Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 come potrei divorziare?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Lorenzo61



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.12.11

MessaggioOggetto: come potrei divorziare?   Sab Dic 10, 2011 5:45 am

Buongiorno,
data la complessita' della situazione, faro' una descrizione piu' sintetizzata possibile e, nel caso, rispondero' ad eventuali domande.

Io sono un cittadino italiano mi sono sposato nel gennaio 2008 in Pennsylvania con una cittadina americana. Dopo il matrimonio avevo cominciato (e quasi finito) a fare la residenza in USA. Dato che dovevo venire in Italia per cose urgenti, ottenni dall'USCIS un permesso di viaggio valido per sei mesi e venni in Italia. Nel frattempo che ero in Italia, pero', ricevetti una comunicazione per andare a fare le visite mediche per la residenza. Mia moglie telefono' all'ufficio di comprtenza e loro dissero che avrei potuto riprendere la pratica al mio ritorno. Ma cosi' non fu! Per loro era come se io avessi rinunciato alla residenza. Per di piu' quando ritornai in America, inconsapevolmente io esibii il mio documento di viaggio, passai tranquillamente il ceck out, ma dopo una quindicina di giorni ricevetti una lettera dove dicevano che io ero entrato negli USA illegalmente con documento non valido. Quindi andai dopo 3 mesi a corte dal giudice a Pittsburgh (in videaoconferenza perche lui era a Philadelphia), dove disse che il caso era chiuso senza pregiudizi. Dopo di che io ritornai nuovamente in Italia con mia moglie e decidemmo di rimanere in Italia. Purtroppo pero', mia moglie subii un grave lutto e dovette tornare in America.
Data la mia posizione diventata secondo me incerta, per non rischiare situazioni spiacevoli una volta arrivato all'aeroporto di Washinghton, chiesi un visto per tre mesi andando al consolato americano di Milano.
PREMETTO CHE: 1) compilai la richiesta online (a pagamento) specificando che io ero sposato con una cittadina americana, inviando anche dati e indirizzo di mia moglie. 2) telefonai al consolato (a pagamento) per avere l'appuntamento e anche in quella circostanza comunicai il mio stato civile. 3) pagai 115 euro per il visa. 4) Andai al consolato Americano a Milano da Trieste dove vivo, partendo il giorno prima, spendendo 200 euro di viaggio piu' 60 di hotel.
Dopo tre ore di attesa, arrivato il mio turo, dopo un colloquio di non piu' di 2 minuti con una signora console, lei mi dice che non posso ottenere il visa come visitatore in quanto sono sposato con una cittadiona americana!
A parte che nel compilare la richiesta del visa e nel colloquio telefonico io avevo specificato che ero sposato in USA, perche' mi hanno fatto pagare quei 155 euro (naturalmente non rimborsabili) e fatto fare quel viaggio se gia' sapevano che non potevano darmi quel visa?
Poi mi dissero che per quel problema dovevo andare al consolato di Napoli. Ho scritto una email al consolato di Napoli per 3 volte prima di recarmi fino a Napoli per niente, ma non ho mai ricevuto una risposta.
Nel frattempo mia moglie, ancora scossa per la morte di suo figlio, ha deciso che non vuole piu' venire in Italia causa la sua depressione.
Dopo quasi un anno con questa situazione, 2 mesi fa mi disse che il nostro matrimonio non poteva avere futuro e che quindi la cosa migliore da fare era il divorzio. Dopo qualche giorno di riflessione io le risposi che avrei acconsentito e di spedirmi eventuali pratiche da firmare, ma la sua risposta fu che non voleva divorziare per il fatto che costa molto e che preferiva rimanere cosi' come siamo, separati da una parte all'altra dell'Oceano! Dopo di che lei non ha piu' neanche risposto alle mie email.
A questo punto cosa posso fare? Mica non potro' piu' andare in America perche' sono sposato la'! Posso io chiedere il divorzio stando in Italia? (il matrimonio non e' mai stato regolarizzato in italia). Posso chiedere qualche altro tipo di visa che non sia turistico o per fare la residenza?
Ma quello che vorrei maggiori informazioni e' se posso io chiedere il divorzio dall'Italia con una cittadina Americana.

Grazie per la cortese attenzione

Lorenzo
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Sab Dic 10, 2011 2:07 pm

Lorenzo61 ha scritto:
Buongiorno,
data la complessita' della situazione, faro' una descrizione piu' sintetizzata possibile e, nel caso, rispondero' ad eventuali domande.

Io sono un cittadino italiano mi sono sposato nel gennaio 2008 in Pennsylvania con una cittadina americana. Dopo il matrimonio avevo cominciato (e quasi finito) a fare la residenza in USA. Dato che dovevo venire in Italia per cose urgenti, ottenni dall'USCIS un permesso di viaggio valido per sei mesi e venni in Italia. Nel frattempo che ero in Italia, pero', ricevetti una comunicazione per andare a fare le visite mediche per la residenza. Mia moglie telefono' all'ufficio di comprtenza e loro dissero che avrei potuto riprendere la pratica al mio ritorno. Ma cosi' non fu! Per loro era come se io avessi rinunciato alla residenza. Per di piu' quando ritornai in America, inconsapevolmente io esibii il mio documento di viaggio, passai tranquillamente il ceck out, ma dopo una quindicina di giorni ricevetti una lettera dove dicevano che io ero entrato negli USA illegalmente con documento non valido. Quindi andai dopo 3 mesi a corte dal giudice a Pittsburgh (in videaoconferenza perche lui era a Philadelphia), dove disse che il caso era chiuso senza pregiudizi. Dopo di che io ritornai nuovamente in Italia con mia moglie e decidemmo di rimanere in Italia. Purtroppo pero', mia moglie subii un grave lutto e dovette tornare in America.
Data la mia posizione diventata secondo me incerta, per non rischiare situazioni spiacevoli una volta arrivato all'aeroporto di Washinghton, chiesi un visto per tre mesi andando al consolato americano di Milano.
PREMETTO CHE: 1) compilai la richiesta online (a pagamento) specificando che io ero sposato con una cittadina americana, inviando anche dati e indirizzo di mia moglie. 2) telefonai al consolato (a pagamento) per avere l'appuntamento e anche in quella circostanza comunicai il mio stato civile. 3) pagai 115 euro per il visa. 4) Andai al consolato Americano a Milano da Trieste dove vivo, partendo il giorno prima, spendendo 200 euro di viaggio piu' 60 di hotel.
Dopo tre ore di attesa, arrivato il mio turo, dopo un colloquio di non piu' di 2 minuti con una signora console, lei mi dice che non posso ottenere il visa come visitatore in quanto sono sposato con una cittadiona americana!
A parte che nel compilare la richiesta del visa e nel colloquio telefonico io avevo specificato che ero sposato in USA, perche' mi hanno fatto pagare quei 155 euro (naturalmente non rimborsabili) e fatto fare quel viaggio se gia' sapevano che non potevano darmi quel visa?
Poi mi dissero che per quel problema dovevo andare al consolato di Napoli. Ho scritto una email al consolato di Napoli per 3 volte prima di recarmi fino a Napoli per niente, ma non ho mai ricevuto una risposta.
Nel frattempo mia moglie, ancora scossa per la morte di suo figlio, ha deciso che non vuole piu' venire in Italia causa la sua depressione.
Dopo quasi un anno con questa situazione, 2 mesi fa mi disse che il nostro matrimonio non poteva avere futuro e che quindi la cosa migliore da fare era il divorzio. Dopo qualche giorno di riflessione io le risposi che avrei acconsentito e di spedirmi eventuali pratiche da firmare, ma la sua risposta fu che non voleva divorziare per il fatto che costa molto e che preferiva rimanere cosi' come siamo, separati da una parte all'altra dell'Oceano! Dopo di che lei non ha piu' neanche risposto alle mie email.
A questo punto cosa posso fare? Mica non potro' piu' andare in America perche' sono sposato la'! Posso io chiedere il divorzio stando in Italia? (il matrimonio non e' mai stato regolarizzato in italia). Posso chiedere qualche altro tipo di visa che non sia turistico o per fare la residenza?
Ma quello che vorrei maggiori informazioni e' se posso io chiedere il divorzio dall'Italia con una cittadina Americana.

Grazie per la cortese attenzione

Lorenzo

Pu˛ cominciare le pratiche di separazione in Italia facendosi mandare una procura speciale da sua moglie,sempre e quando il tribunale della sua provincia di residenza accetti la procura,deve informarsi presso la cancelleria o sentire un buon avvocato divorzista.In caso sua moglie sia contraria,pu˛ procedere con separazione giudiziale dai tempi ed i costi indefiniti.
Se no,il divorzio in USA che se rispetta la legge 218/95 italiana,pu˛ essere trascritto in Italia ma deve informarsi in loco.PerchŔ non ha fatto il "Visa waiver" ?
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Lorenzo61



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.12.11

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Sab Dic 10, 2011 2:25 pm

Grazie per la risposta,
cosa intende per il Visa waiver? L'ESTA? Ma poi basta quello da esibire all'uscita dell'aeroporto per passare? Non devo fare il visa verde quello che si compila in aereo? Io vorrei essere sicuro di poter entrare, perche' non vorrei ci fosse qualche impedimento e che mi rispediscano in Italia!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Sab Dic 10, 2011 9:44 pm

Lorenzo61 ha scritto:
Grazie per la risposta,
cosa intende per il Visa waiver? L'ESTA? Ma poi basta quello da esibire all'uscita dell'aeroporto per passare? Non devo fare il visa verde quello che si compila in aereo? Io vorrei essere sicuro di poter entrare, perche' non vorrei ci fosse qualche impedimento e che mi rispediscano in Italia!

SÝ,deve fare l'ESTA prima se non l'ha giß fatto,se il sistema le dß luce verde puˇ partire .Il formulario verde lo compilano sull'aereo proprio i "visa waiver" ovvero gli esenti visto.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Lorenzo61



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.12.11

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Dom Dic 11, 2011 3:41 am

Ancora grazie per la Sua gentile risposta.
Ma c'e' ancora una cosa che vorrei chiedere:
nella compilazione dell'ESTA appare questa domanda: "4.6 Le e mai stato rifiutato il visto o lĺingresso negli Stati Uniti? Oppure Le e mai stato annullato il visto per gli Stati Uniti?*
Cosa dovrei rispondere? Dovrei fare riferimento a quel visa per 6 mesi che avevo chiesto e rifiutato dal Consolato Americano a Milano e rispondere di si'? Questo potrebbe comportare un rifiuto?
Io avevo gia' un ESTA ma e' scaduto circa un mese fa mi sembra dopo 2 anni che lo avevo fatto e accettato. Ma quella volta lo avevo fatto prima di quei fatti che avevo descritto sopra.
grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Dom Dic 11, 2011 10:25 am

Lorenzo61 ha scritto:
Ancora grazie per la Sua gentile risposta.
Ma c'e' ancora una cosa che vorrei chiedere:
nella compilazione dell'ESTA appare questa domanda: "4.6 Le e mai stato rifiutato il visto o lĺingresso negli Stati Uniti? Oppure Le e mai stato annullato il visto per gli Stati Uniti?*
Cosa dovrei rispondere? Dovrei fare riferimento a quel visa per 6 mesi che avevo chiesto e rifiutato dal Consolato Americano a Milano e rispondere di si'? Questo potrebbe comportare un rifiuto?
Io avevo gia' un ESTA ma e' scaduto circa un mese fa mi sembra dopo 2 anni che lo avevo fatto e accettato. Ma quella volta lo avevo fatto prima di quei fatti che avevo descritto sopra.
grazie

Conviene sempre essere sinceri,vediamo che le dice il sistema.Eventualmente tocca cercare un avvocato esperto in immigrazione in USA che possa aiutarla.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Lorenzo61



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.12.11

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Dom Dic 11, 2011 11:48 am

ahi ahi ahi...... io avevo cercato un avvocato in USA all'epoca. Ma quelli d'ufficio non si occupano di immigrazione e uno "adatto" mi chiedeva dai 8 ai 12 mila dollari!
Poi avevo risolto tutto senza avvocato. Comunque provero' informarmi.

Quello che non capisco e' perche' non deve esistere un uffucio dove andare, che si occupa di casi simili o comunque di visa, da dove possono accertarsi esattamente sulla mia posizione e poi vedere il da farsi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Lorenzo61



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.12.11

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Lun Dic 12, 2011 11:15 am

ancora io...
prima di aprire un altro post vorrei fare una domanda: ma non esiste qualche visa speciale per chi ha un coniuge negli USA? Qualche permesso che non sia "fare la residenza" e neanche visa turistico?
Non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra (forse ho capito male?) che un giorno all'USCIS di Pittsburgh un'impiegata avesse detto che c'e' un visto per uno straniero che ha un coniuge cittadino americano.
Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Lun Dic 12, 2011 2:12 pm

Lorenzo61 ha scritto:
ancora io...
prima di aprire un altro post vorrei fare una domanda: ma non esiste qualche visa speciale per chi ha un coniuge negli USA? Qualche permesso che non sia "fare la residenza" e neanche visa turistico?
Non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra (forse ho capito male?) che un giorno all'USCIS di Pittsburgh un'impiegata avesse detto che c'e' un visto per uno straniero che ha un coniuge cittadino americano.
Grazie

Essendo legislazione USA,solo loro possono darle una risposta.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: come potrei divorziare?   Oggi a 2:30 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
come potrei divorziare?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» come potrei divorziare?
» Divorziare in Messico
» ╔ POSSIBILE DIVORZIARE AL ESTERO O CON LA PRESENZA DI UN SOLO CONIUGE?
» COME SI PUO' DIVORZIARE DA UNA TAILANDESE IN ITALIA?
» DIVORZIO VAPORE X RESIDENTI IN ITALIA - DEROGABILIT┴ GIUDICE ITALIANO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: MATRIMONIO ALL'ESTERO-
Andare verso: