Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
simonferr



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 12.07.11

MessaggioOggetto: Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?   Mar Lug 12, 2011 5:06 pm

Buona sera a tutti.
Ho letto a lungo su questo forum per vedere se si parlava dell'argomento di cui vorrei parlare, prima di scrivere un messaggio.
Ho avuto alcuni chiarimenti ma alcuni aspetti ancora non mi tornano.

Sono cittadino italiano domiciliato temporaneamete a New York, non sono residente AIRE, bensì ancora residente del mio comune italiano.
Mi sono sposato qui a New York con una cittadina giapponese il 16 giugno 2011.

Lei era precedentemente sposata e io no. La data del suo divorzio è il 7 giugno 2011. Infatti in Usa, a differenza dell'Italia, una donna si può risposare subito dopo un divorzio.
In Italia una donna deve aspettare 300 giorni.javascript:emoticonp('Rolling Eyes')

Ora non mi è chiara questa cosa, devo aspettare i 300 giorni prima di poter trascrivere il matrimonio presso il consolato italiano di NY?

Grazie mille!!


Ultima modifica di simonferr il Mer Ott 19, 2011 3:23 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3628
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?   Mer Lug 13, 2011 10:09 am

simonferr ha scritto:
Buona sera a tutti.
Ho letto a lungo su questo forum per vedere se si parlava dell'argomento di cui vorrei parlare, prima di scrivere un messaggio.
Ho avuto alcuni chiarimenti ma alcuni aspetti ancora non mi tornano.

Sono cittadino italiano domiciliato temporaneamete a New York, non sono residente AIRE, bensì ancora residente del mio comune italiano.
Mi sono sposato qui a New York con una cittadina giapponese il 16 giugno 2011.

Lei era precedentemente sposata e io no. La data del suo divorzio è il 7 giugno 2011. Infatti in Usa, a differenza dell'Italia, una donna si può risposare subito dopo un divorzio.
In Italia una donna deve aspettare 300 giorni.javascript:emoticonp('Rolling Eyes')

Ora non mi è chiara questa cosa, devo aspettare i 300 giorni prima di poter trascrivere il matrimonio presso il consolato italiano di NY?

Un altro quesito: vorremmo risposarci in Italia in un qualsiasi tipo di cerimonia con parenti e amici (qui a NY ci siamo sposati senza ospiti, solo i testimoni).
Mia moglie mi ha detto che le piacerebbe farlo in chiesa, anche se non è cattolica e non appartiene a nessuna religione. Infatti mi dice che in Giappone ci si sposa in finte cappelle con finti preti. Come posso fare una cosa simile in Italia? Si può fare una cerimonia "finta", come alcuni miei amici hanno fatto qui in America?

Un'opzione sarebbe farlo in Chiesa chiedendo al vescovo la dispensa all'impedimento per disparità di culto, ma ho letto che comunque io in quanto parte cattolica dovrei promettere con tanto di firma che mi impegno a battezzare i miei futuri figli, ma non credo che vorrò farlo perché pur essendo tecnicamente cattolico, non credo nell'istituzione della chiesa cattolica.

Se l'opzione del matrimonio in chiesa sfuma, possiamo ora (o dopo i 300 giorni) NON trascrivere il matrimonio, e risposarci in comune in Italia?

Grazie mille!!

Se il matrimonio è valido per gli USA lo è anche per l'Italia.Può trascrivere subito.Per il matrimonio solo canonico senta il parrocco della Chiesa dove volete sposarvi.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?   Ven Lug 15, 2011 6:11 am

simonferr ha scritto:
Buona sera a tutti.
Ho letto a lungo su questo forum per vedere se si parlava dell'argomento di cui vorrei parlare, prima di scrivere un messaggio.
Ho avuto alcuni chiarimenti ma alcuni aspetti ancora non mi tornano.

Sono cittadino italiano domiciliato temporaneamete a New York, non sono residente AIRE, bensì ancora residente del mio comune italiano.
Mi sono sposato qui a New York con una cittadina giapponese il 16 giugno 2011.

Lei era precedentemente sposata e io no. La data del suo divorzio è il 7 giugno 2011. Infatti in Usa, a differenza dell'Italia, una donna si può risposare subito dopo un divorzio.
In Italia una donna deve aspettare 300 giorni.javascript:emoticonp('Rolling Eyes')

Ora non mi è chiara questa cosa, devo aspettare i 300 giorni prima di poter trascrivere il matrimonio presso il consolato italiano di NY?

Un altro quesito: vorremmo risposarci in Italia in un qualsiasi tipo di cerimonia con parenti e amici (qui a NY ci siamo sposati senza ospiti, solo i testimoni).
Mia moglie mi ha detto che le piacerebbe farlo in chiesa, anche se non è cattolica e non appartiene a nessuna religione. Infatti mi dice che in Giappone ci si sposa in finte cappelle con finti preti. Come posso fare una cosa simile in Italia? Si può fare una cerimonia "finta", come alcuni miei amici hanno fatto qui in America?

Un'opzione sarebbe farlo in Chiesa chiedendo al vescovo la dispensa all'impedimento per disparità di culto, ma ho letto che comunque io in quanto parte cattolica dovrei promettere con tanto di firma che mi impegno a battezzare i miei futuri figli, ma non credo che vorrò farlo perché pur essendo tecnicamente cattolico, non credo nell'istituzione della chiesa cattolica.

Se l'opzione del matrimonio in chiesa sfuma, possiamo ora (o dopo i 300 giorni) NON trascrivere il matrimonio, e risposarci in comune in Italia?

Grazie mille!!

Se fate un matrimonio davanti alle sutorità USA e querste non tengono in conto la franchigiua dei famosi 300 giorni il matrikmonio sarà comunque validissimo per l'Italia e trascrivibile. In consolato si potrà incontrare qualcuno di poco competente in materia che potrà minacciare gravi conseguenze. Basta non ascoltarlo.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?   Oggi a 12:05 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Italiano sposato a NY con giapponese divorziata da poco. Trascrizione?
» cittadino italiano sposato con cittadina kenyota con figlio di 5 anni
» Separazioen tra Cittadino Italiano e cittadina Polacca Sposati in PL
» divorzio tra un italiano e una cubana dopo un matrimonio a cuba
» matrimonio tra italiano e messicana

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: MATRIMONIO ALL'ESTERO-
Andare verso: