Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Visto per civil partner dello stesso sesso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Filippo Carcaci



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 28.04.11

MessaggioOggetto: Visto per civil partner dello stesso sesso   Gio Apr 28, 2011 11:48 am

Sono cittadino Italiano e da Gennaio anche cittadino Britannico. Questo per facilitare la civil partnership (unione civile) col mio fidanzato che e' cittadino libanese.
Ci sposeremo a fine luglio. Al mio partner verra' concesso un visto per l'UK di due anni, dopo due anni il permesso di soggiorno perenne, e dopo un altro anno la cittadinanza inglese.
Ho molte domande e non so se qualcuno puo' aiutarmi:
1) Devo comunicare il fatto che non sono piu' "celibe" all'AIRE?
2) In quanto civil partner di un cittadino Schengen (ma secondo la legge UK che non e' in schengen) il mio partner puo' circolare liberamente in schengen o deve chiedere dei visti di volta in volta (lui avra' solo il passaporto libanese, visto che l'UK non rilascia carte d'identita'). Da notare che lui ha gia' ottenuto vari visti turistici di 6 mesi da vari paesi SCHENGEN (Polonia, Grecia, Italia, Spagna)
3) L'Italia in particolare gli riconoscera' qualche diritto?
4) Posso eventualmente chiedere il riconoscimento della nostra unione e quindi facilitare il suo ingresso in area Schengen in maniera piu' permantente a uno stato membro che riconosce i matrimoni/unioni civili tra persone dello stesso sesso?
5) Mi e' stato proposto un lavoro in Italia, non l'ho preso in considerazione per vari motivi, ma se invece volessi, come posso fare affinche' il mio partner mi segua (e possa anche lui lavorare in Italia?)

Grazie delle risposte
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Visto per civil partner dello stesso sesso   Gio Apr 28, 2011 12:16 pm

Filippo Carcaci ha scritto:
Sono cittadino Italiano e da Gennaio anche cittadino Britannico. Questo per facilitare la civil partnership (unione civile) col mio fidanzato che e' cittadino libanese.
Ci sposeremo a fine luglio. Al mio partner verra' concesso un visto per l'UK di due anni, dopo due anni il permesso di soggiorno perenne, e dopo un altro anno la cittadinanza inglese.
Ho molte domande e non so se qualcuno puo' aiutarmi:
1) Devo comunicare il fatto che non sono piu' "celibe" all'AIRE?
2) In quanto civil partner di un cittadino Schengen (ma secondo la legge UK che non e' in schengen) il mio partner puo' circolare liberamente in schengen o deve chiedere dei visti di volta in volta (lui avra' solo il passaporto libanese, visto che l'UK non rilascia carte d'identita'). Da notare che lui ha gia' ottenuto vari visti turistici di 6 mesi da vari paesi SCHENGEN (Polonia, Grecia, Italia, Spagna)
3) L'Italia in particolare gli riconoscera' qualche diritto?
4) Posso eventualmente chiedere il riconoscimento della nostra unione e quindi facilitare il suo ingresso in area Schengen in maniera piu' permantente a uno stato membro che riconosce i matrimoni/unioni civili tra persone dello stesso sesso?
5) Mi e' stato proposto un lavoro in Italia, non l'ho preso in considerazione per vari motivi, ma se invece volessi, come posso fare affinche' il mio partner mi segua (e possa anche lui lavorare in Italia?)

Grazie delle risposte

Salve,
tematiche interessanti le sue.Diciamo che l'Italia non ha brillato nel recepire la CE/38/2004,il nostrano dlgs.30/2007 ha varie pecche...L'Italia non riconosce le unioni di fatto o matrimoni tra persone dello stesso sesso,quindi lei all'AIRE non deve comunicare nulla.Un visto Schengen dal consolato italiano non l'avrß mai,meglio provare con Francia o Olanda.In Italia,se decidete di trasferirvi di fronte ad una CDS britannica,Ú probabile che poi concedano la CDS italiana,anche se ci sarß da lottare parecchio in questura.Si hanno notizie perˇ di qualche eccezione,un cittadino italiano stipulˇ un unione di fatto in Olanda con una persona dello stesso sesso e la questura italiana poi diede la CDS.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Visto per civil partner dello stesso sesso   Mar Mag 03, 2011 8:21 pm

bostik ha scritto:
Filippo Carcaci ha scritto:
Sono cittadino Italiano e da Gennaio anche cittadino Britannico. Questo per facilitare la civil partnership (unione civile) col mio fidanzato che e' cittadino libanese.
Ci sposeremo a fine luglio. Al mio partner verra' concesso un visto per l'UK di due anni, dopo due anni il permesso di soggiorno perenne, e dopo un altro anno la cittadinanza inglese.
Ho molte domande e non so se qualcuno puo' aiutarmi:
1) Devo comunicare il fatto che non sono piu' "celibe" all'AIRE?
2) In quanto civil partner di un cittadino Schengen (ma secondo la legge UK che non e' in schengen) il mio partner puo' circolare liberamente in schengen o deve chiedere dei visti di volta in volta (lui avra' solo il passaporto libanese, visto che l'UK non rilascia carte d'identita'). Da notare che lui ha gia' ottenuto vari visti turistici di 6 mesi da vari paesi SCHENGEN (Polonia, Grecia, Italia, Spagna)
3) L'Italia in particolare gli riconoscera' qualche diritto?
4) Posso eventualmente chiedere il riconoscimento della nostra unione e quindi facilitare il suo ingresso in area Schengen in maniera piu' permantente a uno stato membro che riconosce i matrimoni/unioni civili tra persone dello stesso sesso?
5) Mi e' stato proposto un lavoro in Italia, non l'ho preso in considerazione per vari motivi, ma se invece volessi, come posso fare affinche' il mio partner mi segua (e possa anche lui lavorare in Italia?)

Grazie delle risposte

Salve,
tematiche interessanti le sue.Diciamo che l'Italia non ha brillato nel recepire la CE/38/2004,il nostrano dlgs.30/2007 ha varie pecche...L'Italia non riconosce le unioni di fatto o matrimoni tra persone dello stesso sesso,quindi lei all'AIRE non deve comunicare nulla.Un visto Schengen dal consolato italiano non l'avrß mai,meglio provare con Francia o Olanda.In Italia,se decidete di trasferirvi di fronte ad una CDS britannica,Ú probabile che poi concedano la CDS italiana,anche se ci sarß da lottare parecchio in questura.Si hanno notizie perˇ di qualche eccezione,un cittadino italiano stipulˇ un unione di fatto in Olanda con una persona dello stesso sesso e la questura italiana poi diede la CDS.
Saluti
Ciao bostik, perdona se non condivido alcuni punti. In questo caso si tratta di coppia di fatto tra persone dello stesso sesso e la Direttiva CE, lascia assolutamente libero ogni Stato di regolare questo tipo di rapporto e che gli altri Paesi terzi UE, li riconoscano o meno a seconda della loro legislazione individuale. L'Inghilterra come anche la Spagna, hanno ammesso questo tipo di coppie di fatto (persone tra lo stesso sesso), l'Italia invece aspetta una legge che regoli le coppie di fatto, ma non tra lo stesso sesso.

Una recentissima sentenza di Cassazione, ha assolutamente escluso questo tipo di ''legalitß'' di coppia, in quanto mentre per le coppie di fatto eterossessuali, si attende un'eventuale regolamentazione, per le coppie di fatto tra lo stesso sesso, seppure riconosciute ed avvenute in Paesi Shengen (Spagna nel caso della sentenza) in Italia, sono considerate contrarie all'ordine pubblico. Quindi la Questura di cui tu parli, ha fatto un'errore clamoroso, seppure in questo caso favorevole e non contraria ai diritti dei cittadini UE ed italiani. Ovviamente non entriamo nel merito del giusto o meno, ci si limita solamente a spiegare le normative italiane ed UE (shengen o no).

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Filippo Carcaci



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 28.04.11

MessaggioOggetto: Re: Visto per civil partner dello stesso sesso   Mer Mag 04, 2011 2:59 am

Gentile Dr. Baccoli,
la ringrazio per la risposta.
Mi rimangono alcuni dubbi:
1) Una volta contratta la civil partnership io e il mio compagno non siamo piu' una coppia di fatto, ma una coppia sposata (almeno per la legge di alcuni stati europei)
2) Non sono sicuro ma credo che, pur non riconoscendo le unioni civili, i paesi europei debbano garantire l'accesso ai civil partners di cittadini comunitari, anche se essi non lo sono.
3) Potrei avere un problema in virtu' del fatto che sono cittadino italiano, oltre che britannico. In questo caso potrei rinunciare alla mia cittadinanza italiana. Non crede che a quel punto l'Italia dovrebbe garantire al mio partner l'accesso?
Grazie

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Visto per civil partner dello stesso sesso   Oggi a 12:17 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Visto per civil partner dello stesso sesso
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Visto per civil partner dello stesso sesso
» UN VISTO PER IL PARTNER
» IMU residenza anagrafica in due case stesso Comune ma forte singolaritÓ.
» Aggiornamento AIRE all'interno dello stesso Stato
» Unione tra S.p.a partecipata al 100% dal Comune e Consorzio Industriale dello stesso Comune

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: