Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Ven Ott 28, 2011 7:01 pm

Sono un italiano iscritto AIRE residente nell Filippine. Mia moglie è in attesa di decreto di cittadinanza con termine 730 giornii scaduto e già sollecitato in Consolato Manila. Penso che si siano arrabbiati perché ora ho chiesto, durante il mio viaggio in Italia che inizia in dicembre 2011 e finisce in maggio 2012, che in caso di arrivo del decreto di cittadinanza mi sia inviata comunicazione al mio indirizzo in Italia.
La risposta è stata: "Una volta giunto il decreto qui in Ambasciata la Sig. sara' avvisata all'indirizzo delle Filippine in quanto lei risiede nelle Filippine ed e' iscritto all'AIRE".
Possono rifiutarsi di comunicarlo ad altro indirizzo che io ho fornito con data partenza e data ritorno?
Quanto tempo posso attendere prima di ritirare il decreto? e di fare il giuramento?
Grazie per l'attenzione
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Sab Ott 29, 2011 10:42 am

iamec ha scritto:
Sono un italiano iscritto AIRE residente nell Filippine. Mia moglie è in attesa di decreto di cittadinanza con termine 730 giornii scaduto e già sollecitato in Consolato Manila. Penso che si siano arrabbiati perché ora ho chiesto, durante il mio viaggio in Italia che inizia in dicembre 2011 e finisce in maggio 2012, che in caso di arrivo del decreto di cittadinanza mi sia inviata comunicazione al mio indirizzo in Italia.
La risposta è stata: "Una volta giunto il decreto qui in Ambasciata la Sig. sara' avvisata all'indirizzo delle Filippine in quanto lei risiede nelle Filippine ed e' iscritto all'AIRE".
Possono rifiutarsi di comunicarlo ad altro indirizzo che io ho fornito con data partenza e data ritorno?
Quanto tempo posso attendere prima di ritirare il decreto? e di fare il giuramento?
Grazie per l'attenzione

Per giurare,una volta notificato il decreto,si hanno 6 mesi di tempo.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Sab Ott 29, 2011 11:15 am

Grazie bostik. Ma ancora non so una cosa. Se il Consolato convoca mia moglie per la notifica del decreto ed è in Italia lei non può ricevere la convocazione. Prima di tornare nelle Filippine può passare un tempo che va da alcuni giorni a circa sei mesi: il Consolato aspetta comunque finche c'è risposta o considera la pratica scaduta?
Mi vanno bene i sei mesi di tempo per giurare dalla notifica del decreto ma quanto tempo dalla convocazione per il ritiro del decreto?
Considerano notificato il decreto da quando hanno spedito la convocazione o da quando mia moglie firma il ritiro del decreto di cittadinanza?
Ancora grazie per la pazienza.
Ricambio cordialmente i saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Sab Ott 29, 2011 8:36 pm

iamec ha scritto:
Grazie bostik. Ma ancora non so una cosa. Se il Consolato convoca mia moglie per la notifica del decreto ed è in Italia lei non può ricevere la convocazione. Prima di tornare nelle Filippine può passare un tempo che va da alcuni giorni a circa sei mesi: il Consolato aspetta comunque finche c'è risposta o considera la pratica scaduta?
Mi vanno bene i sei mesi di tempo per giurare dalla notifica del decreto ma quanto tempo dalla convocazione per il ritiro del decreto?
Considerano notificato il decreto da quando hanno spedito la convocazione o da quando mia moglie firma il ritiro del decreto di cittadinanza?
Ancora grazie per la pazienza.
Ricambio cordialmente i saluti

Il decreto si considera notificato dal momento che sua moglie riceverá dalle mani del funzionario,il decreto,quindi i 6 mesi decorrono da quel momento.Aspettiamo peró Guido Baccoli,esperto su ció.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Dom Ott 30, 2011 12:22 am

Grazie bostik per la gentile risposta e per la pazienza. Aspetto volentieri. Anch'io penso sia come dice lei quindi dalla consegna al giuramento ci sarebbe il tempo perché noi stiamo in Italia 5 mesi. E' dalla convocazione al ritiro che non so come fare. Sicuramente il Consolato, come Prefettura competente, manda una lettera di convocazione per il ritiro del decreto e la manda nelle Filippine. Questa lettera sarà ricevuta dal fratello di mia moglie munito della delega autenticata da un notaio pubblico. E fin quà non ci sarebbero problemi. L'ultimo quesito è quanto tempo ha mia moglie dal ricevimento lettera al ritiro del decreto in Consolato. Fossero sei mesi saremmo a cavallo. Noi al ritorno dall'Italia potremmo fermarci a Manila, andare in Consolato ed, in unica soluzione, ritirare il decreto e giurare visto che il Consolato per gli AIRE è sia Prefettura che Comune.
Saluti grati.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Dom Ott 30, 2011 2:44 am

Dal sito del Ministero dell'Interno; come fare per..... Cittadinanza

Il decreto ti sarà notificato dalla Prefettura del luogo dove risiedi, ovvero se risiedi all’estero dall’Autorità diplomatico-consolare.
Entro 6 mesi dalla notifica del provvedimento devi prestare giuramento al Comune di residenza in Italia o presso l’Autorità diplomatico-consolare all’estero.............

Io interpreto che la data da cui decorrono i sei mesi è quella di consegna della lettera in cui la Prefettura competente, nel mio caso l'Ambasciata, ti notifica l'arrivo del decreto.
Voi che ne dite?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Lun Nov 07, 2011 4:27 pm

iamec ha scritto:
Dal sito del Ministero dell'Interno; come fare per..... Cittadinanza

Il decreto ti sarà notificato dalla Prefettura del luogo dove risiedi, ovvero se risiedi all’estero dall’Autorità diplomatico-consolare.
Entro 6 mesi dalla notifica del provvedimento devi prestare giuramento al Comune di residenza in Italia o presso l’Autorità diplomatico-consolare all’estero.............

Io interpreto che la data da cui decorrono i sei mesi è quella di consegna della lettera in cui la Prefettura competente, nel mio caso l'Ambasciata, ti notifica l'arrivo del decreto.
Voi che ne dite?
La farei piú facile. Richieda per mezzo PEC al MInistero dell'Interno ed a quello degli esteri, se é giá stato mandato il Decreto all'Ambasciata. Se la risposta é no, tutto a posto. Se la risposta é si (chiedere la data nella domanda iniziale), é bene considerare sei mesi dal momento del ricevimento dell'Ambasciata e quando tornate, se necessario anche prima, vi recate in Ambasciata e chiedete ai sensi della 241/90, se e quando é stato notificato il decreto all'indirizzo AIRE. In realtá l'Ambasciata ha ragione riguardo l'inidirizzo AIRE.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Mar Nov 08, 2011 2:01 am

Gentile Dr. Baccoli, io monitorizzo ogni giorno sul sito del Ministero dell'Interno lo: Stato pratica.
Quindi sono informato in tempo reale quando dal Ministero spediscono il decreto di cittadinanza all'Ambasciata, comparirà il seguente: "il decreto di concessione è stato firmato; sarà contattato dalla Prefettura per la notifica del provvedimento e dopo la notifica dovrà recarsi presso il Comune di residenza per il giuramento. Se risiede all'estero sarà contattato dall'Autorità consolare competente."
Sorge un altro problema: se il Consolato invia la notifica e non mi trovano a casa nelle Filippine questa torna inevasa e loro possono anche cancellare l'iscrizione AIRE.
Ho pensato che la soluzione è eleggere un domicilio speciale a casa di mia sorella in Italia a norma dell'art. 47 Codice Civile. Così sono obbligati ad inviare a quell'indirizzo la corrispondenza.
Che dice?
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Mar Nov 08, 2011 1:25 pm

iamec ha scritto:
Gentile Dr. Baccoli, io monitorizzo ogni giorno sul sito del Ministero dell'Interno lo: Stato pratica.
Quindi sono informato in tempo reale quando dal Ministero spediscono il decreto di cittadinanza all'Ambasciata, comparirà il seguente: "il decreto di concessione è stato firmato; sarà contattato dalla Prefettura per la notifica del provvedimento e dopo la notifica dovrà recarsi presso il Comune di residenza per il giuramento. Se risiede all'estero sarà contattato dall'Autorità consolare competente."
Sorge un altro problema: se il Consolato invia la notifica e non mi trovano a casa nelle Filippine questa torna inevasa e loro possono anche cancellare l'iscrizione AIRE.
Ho pensato che la soluzione è eleggere un domicilio speciale a casa di mia sorella in Italia a norma dell'art. 47 Codice Civile. Così sono obbligati ad inviare a quell'indirizzo la corrispondenza.
Che dice?
Saluti

L'iscrizione AIRE si cancella solo dopo due volte che sia tornata indietro la cartolina elettorale,non certo per l'eventualitá da lei menzionata...
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Mar Nov 08, 2011 2:37 pm


L'iscrizione AIRE si cancella solo dopo due volte che sia tornata indietro la cartolina elettorale,non certo per l'eventualitá da lei menzionata...
Saluti[/quote]

Bene, La ringrazio. Questa risposta fuga i miei timori. Domani spedisco per raccomandata l'elezione di domicilio speciale per poter ricevere la notifica dal Consolato in Italia e vediamo che mi dicono. Dall'arrivo della notifica nelle mani di mia moglie lei ha sei mesi per il giuramento e noi stiamo in Italia sei mesi scarsi, quindi abbiamo il tempo per tornare ed assolvere questo obbligo.
Ringrazio di cuore tutti voi e saluto cordialmente.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Mar Nov 08, 2011 7:56 pm

iamec ha scritto:
Gentile Dr. Baccoli, io monitorizzo ogni giorno sul sito del Ministero dell'Interno lo: Stato pratica.
Quindi sono informato in tempo reale quando dal Ministero spediscono il decreto di cittadinanza all'Ambasciata, comparirà il seguente: "il decreto di concessione è stato firmato; sarà contattato dalla Prefettura per la notifica del provvedimento e dopo la notifica dovrà recarsi presso il Comune di residenza per il giuramento. Se risiede all'estero sarà contattato dall'Autorità consolare competente."
Sorge un altro problema: se il Consolato invia la notifica e non mi trovano a casa nelle Filippine questa torna inevasa e loro possono anche cancellare l'iscrizione AIRE.
Ho pensato che la soluzione è eleggere un domicilio speciale a casa di mia sorella in Italia a norma dell'art. 47 Codice Civile. Così sono obbligati ad inviare a quell'indirizzo la corrispondenza.
Che dice?
Saluti
Non mi pare possa essere applicato l'art 47 del c.c.. trattandosi di tutt'altre materie, inclusa quella dei procedimenti giudiziari, che non hanno attinenza a mio avviso, con il tipo di notifica per cittadinanza.

Non mi fiderei molto nemmeno degli stati delle pratiche in linea, in quanto, spesso e volentieri non sono aggiornate come dovrebbero (e di casi raccontati ne abbiamo diversi).

La cancellazione dall'AIRE puó avvenire per i seguenti motivi:
Art. 4.
1. La cancellazione dalle anagrafi degli italiani residenti all'estero viene effettuata:
a) per iscrizione nell'anagrafe della popolazione residente a seguito di trasferimento dall'estero;
b) per immigrazione dall'estero in altro comune della Repubblica, segnalata a norma del secondo comma dell'articolo 14 del decreto del Presidente della Repubblica 31 gennaio 1958, n. 136;
c) per morte, compresa la morte presunta giudizialmente dichiarata;
d) per irreperibilità presunta, salvo prova contraria:
1) trascorsi cento anni dalla nascita;
2) dopo due rilevazioni censuarie consecutive concluse con esito negativo;
3) quando risulti inesistente, tanto nel comune di provenienza quanto nell'AIRE, indirizzo all'estero;
4) quando risulti dal ritorno per mancato recapito della cartolina avviso, spedita ai sensi dell'articolo 6 della legge 7 febbraio 1979, n. 40, in occasione delle due ultime consultazioni che si siano tenute con un intervallo non inferiore ad un anno, esclusa l'elezione del Parlamento europeo limitatamente ai cittadini residenti nei Paesi dell'Unione europea nonché le consultazioni referendarie locali; (1)
e) per perdita della cittadinanza;
f) per trasferimento nell'AIRE di altro comune.

Ció che dovrebbe invece verificare é la legge del luogo cosa prevede in caso di non rintracciare il destinatario all'indirizzo indicato (qui in RD, se non mi sbaglio, é un reparto speciale del Tribunale) ed eventualmente qualcuno che si facia cura di verificare di tanto in tanto...peró....il mio consiglio credo rimanga il piú sicuro e semplice. Ricordi che in realtá la presenza di sua moglie in Italia, non dovrebbe superare i tre mesi, seppure sia inespellibile questa é la norma da rispettare. Il mio consiglio oltre a quello sopra indicato é di essere piú ''malleabile'' e magari prenda tempi di rientro piú sicuri e meno al filo del rasoio.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
iamec



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.10.11

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Mer Nov 09, 2011 1:20 am

Gentile Dr. Baccoli, mi scusi ma non concordo con Lei. L'Art. 47 C.C sta nel Titolo III - Del domicilio e della residenza. In nessuno degli articoli di questo Titolo si parla di procedimenti giudiziari.
"Art. 47. Elezione di domicilio.
Si può eleggere domicilio speciale per determinati atti
o affari.
Questa elezione deve farsi espressamente per iscritto."
Si parla di atti o affari, che c'entrano i procedimenti giudiziari? Altra cosa è l'Art. 141 e 142 C.P.C. che stanno in un contesto di procedimenti giudiziari (ma non solo).
Concordo con Lei sull'inaffidabilità delle segnalazioni sul sito de ministero, ma .... non ho scelta.
Ho già chiesto informazioni a mezzo PEC ma l'Interno risponde che devo controllare lo stato pratica e il Consolato aspettare la notifica all'indirizzo AIRE.
Mia moglie ha la Carta di Soggiorno che scade 2014, quindi non ha il massimo di 90 giorni da rispettare.
In realtà io temo più la cancellazione AIRE che la mancata notifica perché in casa nelle Filippine c'è mio cognato e anche qua, se non trovano nessuno in casa lasciano un avviso nella cassetta della posta. Il punto D) dell'Art.4 che Lei cita prevede la cancellazione per irreperibilità.
Quanto alla "malleabilità" la penso esattamente come Lei. Deve però sapere tre mesi dopo la scadenza dei 730 giorni ho chiesto lumi al Consolato: sono caduti dalle nuvole e mi hanno detto che non sapevano perché la Prefettura di Treviso aveva mandato loro la pratica di mia moglie. Mi sono dovuto arrangiare ed informare. Quando ho scoperto che la pratica aveve poltrito nelle loro mani, MOLTO GENTILMENTE li ho pregati di informarsi perché un mio incaricato era andato a chiedere informazioni alla Prefettura di Treviso che aveva spiegato tutto.
Dopo un mese ho chiesto ancora informazioni e loro si sono scocciati dicendomi che la pratica l'avevano spedita al Ministero degli Esteri che l'avrebbe inoltrata al Ministero dell'Interno e che dovevo aspettare la notifica. Ho chiesto che mandassero la notifica al mio indirizzo in Italia ma molto seccamente hanno rifiutato: loro conoscono un solo indirizzo, quello AIRE.
Come direbbe qualcuno in Italia, MI CONSENTA, sono stufo di essere considerato un suddito. PRETENDO RISPETTO almeno tanto quanto io rispetto gli altri.
I tempi .... avessi saputo che avevo a che fare con una banda di ciarlatani (quanno ce vo' ce vo') forse (FORSE) avrei agito diversamente, ma io sono un direttore di organizzazione aziendale in pensione, per formazione credo nelle collaborazione. Finora c'è sempre stata con il consolato ma loro si sono sentiti offesi quando io ho scoperto la loro inettitudine, benchè io non abbia mosso nessuna critica, anzi ho gentilmente suggerito di prendere informazionia mio nome.
Se non ci crede Le invio la corrispondenza intercorsa.
Concludendo sui tempi ..... FORSE ..... perché non è corretto che io debba modellare la mia vita e quella della mia famiglia sulle possibili inefficenze (punibili per legge vedi circolare 17 maggio 2011 del Ministero dell'Interno).
Grazie per la paziente attenzione e cordiali saluti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Gio Nov 10, 2011 1:22 pm

A volte viene voglia di ragire applicando senza pensarci il regolamento del forum (che le consiglio di leggere e rispettare) a utenti come lei che prima chiedono e poi criticano, negandole, le risposte degli esperti. Il C.C. ed ogni suo articolo non é cosí semplice tanto da poter dare una risposta con la sola lettura ''asettica'' del testo dell'articolo (in opposizione a chi come me, invece, lo ha studiato come pochi all'Universitá, con metodologie di pratica su casi veri, insieme al mio docente che era un'avvocato con cattedra, che continuava a esecitare). Altra ragione di reagire come sopra, sarebbe quando, come sembrerebbe dalla sua esposizione, si pretenda essere rispettati, criticando i ''comportamenti'' all' ''italiana'', cosí come tanti ed affermando di essere stufo di subire, quando lei é il primo che sempre considerando la sua esposizione e replica, sembrerebbe non rispetta la legge (aggirandola) e lo spiego sotto.

Non reagisco, al contrario proagisco e le spiego dove sta scantonando e non poco, sia nell'interpretazione dell'art del c.c., sia nel pretendere dall'Amministrazione il rispetto quando lei apparentemente risulta dal suo stesso spiegare i fatti, essere il primo a violare la legge. Proagisco sopratutto per il lettori, al fine che non siano tanto leggeri nel criticare chi come noi, pur non essendo infallibili, dedichiamo tempo gratuitamente, togliendolo al lavoro, alla famiglia ed a se stessi.
iamec ha scritto:
Gentile Dr. Baccoli, mi scusi ma non concordo con Lei. L'Art. 47 C.C sta nel Titolo III - Del domicilio e della residenza. In nessuno degli articoli di questo Titolo si parla di procedimenti giudiziari.
"Art. 47. Elezione di domicilio.
Si può eleggere domicilio speciale per determinati atti
o affari.
Questa elezione deve farsi espressamente per iscritto."
Si parla di atti o affari, che c'entrano i procedimenti giudiziari? Altra cosa è l'Art. 141 e 142 C.P.C. che stanno in un contesto di procedimenti giudiziari (ma non solo).
Nella mia risposta ho affermato che l'articolo si riferisce ad altre materie, inclusa quella dei procedimenti giudiziari, e non, solo a procedimenti giudiziari. Quindi andiamo a vedere quali sono questi determinati atti o affari ai quali il summenzionato art., si riferisce. I riferimenti dell'art 47, sono: artt. 103, 2839,2890 del c.c. ed artt. 30, 141, 366, 480, 543 del c.p.c.].:

103: atto di opposizione davanti all'UdSC del matrimonio; 2839: Formalità per l'iscrizione dell'ipoteca; 2890: Del modo di liberare i beni dalle ipoteche (notificazione); 30 c.p.c. Degli organi giudiziari, Del giudice Della competenza per territorio -Foro del domicilio eletto; 141 Degli atti processuali, Delle forme degli atti e dei provvedimenti, Delle comunicazioni e delle notificazioni, Notificazione presso il domiciliatario.; 366 Del processo di cognizione, Delle impugnazioni, Del ricorso per cassazione, Dei provvedimenti impugnabili e dei ricorsi, Contenuto del ricorso; 480 Del processo di esecuzione, Del titolo esecutivo e del precetto, Forma del precetto. ;543 Forma del pignoramento.
iamec ha scritto:
Mia moglie ha la Carta di Soggiorno che scade 2014, quindi non ha il massimo di 90 giorni da rispettare.
. Mi spiega come puó essere iscritto all'AIRE e con sua moglie nel suo stato di famiglia AIRE, mentre risulta allo Stato Italiano, che la Signora avendo una Carta di Soggiorno, risulta residente in Italia? E risultando in questo modo la domanda doveva essere fatta alla Prefettura in Italia e non all'Ambasciata. Ci sono contraddizioni di normative, piuttosto pericolose , almeno se non spiega bene perché la signora ha due residenze. Ricordo che la CDS si perde nel caso di allontanarsi dal Paese Italia, per piú di sei mesi (un'anno in casi eccezionali e di provata emergenza).
iamec ha scritto:
In realtà io temo più la cancellazione AIRE che la mancata notifica perché in casa nelle Filippine c'è mio cognato e anche qua, se non trovano nessuno in casa lasciano un avviso nella cassetta della posta.
Non sará certo per un'irreperibilitá momentanea che potranno cancellarla dall'AIRE, ma se non chiarisce come sua moglie risulta residente in Italia e contemporaneamente nel suo stato di famiglia (coabitazione) all'AIRE, quindi nelle Filippine, allora si che potrá avere seri problemi e non solo quello della notifica.
iamec ha scritto:
Quanto alla "malleabilità" la penso esattamente come Lei. Deve però sapere tre mesi dopo la scadenza dei 730 giorni ho chiesto lumi al Consolato: sono caduti dalle nuvole e mi hanno detto che non sapevano perché la Prefettura di Treviso aveva mandato loro la pratica di mia moglie.
devo desumere che al momento della domanda, era residente in Italia? e quindi abbia presentato tutti i documenti della domanda di cittadinanza in Prefettura?
iamec ha scritto:
Mi sono dovuto arrangiare ed informare. Quando ho scoperto che la pratica aveve poltrito nelle loro mani, MOLTO GENTILMENTE li ho pregati di informarsi perché un mio incaricato era andato a chiedere informazioni alla Prefettura di Treviso che aveva spiegato tutto.
potrebbe avere tutte le ragioni, e non sarebbe il solo, seppure ci sono sistemi di attivazione dell'autodifesa ed in questo caso ci stava per intero una bella diffida ad adempiere....ma ho dubbi sui punti sopra spiegati e richiesti per un'eventuale conferma.
iamec ha scritto:
Dopo un mese ho chiesto ancora informazioni e loro si sono scocciati dicendomi che la pratica l'avevano spedita al Ministero degli Esteri che l'avrebbe inoltrata al Ministero dell'Interno e che dovevo aspettare la notifica. Ho chiesto che mandassero la notifica al mio indirizzo in Italia ma molto seccamente hanno rifiutato: loro conoscono un solo indirizzo, quello AIRE.
In questo caso non ha ragione lei, la notifica si fa dove lei e sua moglie risultano residenti e non in Italia, ma essendoci sempre qualcuno in casa, sarete avvisati per tempo e non vedo tutto questo problema.
iamec ha scritto:
Come direbbe qualcuno in Italia, MI CONSENTA, sono stufo di essere considerato un suddito. PRETENDO RISPETTO almeno tanto quanto io rispetto gli altri.
I tempi .... avessi saputo che avevo a che fare con una banda di ciarlatani (quanno ce vo' ce vo') forse (FORSE) avrei agito diversamente, ma io sono un direttore di organizzazione aziendale in pensione, per formazione credo nelle collaborazione. Finora c'è sempre stata con il consolato ma loro si sono sentiti offesi quando io ho scoperto la loro inettitudine, benchè io non abbia mosso nessuna critica, anzi ho gentilmente suggerito di prendere informazionia mio nome.
Purtroppo e troppo spesso la gentilezza non serve a niente anzi....e ricordiamoci che chi deve essere gentile, efficiente ed ossequiso per primi devono essere loro.
iamec ha scritto:
Se non ci crede Le invio la corrispondenza intercorsa.
Concludendo sui tempi ..... FORSE ..... perché non è corretto che io debba modellare la mia vita e quella della mia famiglia sulle possibili inefficenze (punibili per legge vedi circolare 17 maggio 2011 del Ministero dell'Interno).
Grazie per la paziente attenzione e cordiali saluti.
Non é questione di crederle o no, le ripeto che mi lascia molto da pensare la non definizione della vera residenza (non é possibile avere doppia residenza, sarebbe un falso in atto pubblico). In quanto a ''modellare'', non sia tanto drastico, si parla solo di avere un poco di prudenza ed evitare il piú possibile situazioni di conflitto, che giá abbastanza crea la P.A e l'Ambasciata (in generale) senza che l'utente...le dia una mano.!!!

Cordiali saluti e riveda la sua posizione, chiarendo i particolari importanti.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero   Oggi a 2:28 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Iscritto AIRE, viaggio in Italia, corrispondenza Consolato Estero
» ISCRITTO AIRE MATRIMONIO ALL'ESTERO CON EXTRA UE
» notifica atto pignoramento a iscritto AIRE
» rinnovo patente in Italia - residenza all'estero
» Visto per ricong. fam. di Haitiana con Italiano iscritto AIRE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: A.I.R.E. diritti e doveri-
Andare verso: