Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 14, 2012 8:09 am


Buongiorno,

temo di aver giÓ posto la questione, ma Ŕ passato molto tempo e non riesco a ritrovare gli elementi.

Io, italiano, e mia moglie, filippina con doppia cittadinanza, abbiamo adottato una di lei nipote (3░ grado) secondo la legge filippina, sentenza di una settimana fa (finalmente).

A questo punto, sapendo che dovremo fare istanza al tribunale dei minori per tentare di ottenere la trascrizione dell'atto in Italia, vorremmo far tornare mia moglie in Italia con bimba al seguito in qualitÓ di minore sotto tutela, richiedendo un visto per familiare al seguito: ritenete la via praticabile? eventuali suggerimenti?


grazie, Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 14, 2012 3:03 pm

dufabio ha scritto:

Buongiorno,

temo di aver giÓ posto la questione, ma Ŕ passato molto tempo e non riesco a ritrovare gli elementi.

Io, italiano, e mia moglie, filippina con doppia cittadinanza, abbiamo adottato una di lei nipote (3░ grado) secondo la legge filippina, sentenza di una settimana fa (finalmente).

A questo punto, sapendo che dovremo fare istanza al tribunale dei minori per tentare di ottenere la trascrizione dell'atto in Italia, vorremmo far tornare mia moglie in Italia con bimba al seguito in qualitÓ di minore sotto tutela, richiedendo un visto per familiare al seguito: ritenete la via praticabile? eventuali suggerimenti?


grazie, Fabio

Il familiare al seguito non esiste pi¨.Si pu˛ chiedere eventualmente un turistico speciale per familiare di cittadino UE,sensi dlgs.30/2007.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 14, 2012 3:33 pm

Non essendo ancora riconosciuta l'adozione (se mai lo sarÓ) e trattandosi di una nipote Ŕ pressochŔ impossibile che diano il visto o sbaglio? Nessuna altra possibilitÓ? Ma poi da quand'Ŕ che non esiste pi¨ il visto per familiare al seguito?

grazie
Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 14, 2012 4:20 pm

Aggiungo: che possibilitÓ esistono, realisticamente, che venga concesso un visto ai sensi dell'art. 3.2.a del dlgs. 30/2007 ?

grazie in anticipo per eventuali risposte e per l'ottimo lavoro che svolgete con questo forum

Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 14, 2012 6:35 pm

Gentilissimo Bostik,

ho effettuato una ricerca ai fini di comprendere, nei limiti delle mie capacitÓ di non addetto ai lavori, la legislazione vigente in relazione all'ottenimento di un visto di ingresso per non comunitari, anche alla luce delle recenti modifiche introdotte dal D.M. 11 maggio 2011.

Limitando, per comoditÓ, la disamina alla fattispecie per me pi¨ "conveniente", risulta quanto segue:

1) D.M. 11 maggio 2011: Visto per "motivi familiari" (V.N.)

... omissis ...

Se familiare di cittadino di un Paese dell'Unione Europea o di un Paese aderente all'Accordo sulloSpazio Economico Europeo residente in Italia, ovvero di un cittadino italiano, il visto in favore del cittadino straniero Ŕ rilasciato alle condizioni previste dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30, artt. 2, 5 e 7.

... omissis ...

Per l'ottenimento del visto d'ingresso il cittadino straniero deve risultare in possesso di nullaosta per "familiare al seguito" o "ricongiungimento familiare", rilasciato dallo Sportello Unico per l'Immigrazione presso la Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo, e da questo trasmesso per via telematica direttamente agli Uffici Consolari. Il nulla osta deve essere utilizzato, ai fini del rilascio del visto per motivi familiari, entro sei mesi dalla data di emissione.

... omissis ...


In definitiva a me sembra che fatta eccezione per la diversa denominazione, il visto per "familiare al seguito" di fatto esista ancora e poggia sulle solite fondamenta

distinti saluti
Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mer Feb 15, 2012 9:21 am

dufabio ha scritto:
Gentilissimo Bostik,

ho effettuato una ricerca ai fini di comprendere, nei limiti delle mie capacitÓ di non addetto ai lavori, la legislazione vigente in relazione all'ottenimento di un visto di ingresso per non comunitari, anche alla luce delle recenti modifiche introdotte dal D.M. 11 maggio 2011.

Limitando, per comoditÓ, la disamina alla fattispecie per me pi¨ "conveniente", risulta quanto segue:

1) D.M. 11 maggio 2011: Visto per "motivi familiari" (V.N.)

... omissis ...

Se familiare di cittadino di un Paese dell'Unione Europea o di un Paese aderente all'Accordo sulloSpazio Economico Europeo residente in Italia, ovvero di un cittadino italiano, il visto in favore del cittadino straniero Ŕ rilasciato alle condizioni previste dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30, artt. 2, 5 e 7.

... omissis ...

Per l'ottenimento del visto d'ingresso il cittadino straniero deve risultare in possesso di nullaosta per "familiare al seguito" o "ricongiungimento familiare", rilasciato dallo Sportello Unico per l'Immigrazione presso la Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo, e da questo trasmesso per via telematica direttamente agli Uffici Consolari. Il nulla osta deve essere utilizzato, ai fini del rilascio del visto per motivi familiari, entro sei mesi dalla data di emissione.

... omissis ...


In definitiva a me sembra che fatta eccezione per la diversa denominazione, il visto per "familiare al seguito" di fatto esista ancora e poggia sulle solite fondamenta

distinti saluti
Fabio

Il diritto alla visita breve Ŕ garantito,non credo applichino i requisiti per un ric.fam. ma aspettiamo Guido Baccoli e Sereno Scolaro,pi¨ esperti nel campo delle adozioni.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mer Feb 15, 2012 9:46 am

Io tralascerei la questione adozione in quanto il procedimento da noi seguito non Ŕ quello dell'adozione internazionale e pertanto non ritengo sussistano i requisiti per richiedere il visto dedicato a questa casistica.

Il mio obiettivo, al momento, Ŕ far entrare il minore in Italia per riunirmi a mia moglie e successivamente adire il tribunale dei minori per la trascrizione della sentenza.

Il problema, pertanto, attiene alla tipologia di visto da richiedere e non l'adozione in se.

Il combinato disposto dal D.M. 11 maggio 2011, dal dlgs 30/2007 (art. 2.9) e dalla legge 40/1998 (artt. 1.2, 29.1-2) mi farebbe pensare che il mio caso abbia tutti i requisiti per poter ottenere un visto per motivi familiari in quanto potrÓ anche non essere riconosciuta l'adozione, ma dubito che non si possa riconoscere che il minore Ŕ affidato alla nostra tutela.

Cordiali saluti
Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Sab Feb 18, 2012 7:40 am

Nessun altro intervento? Sad
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 21, 2012 7:05 pm

dufabio ha scritto:
Io tralascerei la questione adozione in quanto il procedimento da noi seguito non Ŕ quello dell'adozione internazionale e pertanto non ritengo sussistano i requisiti per richiedere il visto dedicato a questa casistica.

Il mio obiettivo, al momento, Ŕ far entrare il minore in Italia per riunirmi a mia moglie e successivamente adire il tribunale dei minori per la trascrizione della sentenza.

Il problema, pertanto, attiene alla tipologia di visto da richiedere e non l'adozione in se.

Il combinato disposto dal D.M. 11 maggio 2011, dal dlgs 30/2007 (art. 2.9) e dalla legge 40/1998 (artt. 1.2, 29.1-2) mi farebbe pensare che il mio caso abbia tutti i requisiti per poter ottenere un visto per motivi familiari in quanto potrÓ anche non essere riconosciuta l'adozione, ma dubito che non si possa riconoscere che il minore Ŕ affidato alla nostra tutela.

Cordiali saluti
Fabio
Mi pare di capire che residiate entrambe all'estero e quindi iscritti all'AIRE. Da ciˇ ne deduco che non esite un visto per familiare al seguito, ma esattamente il visto turistico riservato con prioritß ed innegabile ai familiari dei cittadini italiani (elencati nell'art 2 del Dlgs 30/2007 che non Ú stato mai modificato); ha validitß un anno e con multientrate,, come quelo che probabilmente ha sua moglie se non Ú ancora cittadina italiana.

In ogni caso l'art 3 del Dlgs 30/2007, cosÝ come modificato dal D.L. 23 Giugno 2011, N 8 non sarebbe applicabile in nessun modo. Primo perchÚ non Ú ancora familiare descritto dall'art 2 Dlgs 30/2007 e secondo, perchÚ l'art 3 Ú previsto, seppure a nostro avviso incostituzionalmente, solamente per i cittadini UE che non risiedano nel loro Paese d'Origine (es. un francese residente in italia) e questa Ú ormai per adesso, l'applicazione ed interpretazione che ormai si Ú solidificata. Fin quando non esista la delibazione in Italia dell'adozione (essendo residenti all'estero non si applica la legge dell'adozione internazionale italiana, bensÝ quella locale dello Stato che ha emesso sentenza), l'unico modo Ú quello del visto turistico per familiare di sua moglie e per averne la custodia (nonostante, anche in questo caso potrebbe incontrare forti resistenze dall'Ambasciata italiana).

Una volta ottenuta la delibazione della sentenza straniera, diventerß a tutti gli effetti vostra figlia ed avrß di diritto ed automaticamente la cittadinanza italiana, per cui, non servirß visto, in quanto avrß il suo passaporto Europeo italiano.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 21, 2012 7:10 pm

Gentile Dott. Baccoli,

una precisazione: io e mia moglie siamo entrambi residenti in Italia. Abbiamo potuto procedere all'adozione nelle Filippine in quanto la legislazione locale lo consentiva trattandosi di una nipote di mia moglie, parente di terzo grado. Questo cambia qualcosa?

grazie in anticipo
Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dufabio



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 14.02.12

MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Mar Feb 21, 2012 7:35 pm

dufabio ha scritto:
Gentile Dott. Baccoli,

una precisazione: io e mia moglie siamo entrambi residenti in Italia. Abbiamo potuto procedere all'adozione nelle Filippine in quanto la legislazione locale lo consentiva trattandosi di una nipote di mia moglie, parente di terzo grado. Questo cambia qualcosa?

grazie in anticipo
Fabio

Chiedo scusa, ma preferisco ricapitolare la situazione e rischiare di ripetermi.

A febbraio 2011 il fratello di mia moglie ci ha chiesto di adottare la sua ultima nata, cosa ormai giunta a conclusione secondo la legge filippina: allo stato attuale la bimba risulta figlia mia e di mia moglie e in questi giorni stanno producendo/aggiornando la relativa documentazione.

A parte questo, la bimba Ŕ stata sempre accudita solo da mia moglie, che da pi¨ di un anno vive nelle Filippine a questo scopo, e sostentata unicamente grazie alle mie rimesse economiche. Io stesso, compatibilmente con il lavoro, ho trascorso qualche mese nelle Filippine.

Io e mia moglie siamo e siamo sempre stati residenti in Italia: mai iscritti AIRE.

Da un colloquio informale con la vicepresidente del CAI Ŕ risultato che detto ente non avrebbe nulla da eccepire all'ingresso del minore in Italia; presso il tribunale dei minori di milano mi Ŕ stato detto, sempre in maniera informale, che per il mio caso specifico (adozione di una parente) non esistono leggi che contemplino la casistica e di presentare istanza di trascrizione una volta che il minore sia entrato in Italia.

Adesso il punto Ŕ: come faccio a farla venire in Italia? Per un caso pressochÚ identico al mio, salvo la nazionalitÓ del minore, una coppia a cui il visto per familiare al seguito era stato negato ha vinto il ricorso presso il tribunale ordinario di Pavia ...

grazie




Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)   Oggi a 3:17 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Ingresso di una minore adottata all'estero (Filippine)
» Visto per minore sposata con italiano
» Pssaporto per minore con padre residente all'estero e madre in italia
» ingresso in italia con minore adottato allestero
» Espatrio di minore non autorizzato in Croazia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: INDICI DEGLI ARGOMENTI PI┌ RILEVANTI PER AUTORE E MODERATORE :: AMEDEO-
Andare verso: