Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Smile



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 07.06.11

MessaggioOggetto: La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?   Mar Giu 07, 2011 10:16 am

Gentili Moderatori,


In due parole la mia domanda: c'e' un briciolo di possibilita' di vincere il ricorso per la retroattivita' della legge sulla sicurezza del agosto 2009.

Sono cittadina uzbeka. Ero sposata con un'italiano dal ottobre 2006. La richiesta di cittadinanza ho fatto a gennaio 2009, volevo pensare un attimo, siccome mi comportava anche la rinuncia alla cittadinanza di origine. Ma fatto sta che io e il mio marito ci siamo lasciati, e ad ottobre 2009 abbiamo chiesto la separazione legale, che credo sia stata omologata nello stesso mese. Capisco perfettamente che la mia istanza della cittadinanza sara' rigettata per il cambio della normativa.

Volevo solo sapere se esiste la possibilita' di fare appello, oppure il ricorso al TAR. Quali sarebbe le spese e le probabilita'?

La ringrazio in anticipo,

Cordiali saluti

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?   Mer Giu 08, 2011 5:40 pm

Smile ha scritto:
Gentili Moderatori,


In due parole la mia domanda: c'e' un briciolo di possibilita' di vincere il ricorso per la retroattivita' della legge sulla sicurezza del agosto 2009.

Sono cittadina uzbeka. Ero sposata con un'italiano dal ottobre 2006. La richiesta di cittadinanza ho fatto a gennaio 2009, volevo pensare un attimo, siccome mi comportava anche la rinuncia alla cittadinanza di origine. Ma fatto sta che io e il mio marito ci siamo lasciati, e ad ottobre 2009 abbiamo chiesto la separazione legale, che credo sia stata omologata nello stesso mese. Capisco perfettamente che la mia istanza della cittadinanza sara' rigettata per il cambio della normativa.

Volevo solo sapere se esiste la possibilita' di fare appello, oppure il ricorso al TAR. Quali sarebbe le spese e le probabilita'?

La ringrazio in anticipo,

Cordiali saluti


Le spese si aggirano intorno ai 3.000 euro in media. Le probabilità non si possono ancora stimare avendo solo una sentenza favorevole.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Smile



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 07.06.11

MessaggioOggetto: Cittadinanza e separazione   Gio Giu 09, 2011 5:28 am

Grazie per la Sua gentile risposta.
Volevo anche capire bene, se meglio fare il ricorso al giudice ordinario oppure al TAR. A proposito dell'ultimo mi sono imbattuta in seguente sentenza, a quanto pare non favorevole.


nuova sentenza
« inserito:: 10 Maggio 2011, 12:48:30 »

N. 03788/2011 REG.PROV.COLL.

N. 07676/2010 REG.RIC.



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Seconda Quater)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 7676 del 2010, proposto da:
Viera Jenny Paola Acurio, rappresentato e difeso dagli avv. Stefano Goretti, Alessandro Longo, con domicilio eletto presso Fausto Buccellato in Roma, viale Angelico, 45;


contro

Ministero dell'Interno, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dall'Avvocatura Gen.Le Dello Stato, domiciliata per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12; Prefettura di Perugia- Ufficio Territoriale del Governo;


per l'annullamento

del provvedimento del 11.5.2010 con cui la Prefettura di Perugia ha rigettato la richiesta di cittadinanza presentata dalla ricorrente per matrimonio.




Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio di Ministero dell'Interno;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

visti gli artt. 9 e 11 c.p.a.;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 24 marzo 2011 il dott. Maria Laura Maddalena e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.




FATTO e DIRITTO

La ricorrente, cittadina ecuadoregna, impugna con il ricorso in epigrafe il provvedimento del Prefetto di Perugia con il quale le è stata negata la cittadinanza italiana a seguito di matrimonio con un cittadino, per essere intervenuta nel frattempo la separazione personale dei coniugi.

Il ricorso è articolato in varie censure di violazione di legge ed eccesso di potere.

Originariamente proposto dinanzi al TAR Umbria, il giudizio è pervenuto a questo TAR a seguito di regolamento di competenza.

All’odierna udienza, la causa è stata trattenuta in decisione.

Il ricorso è inammissibile per difetto di giurisdizione.

La giurisprudenza amministrativa, anche di questo TAR, ha infatti affermato che la concessione della cittadinanza per matrimonio, disciplinata dall'art. 5 della legge n. 91 del 1992, attiene ad una situazione giuridica soggettiva avente la consistenza di diritto soggettivo. In tale ambito, l'unica causa preclusiva alla concessione della cittadinanza, che risulta essere demandata alla valutazione discrezionale della competente amministrazione, è quella di cui all'art. 6, comma 1, lett. c, della legge n. 91 del 1992, ossia la sussistenza, nel caso specifico, di "comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica". Soltanto in tale evenienza, la citata situazione di diritto soggettivo risulta affievolita in interesse legittimo, con conseguente radicamento della giurisdizione in capo al giudice amministrativo (cfr. Cons. St. VI, 31 marzo 2009 n. 1891). Le altre cause preclusive, invece, non richiedendo alcuna valutazione discrezionale da parte dell'amministrazione, determinano il mantenimento della giurisdizione in capo al giudice ordinario (cfr., da ultimo, T.A.R. Lombardia Milano, sez. III, 19 ottobre 2010 , n. 6999; T.A.R. Piemonte Torino, sez. II, 28 maggio 2010 , n. 2715; TAR Lazio, Roma, sez. I, n. 945 del 2010; TAR Lazio, Roma, sez. II, n. 11019 del 2009; T.A.R. Veneto Venezia, sez. III, 28 luglio 2009 , n. 2240).

Nel caso di specie si verte di un provvedimento di diniego fondato, come si è detto, sulla intervenuta separazione personale tra i coniugi, che a seguito delle modifiche normative introdotte con la l. 94/2009, costituisce motivo ostativo all’ottenimento della cittadinanza.

Il ministero, dunque, non ha fatto applicazione dell’art. 6, comma 1 lett. c) che preclude il rilascio della cittadinanza italiana per comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

Pertanto, deve rilevarsi d’ufficio il difetto di giurisdizione del giudice adito.

In applicazione dei principi della traslatio judicii, recepiti dall’art. 11 c.p.a., il ricorso potrà essere riassunto, con salvezza degli effetti processuali e sostanziali della domanda, dianzi al giudice ordinario, nel termine di tre mesi dal passaggio in giudicato della presente sentenza.

Sussistono giusti motivi per disporre l'integrale compensazione tra le parti delle spese di lite.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater)

definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara inammissibile per difetto di giurisdizione.

Compensa le spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 24 marzo 2011 con l'intervento dei magistrati:



Angelo Scafuri, Presidente

Stefania Santoleri, Consigliere

Maria Laura Maddalena, Primo Referendario, Estensore







L'ESTENSORE IL PRESIDENTE






DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 03/05/2011

Lei ha detto che c'e' stata solo 1 sentenza favorevole, ma vuol dire che sono stati gia' avviati un po' di ricorsi, vero?
Comunque, in questo momento io ho il lavoro a tempo indeterminato, non sono messa ancora bene con la situazione alloggiativa, ma ci sto lavorando, forse mi conviene semplicemente chiedere la carta di soggiorno, non per motivi familiari ma per motivi di lavoro, o residenza, sono residente in Italia da quasi 6 anni.

Grazie dell'aiuto,

Sai

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?   Ven Giu 10, 2011 4:33 pm

Smile ha scritto:
Grazie per la Sua gentile risposta.
Volevo anche capire bene, se meglio fare il ricorso al giudice ordinario oppure al TAR. A proposito dell'ultimo mi sono imbattuta in seguente sentenza, a quanto pare non favorevole.


nuova sentenza
« inserito:: 10 Maggio 2011, 12:48:30 »

N. 03788/2011 REG.PROV.COLL.

N. 07676/2010 REG.RIC.



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Seconda Quater)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 7676 del 2010, proposto da:
Viera Jenny Paola Acurio, rappresentato e difeso dagli avv. Stefano Goretti, Alessandro Longo, con domicilio eletto presso Fausto Buccellato in Roma, viale Angelico, 45;


contro

Ministero dell'Interno, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dall'Avvocatura Gen.Le Dello Stato, domiciliata per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12; Prefettura di Perugia- Ufficio Territoriale del Governo;


per l'annullamento

del provvedimento del 11.5.2010 con cui la Prefettura di Perugia ha rigettato la richiesta di cittadinanza presentata dalla ricorrente per matrimonio.




Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio di Ministero dell'Interno;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

visti gli artt. 9 e 11 c.p.a.;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 24 marzo 2011 il dott. Maria Laura Maddalena e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.




FATTO e DIRITTO

La ricorrente, cittadina ecuadoregna, impugna con il ricorso in epigrafe il provvedimento del Prefetto di Perugia con il quale le è stata negata la cittadinanza italiana a seguito di matrimonio con un cittadino, per essere intervenuta nel frattempo la separazione personale dei coniugi.

Il ricorso è articolato in varie censure di violazione di legge ed eccesso di potere.

Originariamente proposto dinanzi al TAR Umbria, il giudizio è pervenuto a questo TAR a seguito di regolamento di competenza.

All’odierna udienza, la causa è stata trattenuta in decisione.

Il ricorso è inammissibile per difetto di giurisdizione.

La giurisprudenza amministrativa, anche di questo TAR, ha infatti affermato che la concessione della cittadinanza per matrimonio, disciplinata dall'art. 5 della legge n. 91 del 1992, attiene ad una situazione giuridica soggettiva avente la consistenza di diritto soggettivo. In tale ambito, l'unica causa preclusiva alla concessione della cittadinanza, che risulta essere demandata alla valutazione discrezionale della competente amministrazione, è quella di cui all'art. 6, comma 1, lett. c, della legge n. 91 del 1992, ossia la sussistenza, nel caso specifico, di "comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica". Soltanto in tale evenienza, la citata situazione di diritto soggettivo risulta affievolita in interesse legittimo, con conseguente radicamento della giurisdizione in capo al giudice amministrativo (cfr. Cons. St. VI, 31 marzo 2009 n. 1891). Le altre cause preclusive, invece, non richiedendo alcuna valutazione discrezionale da parte dell'amministrazione, determinano il mantenimento della giurisdizione in capo al giudice ordinario (cfr., da ultimo, T.A.R. Lombardia Milano, sez. III, 19 ottobre 2010 , n. 6999; T.A.R. Piemonte Torino, sez. II, 28 maggio 2010 , n. 2715; TAR Lazio, Roma, sez. I, n. 945 del 2010; TAR Lazio, Roma, sez. II, n. 11019 del 2009; T.A.R. Veneto Venezia, sez. III, 28 luglio 2009 , n. 2240).

Nel caso di specie si verte di un provvedimento di diniego fondato, come si è detto, sulla intervenuta separazione personale tra i coniugi, che a seguito delle modifiche normative introdotte con la l. 94/2009, costituisce motivo ostativo all’ottenimento della cittadinanza.

Il ministero, dunque, non ha fatto applicazione dell’art. 6, comma 1 lett. c) che preclude il rilascio della cittadinanza italiana per comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

Pertanto, deve rilevarsi d’ufficio il difetto di giurisdizione del giudice adito.

In applicazione dei principi della traslatio judicii, recepiti dall’art. 11 c.p.a., il ricorso potrà essere riassunto, con salvezza degli effetti processuali e sostanziali della domanda, dianzi al giudice ordinario, nel termine di tre mesi dal passaggio in giudicato della presente sentenza.

Sussistono giusti motivi per disporre l'integrale compensazione tra le parti delle spese di lite.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater)

definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara inammissibile per difetto di giurisdizione.

Compensa le spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 24 marzo 2011 con l'intervento dei magistrati:



Angelo Scafuri, Presidente

Stefania Santoleri, Consigliere

Maria Laura Maddalena, Primo Referendario, Estensore







L'ESTENSORE IL PRESIDENTE






DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 03/05/2011

Lei ha detto che c'e' stata solo 1 sentenza favorevole, ma vuol dire che sono stati gia' avviati un po' di ricorsi, vero?
Comunque, in questo momento io ho il lavoro a tempo indeterminato, non sono messa ancora bene con la situazione alloggiativa, ma ci sto lavorando, forse mi conviene semplicemente chiedere la carta di soggiorno, non per motivi familiari ma per motivi di lavoro, o residenza, sono residente in Italia da quasi 6 anni.

Grazie dell'aiuto,

Sai

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Sono molti i ricorsi in corso. Alcuni anche davanti al Consiglio di Stato.

Consiglio di chiedere un PdS CE per lungo soggiornanti ai sensi del TU 286, che è a tempo indeterminato.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?   Oggi a 1:56 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
La possibilita' di vincere un ricorso contro la retroattivita' ?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ricostruzione economica e contributiva
» ricorso avverso diniego ricongiungimento familiare
» RICORSO ALLA SOMMINISTRAZIONE LAVORO A TEMPO DETERMINATO.
» Ricorso su accertamento ICI 2007 notificato il 2 gennaio 2013
» INGIUNZIONE DI PAGAMENTO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: LEGGI E NORMATIVE COMMENTATE E DISCUSSE :: CITTADINANZA-
Andare verso: