Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 trascrizione di nascita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
kritsana



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 16.08.11

MessaggioOggetto: trascrizione di nascita   Mar Ago 16, 2011 10:00 am

Mi chiamo Kritsana sono una ragazza Thailandese e ho contratto matrimonio con cittadino italiano in ambasciata italiana a Bangkok nel 2007 e regolarmente trascritto nel comune di residenza in Italia. Nel 2008 rimango incinta di mio marito e dopo cominciano notevoli problemi con lui e pi¨ volte sono stata picchiata in stato di gravitanza. Decido di far nascere il bambino nel mio paese perchŔ qui vengo lasciata totalmente sola anche da una associazione che mi chiedeva di trovare un lavoro nonostante fossi incinta per pagare la loro disponibilitÓ di un alloggio. Ma avendo perso giÓ un bambino con mio marito, ho deciso con l'aiuto della mia ambasciata a Roma di tornare in thailandia per partorire vicino la mia famiglia. Una volta nato mio figlio con i documenti del matrimonio e i certificati dell'ospedale regolarmenti tradotti per l'ambasciata Italiana a Bangkok mi sono recata nei loro uffici per denunciare la nascita del bambino ma i funzionari dell'ufficio consolare mi richiedevano il riconoscimento da parte del padre e da qui Ŕ cominciato il mio inferno. Ma chiedo a voi un bambino nato in costanza di matrimonio serve il riconoscimento di paternitÓ se quest'ultimo non ha fatto nessuna pratica di discooscimento? Addirittura una funzionaria dell'anagrafe di Ferrara dove risiedo si Ŕ permessa di mettere in dubbio la veriticitÓ della documentazione di mio figlio e che secondo lei non poteva trascrivere il bambino perchŔ lei non sarebbe stata certa della paternitÓ del bambino e menomale che la persona che mi ha dato questa motivazione Ŕ anche un avvocato ma nel mio caso non vale la presunzione di paternitÓ nel matrimonio. Oltre queste situazioni ho dovuto sopportare altre umiliazioni all'ufficio centrale per l'immigrazione che li addirittura un poliziotto allo sportello mi voleva ritirare addirittura il mio permesso di soggiorno perchŔ non vivevo pi¨ con mio marito.
Cosa devo fare per portare mio figlio in Italia dove a il diritto di crescere visto che Ŕ nato da un matrimonio con un italiano?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: trascrizione di nascita   Mer Ago 17, 2011 4:53 am

kritsana ha scritto:
Mi chiamo Kritsana sono una ragazza Thailandese e ho contratto matrimonio con cittadino italiano in ambasciata italiana a Bangkok nel 2007 e regolarmente trascritto nel comune di residenza in Italia. Nel 2008 rimango incinta di mio marito e dopo cominciano notevoli problemi con lui e pi¨ volte sono stata picchiata in stato di gravitanza. Decido di far nascere il bambino nel mio paese perchŔ qui vengo lasciata totalmente sola anche da una associazione che mi chiedeva di trovare un lavoro nonostante fossi incinta per pagare la loro disponibilitÓ di un alloggio. Ma avendo perso giÓ un bambino con mio marito, ho deciso con l'aiuto della mia ambasciata a Roma di tornare in thailandia per partorire vicino la mia famiglia. Una volta nato mio figlio con i documenti del matrimonio e i certificati dell'ospedale regolarmenti tradotti per l'ambasciata Italiana a Bangkok mi sono recata nei loro uffici per denunciare la nascita del bambino ma i funzionari dell'ufficio consolare mi richiedevano il riconoscimento da parte del padre e da qui Ŕ cominciato il mio inferno. Ma chiedo a voi un bambino nato in costanza di matrimonio serve il riconoscimento di paternitÓ se quest'ultimo non ha fatto nessuna pratica di discooscimento? Addirittura una funzionaria dell'anagrafe di Ferrara dove risiedo si Ŕ permessa di mettere in dubbio la veriticitÓ della documentazione di mio figlio e che secondo lei non poteva trascrivere il bambino perchŔ lei non sarebbe stata certa della paternitÓ del bambino e menomale che la persona che mi ha dato questa motivazione Ŕ anche un avvocato ma nel mio caso non vale la presunzione di paternitÓ nel matrimonio. Oltre queste situazioni ho dovuto sopportare altre umiliazioni all'ufficio centrale per l'immigrazione che li addirittura un poliziotto allo sportello mi voleva ritirare addirittura il mio permesso di soggiorno perchŔ non vivevo pi¨ con mio marito.
Cosa devo fare per portare mio figlio in Italia dove a il diritto di crescere visto che Ŕ nato da un matrimonio con un italiano?

In questi casi consiglio di affidare la cosa ad un legale. Il bambino Ŕ certamente figlio del marito legittimo al momento della nascita (lo dice la stessa legge italiana) e quindi Ŕ italiano. Se vuole, il padre potrÓ chiederne il disconoscimento con analisi del DNA. Tutti i funzionari italiani che hanno rifiutato la registrazione della nascita e della paternitÓ del bambino al momento rischiano una incriminazione per omissione in atti d'ufficio.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: trascrizione di nascita   Ven Ago 19, 2011 3:13 pm

Amedeo ha scritto:
kritsana ha scritto:
Mi chiamo Kritsana sono una ragazza Thailandese e ho contratto matrimonio con cittadino italiano in ambasciata italiana a Bangkok nel 2007 e regolarmente trascritto nel comune di residenza in Italia. Nel 2008 rimango incinta di mio marito e dopo cominciano notevoli problemi con lui e pi¨ volte sono stata picchiata in stato di gravitanza. Decido di far nascere il bambino nel mio paese perchŔ qui vengo lasciata totalmente sola anche da una associazione che mi chiedeva di trovare un lavoro nonostante fossi incinta per pagare la loro disponibilitÓ di un alloggio. Ma avendo perso giÓ un bambino con mio marito, ho deciso con l'aiuto della mia ambasciata a Roma di tornare in thailandia per partorire vicino la mia famiglia. Una volta nato mio figlio con i documenti del matrimonio e i certificati dell'ospedale regolarmenti tradotti per l'ambasciata Italiana a Bangkok mi sono recata nei loro uffici per denunciare la nascita del bambino ma i funzionari dell'ufficio consolare mi richiedevano il riconoscimento da parte del padre e da qui Ŕ cominciato il mio inferno. Ma chiedo a voi un bambino nato in costanza di matrimonio serve il riconoscimento di paternitÓ se quest'ultimo non ha fatto nessuna pratica di discooscimento? Addirittura una funzionaria dell'anagrafe di Ferrara dove risiedo si Ŕ permessa di mettere in dubbio la veriticitÓ della documentazione di mio figlio e che secondo lei non poteva trascrivere il bambino perchŔ lei non sarebbe stata certa della paternitÓ del bambino e menomale che la persona che mi ha dato questa motivazione Ŕ anche un avvocato ma nel mio caso non vale la presunzione di paternitÓ nel matrimonio. Oltre queste situazioni ho dovuto sopportare altre umiliazioni all'ufficio centrale per l'immigrazione che li addirittura un poliziotto allo sportello mi voleva ritirare addirittura il mio permesso di soggiorno perchŔ non vivevo pi¨ con mio marito.
Cosa devo fare per portare mio figlio in Italia dove a il diritto di crescere visto che Ŕ nato da un matrimonio con un italiano?

In questi casi consiglio di affidare la cosa ad un legale. Il bambino Ŕ certamente figlio del marito legittimo al momento della nascita (lo dice la stessa legge italiana) e quindi Ŕ italiano. Se vuole, il padre potrÓ chiederne il disconoscimento con analisi del DNA. Tutti i funzionari italiani che hanno rifiutato la registrazione della nascita e della paternitÓ del bambino al momento rischiano una incriminazione per omissione in atti d'ufficio.

Un saluto,
Rischiare Ú dir poco. A mio parere dovrebbe procedere con una denuncia ai Carabinieri, meglio se tramite avvocato.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
miche



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 01.06.12

MessaggioOggetto: Re: trascrizione di nascita   Ven Giu 01, 2012 6:07 pm

Salve. Scrivo per sottoporvi una domanda a cui forse avete giÓ risposto. Io e la mia compagna (spagnola) siamo entrambi residenti qui in Italia. Aspettiamo un bimbo per il prossimo mese che la mia compagna vorrebbe far nascere in Spagna. Per la nascita saremo (ovviamente) presenti entrambi quindi entrambi riconosceremo il bimbo. Cosa fare, in seguito per la trascrizione dellĺatto di nascita qui in Italia dove risiediamo e dove torneremo il mese successivo? AvrÓ la doppia cittadinanza?...mille grazie in anticipo per le risposte.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: trascrizione di nascita   Sab Giu 02, 2012 6:06 am

miche ha scritto:
Salve. Scrivo per sottoporvi una domanda a cui forse avete giÓ risposto. Io e la mia compagna (spagnola) siamo entrambi residenti qui in Italia. Aspettiamo un bimbo per il prossimo mese che la mia compagna vorrebbe far nascere in Spagna. Per la nascita saremo (ovviamente) presenti entrambi quindi entrambi riconosceremo il bimbo. Cosa fare, in seguito per la trascrizione dellĺatto di nascita qui in Italia dove risiediamo e dove torneremo il mese successivo? AvrÓ la doppia cittadinanza?...mille grazie in anticipo per le risposte.

BasterÓ portare il certificato di nascita con i nomi dei genitori in consolato italiano. AvrÓ sicuramente la cittadinanza italiana.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: trascrizione di nascita   Oggi a 9:41 am

Tornare in alto Andare in basso
 
trascrizione di nascita
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» trascrizione di nascita
» trascrizione di nascita e cittadinanza
» Ú obbligatoria la trascrizione di nascita in Italia?
» Carta d'identitÓ per figlio nato in Germania
» ritardo nella trascrizione atto di nascita

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: TRASCRIZIONE DI NASCITA-
Andare verso: