrazione clandestina (probabilmente da qualche parte nella documentazione lo hanno paventato!)

fammi sapere se vuoi conoscere maggiori dettagli, spero che la mia esperienza possa aiutarti.

_________________
Iura7380@yahoo.it
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Claudio



Numero di messaggi : 11
LocalitÓ : Roma
Data d'iscrizione : 29.05.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Ven Giu 06, 2008 6:12 pm

Ma, sai , la somma sul suo conto bancario non era nemmeno esigua per essere di un cittadino thailandese , e per le altre "dritte" era la prima volta che provavo e ingenuamente pensavo che avendo i documenti ok ci sarei potuto riuscire.

Comunque ci riprover˛, per˛ vorrei essere sicuro di quante volte si pu˛ come avevo detto antecedentemente.

Aspetto vostre notizie

ciao
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Sab Giu 07, 2008 1:17 am

Mi scuso del ritardo con cui rispondo, perˇ purtroppo mia moglie ed io di conseguenza, abbiamo un lutto familiare che ci ha preso di sorpresa.
Come giustamente osserva Iura, non esistono regole certe e la legge Ú totalmente disattesa e troppo spesso, interpretata arbitrariamente.
Brutta parola, ma il ''trucco'' sta nell'esperienza e nel conoscere quali siano i requisiti reputati pi˙ importanti in Thaylandia, da parte degli addetti e/o del funzionario responsabile. In tanti anni di professione ho accettato solo 6 casi di visto per turismo, proprio per non poter dare un minimo di garanzie al cliente.

Non mi piace perdere, soprattutto se esiste un diritto e ho vinto prima o poi, con tutti i clienti che hanno avuto la pazienza e il coraggio di seguire gradualmente tutte le tappe, fino ad arrivare ad eventuali drastici ''rimedi'' legali, che come ultima spiaggia Ú la denuncia alla Procura della Repubblica.
Con il visto di turismo non ho spazi e mezzi extragiudiziali, per poter intraprendere i summenzionati mezzi.

Iura Ú una grande amica e se ho accettato il suo caso, Ú perchÚ era decisa a ricorrere al TAR, in caso di un secondo rifiuto.
La risposta a quante volte e dopo quanto tempo si puˇ ripresentare la domanda, Ú che la normativa non prevede tempi, quindi in teoria si puˇ ripresentare anche il giorno dopo. Ovvio che in pratica ed intelligentemente, si fanno passare alcuni mesi, con aggiunta di documentazione e un cambio di situazione economica documentata, in positivo, dell'invitato.

Nel tuo caso direi che a ''lume di naso'' dovrebbe avere una proprietß immobile o mobile (auto per fare un esempio) che in prima istanza non si Ú presentato; oppure un conto corrente di 8 - 10 volte lo stipendio medio Taylandese.
Ho sempre sostenuto e cosÝ ho avuto vinti eccetto uno, i casi di visto turistico, che Ú bene specificare nel modulo Shengen, oltre a mettere la crocetta su visto turistico e alla voce altre seguito da puntini, precisare di voler conoscere la famiglia del promesso futuro coniuge, usi e costumi italiani.
Una lettera elettronica seguita da fax, spiegando che la relazione Ú seria, che dura da un tempo ragionevole, ma che non si vuole correre il rischio di arrivare al matrimonio prima di avere queste conoscenze e verificare se oltre i caratteri, anche gli stili di vita spesso totalmente diversi, possano essere superati e conciliabili, con una visione pratica di questa fattibilitß.

Tutti i consigli di Iura sono validissimi (telefonate, viaggi etc.) e in fondo, sono la base per avere pi˙ probabilitß.
Per ultimo, non certo per iportanza, la presenza dell'invitato, il suo modo di presentarsi (sicuro, incerto, contradditorio etc), di agire, di muoversi, di parlare e perfino di vestire (il classico paradosso che ''l'abito fa il monaco'').
Triste, ma questa Ú la realtß, almeno fin'ora o fin quando le persone decideranno di ricorrere di pi˙ al TAR o ancora, aspettare un chiarimento o una modifica della norma.
In bocca al lupo e crepi.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Claudio



Numero di messaggi : 11
LocalitÓ : Roma
Data d'iscrizione : 29.05.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Sab Giu 07, 2008 5:01 am

Dott. Baccoli innanzitutto le faccio le condoglianze, anche se personalmente non ho il piacere di conoscerla, e la ringrazio per l'intervento.

Tra poco ci riproveremo e non mancher˛ di farle sapere l'esito.

Un saluto
Claudio.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Iura
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 46
LocalitÓ : ROMA
Data d'iscrizione : 22.02.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Sab Giu 07, 2008 1:01 pm

Direi che, come sempre, l'intervento del Dott. Baccoli sia stato perfetto.. in sostanza Claudio, presentate un quadro economico pi¨ importante, in modo da far evincere con chiarezza gli interessi della tua fidanzata nel paese di origine.
E poi incrociamo le dita..
Facci sapere Claudio e.. in bocca al lupo!!!

Iura

_________________
Iura7380@yahoo.it
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
lidia



Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 18.12.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Mer Gen 21, 2009 6:41 pm

grazie, veramente per le delucidazioni. sto capendo solo adesso cosa significa chiedere e ottenere un visto turistico. pensavo che con la lettera d'invito, fidejussione ecc. fosse una cosa semplice!!!il mio amico ha molti e direi tutti i suoi interessi in marocco: moglie, figli, casa, auto.. abbiamo formato insieme una societÓ turistica in marocco e addirittura stiamo costruendo con la societÓ un albergo, sempre in marocco(questo non so se al momento Ŕ dimostrabile, devo verificare); comunque una serie di attivitÓ che non lo farebbero mai restare uin italia. vuole solo conoscere la famiglia, il paese, la vita della sua socia italiana, io, dal momento che io conosco cosý bene la sua, essendo stata pi¨ di una volta a casa sua in marocco. mi sembra di capire che devo puntare su questo. p.e. faccio la copia dello statuto della societÓ, faccio procurare dove possibile documenti che attestano la proprietÓ delle sue cose, copia conto bancario, e come diceva iura, copia della parte del passaporto che attestano i miei ingressi in marocco (o in questo caso non interessa)?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Mer Gen 21, 2009 11:40 pm

Se puoi dimostrare la societß turistica in Marocco, lascia perdere il visto turistico e fai chiedere quello per affari. Almeno se lo negano devono motivarlo per iscritto e si puˇ sapere con esattezza, come contrastare l'eventuale, ma meno improbabile di quella del visto turistico, decisione di rigetto.
Anche in questo caso non Ú di pi˙ presentare tutta la documentazione che dimostra il suo status, social economico.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
lidia



Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 18.12.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Gen 22, 2009 8:32 am

grazie per questo ulteriore e fondamentale consiglio. figurati che non avevo preso in considerazione il visto per affari pensando che fosse pi¨ complicato! quindi scrivo io una lettera d'invito sulla falsa riga di quella d'invito da parte di impresa italiana. in questo caso posso farla su carta semplice o servono timbri e firma di un legale come indicato nel modulo fornito dal consolato? la documentazione della societÓ Ŕ a posto. come finalitÓ del soggiorno metterei "divulgazione attivitÓ turistica svolta in marocco dalla societÓ, presso agenzie turistiche in milano" pu˛ essere sufficiente? intanto grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Gen 22, 2009 2:25 pm

Gent.ma Lidia, un saluto.

lidia ha scritto:
grazie per questo ulteriore e fondamentale consiglio. figurati che non avevo preso in considerazione il visto per affari pensando che fosse pi¨ complicato! quindi scrivo io una lettera d'invito sulla falsa riga di quella d'invito da parte di impresa italiana. in questo caso posso farla su carta semplice o servono timbri e firma di un legale come indicato nel modulo fornito dal consolato? la documentazione della societÓ Ŕ a posto. come finalitÓ del soggiorno metterei "divulgazione attivitÓ turistica svolta in marocco dalla societÓ, presso agenzie turistiche in milano" pu˛ essere sufficiente? intanto grazie

Una lettera di invito pu˛ essere fatta in carta semplice, senza particolari timbri che non siano della societÓ invitante e accompagnata solo dalla fotocopia firmata di un documento di identitÓ dell'invitante.

E' valida cosý per un visto turistico e lo sarÓ anche per un visto per affari.

Un saluto ed in bocca ai lupi burocratici consolari,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
lidia



Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 18.12.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Ven Gen 23, 2009 4:47 pm

grazie anche per questa risposta. bene, allora ci riproviamo. ho idea che strada facendo mi verranno in mente altre cose da chiedervi, intanto crepino i lupi burocratici consolari!! un saluto a tutti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Mino



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 02.02.09

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Lun Feb 02, 2009 11:26 am

Salve,
credo che questo sia il tread giusto dove fare la mia richiesta altrimenti admin potete spostarlo!!!
Laughing

Mi sono appena visto RIFIUTARE dall'ambasciata Italiana di alessandria d'egitto(ovviamente senza motivazione come di consueto mi sembra di capire) un Visto turistico per mia sorella Salma.
Vorrei sapere quali possibilitÓ ho per ottenere questo visto riprovando a fare l'invito o che altri mezzi ci sono a disposizione per ottenerlo oltre la "semplice" riproposta.

Vi chiarisco il mio caso personale:
L'invito Ŕ stato richiesto da me che sono cittadino Italiano di madre italiana (nato e vissuto sempre e solo in Italia con sola cittadinanza italiana e non egiziana) e padre egiziano che si Ŕ risposato con donna egiziana ed ho quindi tre fratelli residenti in egitto di sola cittadinanza egiziana.

Ho inviato nella fattispecie:

- Invito per visto turistico con assunzione di responsabilita,alloggio,sostentamento economico,sanitario,ecc ecc
- Certificazione di contratto di lavoro a tempo INDETERMINATO con buste paga e cud (lavoro da 11 anni per una delle pi¨ grandi aziende italiane)
-Certificato di proprietÓ del MIO appartamento a Roma dove vivo e risiedo.
-Passaporto e carta d'identitÓ

Mia sorella ha invece presentato:

- contratto di lavoro come guest relation per una grande catena alberghiara in marsa alam con buste paga ed estratti conto bancari con ricevute degli ultimi stipendi (3000 pound egiziani/mese quando uno stipendio da operaio Ŕ di 1000 pound).
-Certificazione originale dell'uffico del lavoro egiziano relativamente alla veridicitÓ della sua posizione lavorativa.
-Estratto originale di un CC bancario in euro a SUO nome della banca di alessandria con un deposito appunto di 5000,00 euro (35.000 pound egiziani!!!),considerate che abbiamo chiesto un visto per due sole settimane ed il plafond in cash richiesto da tabulati Ŕ di appena 450 euro!!!
-prenotazione volo aereo
-assicurazione medica per l'estero
- contratto di affitto dell'appartamento dove risiede in egitto
- contratto di lavoro decennale e buste paga di sua madre

Cosa posso ancora aggiungere per avere un esito diverso dal diniego? avete qualche suggerimento? io personalmente nn ho provato a fare nessuna telefonata all'ambasciata ma ero molto fiducioso e quasi convinto di un esito positivo.
sarebbe utile a questo punto provare a contattare telefonicamente l'ambasciata o nn ha alcun senso?

L'unica cosa che posso dire Ŕ che due anni fa l'altra mia sorella Sara ( egiziana) ha ottenuto un visto turistico sempre tramite un mio invito con molte meno garanzie di questa volta, Ŕ per˛ poi rimasta in italia chiedendo un soggiorno (ottenuto) per coesione familiare con me e tuttora vive,lavora e risiede in Italia.
(ovviamente lei pu˛ entrare ed uscire quando vuole).
Pu˛ questo avere influito sulle loro decisioni?
E se cosý cosa posso fare?
Vi ringrazio sin d'ora delle future gentili risposte
Massimo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Lun Feb 02, 2009 12:11 pm

Gent.mo Mino, un saluto.

Mino ha scritto:
Salve,
credo che questo sia il tread giusto dove fare la mia richiesta altrimenti admin potete spostarlo!!!
Laughing

Mi sono appena visto RIFIUTARE dall'ambasciata Italiana di alessandria d'egitto(ovviamente senza motivazione come di consueto mi sembra di capire) un Visto turistico per mia sorella Salma.
Vorrei sapere quali possibilitÓ ho per ottenere questo visto riprovando a fare l'invito o che altri mezzi ci sono a disposizione per ottenerlo oltre la "semplice" riproposta.

Vi chiarisco il mio caso personale:
L'invito Ŕ stato richiesto da me che sono cittadino Italiano di madre italiana (nato e vissuto sempre e solo in Italia con sola cittadinanza italiana e non egiziana) e padre egiziano che si Ŕ risposato con donna egiziana ed ho quindi tre fratelli residenti in egitto di sola cittadinanza egiziana.

Ho inviato nella fattispecie:

- Invito per visto turistico con assunzione di responsabilita,alloggio,sostentamento economico,sanitario,ecc ecc
- Certificazione di contratto di lavoro a tempo INDETERMINATO con buste paga e cud (lavoro da 11 anni per una delle pi¨ grandi aziende italiane)
-Certificato di proprietÓ del MIO appartamento a Roma dove vivo e risiedo.
-Passaporto e carta d'identitÓ

Mia sorella ha invece presentato:

- contratto di lavoro come guest relation per una grande catena alberghiara in marsa alam con buste paga ed estratti conto bancari con ricevute degli ultimi stipendi (3000 pound egiziani/mese quando uno stipendio da operaio Ŕ di 1000 pound).
-Certificazione originale dell'uffico del lavoro egiziano relativamente alla veridicitÓ della sua posizione lavorativa.
-Estratto originale di un CC bancario in euro a SUO nome della banca di alessandria con un deposito appunto di 5000,00 euro (35.000 pound egiziani!!!),considerate che abbiamo chiesto un visto per due sole settimane ed il plafond in cash richiesto da tabulati Ŕ di appena 450 euro!!!
-prenotazione volo aereo
-assicurazione medica per l'estero
- contratto di affitto dell'appartamento dove risiede in egitto
- contratto di lavoro decennale e buste paga di sua madre

Cosa posso ancora aggiungere per avere un esito diverso dal diniego? avete qualche suggerimento? io personalmente nn ho provato a fare nessuna telefonata all'ambasciata ma ero molto fiducioso e quasi convinto di un esito positivo.
sarebbe utile a questo punto provare a contattare telefonicamente l'ambasciata o nn ha alcun senso?

L'unica cosa che posso dire Ŕ che due anni fa l'altra mia sorella Sara ( egiziana) ha ottenuto un visto turistico sempre tramite un mio invito con molte meno garanzie di questa volta, Ŕ per˛ poi rimasta in italia chiedendo un soggiorno (ottenuto) per coesione familiare con me e tuttora vive,lavora e risiede in Italia.
(ovviamente lei pu˛ entrare ed uscire quando vuole).
Pu˛ questo avere influito sulle loro decisioni?
E se cosý cosa posso fare?
Vi ringrazio sin d'ora delle future gentili risposte
Massimo.

Direi che quasi sicuramente ha influito la situazione della sorella che ha chiesto la coesione familiare. Quasi sicuramente vi Ŕ un archivio di queste situazioni, che i consolati consultano.

Si pu˛ solo fare ora un ricorso al TAR, con buone probabilitÓ di vittoria, dato che per questo visto c'Ŕ un interesse familiare pi¨ che legittimo che Ŕ stato violato senza adeguata motivazione. Ha tempo due mesi (se non sbaglio) dalla comunicazione del diniego.

Un cordiale saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Lun Feb 02, 2009 2:41 pm

Confermo, ha tempo 60 gg per ricorrere.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3624
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Lun Feb 02, 2009 8:14 pm

Mino ha scritto:
Salve,
credo che questo sia il tread giusto dove fare la mia richiesta altrimenti admin potete spostarlo!!!
Laughing

Mi sono appena visto RIFIUTARE dall'ambasciata Italiana di alessandria d'egitto(ovviamente senza motivazione come di consueto mi sembra di capire) un Visto turistico per mia sorella Salma.
Vorrei sapere quali possibilitÓ ho per ottenere questo visto riprovando a fare l'invito o che altri mezzi ci sono a disposizione per ottenerlo oltre la "semplice" riproposta.

Vi chiarisco il mio caso personale:
L'invito Ŕ stato richiesto da me che sono cittadino Italiano di madre italiana (nato e vissuto sempre e solo in Italia con sola cittadinanza italiana e non egiziana) e padre egiziano che si Ŕ risposato con donna egiziana ed ho quindi tre fratelli residenti in egitto di sola cittadinanza egiziana.

Ho inviato nella fattispecie:

- Invito per visto turistico con assunzione di responsabilita,alloggio,sostentamento economico,sanitario,ecc ecc
- Certificazione di contratto di lavoro a tempo INDETERMINATO con buste paga e cud (lavoro da 11 anni per una delle pi¨ grandi aziende italiane)
-Certificato di proprietÓ del MIO appartamento a Roma dove vivo e risiedo.
-Passaporto e carta d'identitÓ

Mia sorella ha invece presentato:

- contratto di lavoro come guest relation per una grande catena alberghiara in marsa alam con buste paga ed estratti conto bancari con ricevute degli ultimi stipendi (3000 pound egiziani/mese quando uno stipendio da operaio Ŕ di 1000 pound).
-Certificazione originale dell'uffico del lavoro egiziano relativamente alla veridicitÓ della sua posizione lavorativa.
-Estratto originale di un CC bancario in euro a SUO nome della banca di alessandria con un deposito appunto di 5000,00 euro (35.000 pound egiziani!!!),considerate che abbiamo chiesto un visto per due sole settimane ed il plafond in cash richiesto da tabulati Ŕ di appena 450 euro!!!
-prenotazione volo aereo
-assicurazione medica per l'estero
- contratto di affitto dell'appartamento dove risiede in egitto
- contratto di lavoro decennale e buste paga di sua madre

Cosa posso ancora aggiungere per avere un esito diverso dal diniego? avete qualche suggerimento? io personalmente nn ho provato a fare nessuna telefonata all'ambasciata ma ero molto fiducioso e quasi convinto di un esito positivo.
sarebbe utile a questo punto provare a contattare telefonicamente l'ambasciata o nn ha alcun senso?

L'unica cosa che posso dire Ŕ che due anni fa l'altra mia sorella Sara ( egiziana) ha ottenuto un visto turistico sempre tramite un mio invito con molte meno garanzie di questa volta, Ŕ per˛ poi rimasta in italia chiedendo un soggiorno (ottenuto) per coesione familiare con me e tuttora vive,lavora e risiede in Italia.
(ovviamente lei pu˛ entrare ed uscire quando vuole).
Pu˛ questo avere influito sulle loro decisioni?
E se cosý cosa posso fare?
Vi ringrazio sin d'ora delle future gentili risposte
Massimo.

Alcune ambasciate estendono anche ai fratelli e sorelle di cittadino UE ,la possibilitß di avere un visto turistico per familiare di cittadino comunitario C1,C5 ecc.
Forse presentando gli atti di stato civile e non tutte quelle garanzie economiche,forse vi andava meglio anche se c'Ú da dire che a parte per coniuge,genitori e figli le rappresentanze diplomatiche italiane lo concedono con molta discrezione alle altre categorie di familiare UE...Se pi˙ avanti riuscirete a dimostrare il carico,potreste chiedere un visto per ric.fam. ai sensi del dlgs.30/2007.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Mino



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 02.02.09

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Mer Feb 04, 2009 11:30 am

Grazie per la rapida e cortese risposta.
Che tempi hanno solitamente queste cause al Tar?dal momento in cui facessi denuncia tra quanto pi¨ o meno potrei ottenere il visto?
Ed i costi se dovessi perdere la causa pi¨ o meno in cosa consistono?
Grazie ancora.
Massimo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Mino



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 02.02.09

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Feb 05, 2009 5:45 am

bostik ha scritto:


Alcune ambasciate estendono anche ai fratelli e sorelle di cittadino UE ,la possibilitß di avere un visto turistico per familiare di cittadino comunitario C1,C5 ecc.
Forse presentando gli atti di stato civile e non tutte quelle garanzie economiche,forse vi andava meglio anche se c'Ú da dire che a parte per coniuge,genitori e figli le rappresentanze diplomatiche italiane lo concedono con molta discrezione alle altre categorie di familiare UE...Se pi˙ avanti riuscirete a dimostrare il carico,potreste chiedere un visto per ric.fam. ai sensi del dlgs.30/2007.

BŔ avevo dimenticato di metterle nell'elenco ma ovviamente insieme alle garanzie economiche ho presentato anche tutti gli atti civili,estratti di nascita,matrimonio dei miei,ecc ecc che dimostrano che siamo fratelli.
Credo che mi rimanga a questo punto solo il ricorso al TAR, mi avete detto entro 60 gg, qualcuno invece sa darmi orientativamente tempi e costi da sostenere per un eventuale ricorso?
Grazie a tutti siete gentilissimi!!!
Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Mino



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 02.02.09

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Feb 05, 2009 5:52 am

bostik ha scritto:


Alcune ambasciate estendono anche ai fratelli e sorelle di cittadino UE ,la possibilitß di avere un visto turistico per familiare di cittadino comunitario C1,C5 ecc.
Forse presentando gli atti di stato civile e non tutte quelle garanzie economiche,forse vi andava meglio anche se c'Ú da dire che a parte per coniuge,genitori e figli le rappresentanze diplomatiche italiane lo concedono con molta discrezione alle altre categorie di familiare UE...Se pi˙ avanti riuscirete a dimostrare il carico,potreste chiedere un visto per ric.fam. ai sensi del dlgs.30/2007.

PS: Mia sorella voleva solo venire in vacanza per due settimane, non ha intenzione di rimanere in italia, che senso avrebbe chiedere un visto per ricongiungimento familiare? finchŔ nn decida di venire qui stabilmente sarebbe solo sprecare una opportunitÓ futura credo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Gio Feb 05, 2009 5:56 pm

Ricorra al TAR e non si dimentichi di chiedere i danni materiali (da specificare con documentazione, incluse le spese legali e di avvocato se ci sono, e morali). PoichÚ chi ricorre Ú sua sorella, se ha un reddito basso, puˇ chiedere ed ottenere il Patrocinio gratuito. In questo caso i costi totali non dovrebbero superare i 400 euro e i tempi sono variabili a seconda della regione, ma di solito sono dai tre ai cinque mesi.

Quando vince la causa (sempre non abbia commesso errori od omissioni nella documentazione presentata) faccia istanza alla Corte dei Conti perchÚ addebitino i soldi pubblici sprecati per una causa che non doveva essere fatta in quanto il visto per turismo, soprattutto per un familiare, non puˇ essere negato se non per pericolo alla sicurezza pubblica.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Mino



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 02.02.09

MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Lun Feb 09, 2009 7:26 am

Gentile Sig Baccoli,
La ringrazio infinitamente per tutte le info che mi sta fornendo .

Sarebbe cosý gentile da illustrarmi su alcuni dettagli sul ricorso al TAR?

-Dove si deve fare ricorso al tar? Io sono a Roma e mia sorella in egitto
chi deve fare il ricorso? come e dove?e cosa devo presentare per fare tale
ricorso?che documentazione?

-per quanto riguarda il patrocinio gratuito del quale parlava a chi bisogna
rivolgersi? e come viene considerato il reddito? mia sorella ha uno stipendio mensile
di 3000 pound egiziani che equivalgono a circa 400 euro mese, ma il
reddito va considerato in italia o in egitto?

-Lei sa indicarmi qualche centro a roma dove possa rivolgermi per avere
sostegno in tutto questo?

-Per quanto riguarda la documentazione presentata,come gia elencavo nel
forum abbiamo portato tutte le garanzie economiche del caso,unica cosa che
invece di una fidejussione da parte mia,salma ha portato un conto in banca a
proprio nome ma con cifra 10 volte superiore a quella richiesta (con
estratto conto in originale),i documenti anagrafici che dimostrano la
parentela, la lettera di invito da parte mia e la richiesta scrittA di visto
da parte sua, cosa potremmo avere omesso che potrebbe nn farci vincere la
causa?

La ringrazio molto per la cortese attenzione.

Massimo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare   Oggi a 11:56 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Diniego visto per turismo dopo quanto tempo si p¨˛ riprovare
» Diniego di visto
» DINIEGO VISTO PER TURISMO A CITTADINO KENYANO
» Quanto tempo ci vuole per sposarsi in comune
» COSA SI FA DOPO IL MATRIMONIO???

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: