Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 figlio di cittadino italiano - residenza negata

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
franci



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 25.02.12

MessaggioOggetto: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Sab Feb 25, 2012 4:59 am

Salve!

Inanzitutto mi scuso con il dott. Baccoli per non avere letto il regolamento del forum.
Il nostro problema Ŕ questo:

Abbiamo un figlio di cittadinanza rumena (Ŕ riconosciuto dal padre e logicamente da me, la madre), nato da padre italiano e madre rumena, a cui non riusciamo in nessun modo fare i documenti per la residenza in Italia (e la cittadinanza italiana, che Ŕ acquisita in automatico secondo la costituzione italiana).

E' nato in Romania, l'8 dicembre 2009.

Abitiamo insieme in Italia giÓ da settembre 2011. All'ufficio Anagrafe del Comune ci Ŕ stato detto che non possiamo fare i documenti per la residenza (molto importanti, per l'iscrizione ad un pediatra, all'asilo ecc) senza tornare in Romania al Consolato Generale dell'Italia, dove dovremmo portare tutti i documenti necessari per la trascrizione del certificato di
nascita. Cosý sarebbe automaticamente iscritto sullo stato di famiglia del padre (non siamo sposati), e residente all'indirizzo di residenza del padre. Shocked

Non riusciamo a capire perchŔ questi documenti non si possono fare qui, in Italia, dato che giÓ ci abitiamo, senza tornare in
Romania, viaggio che non abbiamo assolutamente la possibilitÓ di sostenere in questo momento.

A pensare che l'impiegata del comune diceva "noi i nostri cittadini li tuteliamo, ovunque siano nati",sembra una presa per i fondelli questa situazione.

A chi dobbiamo rivolgerci, visto che siamo stati mandati da una parte all'altra senza concludere niente? Tutto questo Ŕ un controsenso, a che serve allora la comunitÓ europea?

Ve ne sarei grata se ci poteste aiutare.

Cordiali saluti,
Georgiana Radu
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Sab Feb 25, 2012 4:11 pm

franci ha scritto:
Salve!

Inanzitutto mi scuso con il dott. Baccoli per non avere letto il regolamento del forum.
Il nostro problema Ŕ questo:

Abbiamo un figlio di cittadinanza rumena (Ŕ riconosciuto dal padre e logicamente da me, la madre), nato da padre italiano e madre rumena, a cui non riusciamo in nessun modo fare i documenti per la residenza in Italia (e la cittadinanza italiana, che Ŕ acquisita in automatico secondo la costituzione italiana).

E' nato in Romania, l'8 dicembre 2009.

Abitiamo insieme in Italia giÓ da settembre 2011. All'ufficio Anagrafe del Comune ci Ŕ stato detto che non possiamo fare i documenti per la residenza (molto importanti, per l'iscrizione ad un pediatra, all'asilo ecc) senza tornare in Romania al Consolato Generale dell'Italia, dove dovremmo portare tutti i documenti necessari per la trascrizione del certificato di
nascita. Cosý sarebbe automaticamente iscritto sullo stato di famiglia del padre (non siamo sposati), e residente all'indirizzo di residenza del padre. Shocked

Non riusciamo a capire perchŔ questi documenti non si possono fare qui, in Italia, dato che giÓ ci abitiamo, senza tornare in
Romania, viaggio che non abbiamo assolutamente la possibilitÓ di sostenere in questo momento.

A pensare che l'impiegata del comune diceva "noi i nostri cittadini li tuteliamo, ovunque siano nati",sembra una presa per i fondelli questa situazione.

A chi dobbiamo rivolgerci, visto che siamo stati mandati da una parte all'altra senza concludere niente? Tutto questo Ŕ un controsenso, a che serve allora la comunitÓ europea?

Ve ne sarei grata se ci poteste aiutare.

Cordiali saluti,
Georgiana Radu
Grazie per lea comprensione e le scuse, che accetto di buon grado.

Non conosco la legislazione polacca, per sapere se per ritirare un atto di nascita Ú necessaria la richiesta con la presenza di uno dei due genitori o puˇ essere anche delegato ad un familiare o amico. Se questa procura Ú accettata la soluzione Ú semplice (almeno sulla carta e sui diritti inviolabili). basta procurarsi il certificato di nascita, apostillarlo in Polonia dall'organismo polacco autorizzato (ha firmato la convenzione dell'Aja sulle apostille il 19/11/2004 ed┤Ú entrata in vigore il 14/08/2005), farlo tradurre in Italia come detta il DPR 396/2000
Art 12 comma 11 La trascrizione pu˛ essere domandata da chiunque vi ha interesse, con istanza verbale o con atto redatto per iscritto e trasmesso anche a mezzo posta, o dalla pubblica autoritÓ;
comma 12 Quando l'atto Ŕ scritto in lingua straniera, se ne trascrive la traduzione eseguita nel modo stabilito dall'articolo 22
Articolo 22 (Traduzione del contenuto di documenti)
1. Fermo restando quanto stabilito da convenzioni internazionali, i documenti scritti in lingua straniera devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana che deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autoritÓ diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale o da un interprete che attesti con giuramento davanti all'ufficiale dello stato civile la conformitÓ al testo straniero.


Quindi si richiede l'immediata trascrizione nel Comune italiano, senza necessitß di passare per l'Ambasciata italiana, anche e non solo, nell'interesse superiore del fanciullo, Trattato internazionale, che l'Italia ha addirittura legiferato come sua legge interna.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3628
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Sab Feb 25, 2012 4:14 pm

franci ha scritto:
Salve!

Inanzitutto mi scuso con il dott. Baccoli per non avere letto il regolamento del forum.
Il nostro problema Ŕ questo:

Abbiamo un figlio di cittadinanza rumena (Ŕ riconosciuto dal padre e logicamente da me, la madre), nato da padre italiano e madre rumena, a cui non riusciamo in nessun modo fare i documenti per la residenza in Italia (e la cittadinanza italiana, che Ŕ acquisita in automatico secondo la costituzione italiana).

E' nato in Romania, l'8 dicembre 2009.

Abitiamo insieme in Italia giÓ da settembre 2011. All'ufficio Anagrafe del Comune ci Ŕ stato detto che non possiamo fare i documenti per la residenza (molto importanti, per l'iscrizione ad un pediatra, all'asilo ecc) senza tornare in Romania al Consolato Generale dell'Italia, dove dovremmo portare tutti i documenti necessari per la trascrizione del certificato di
nascita. Cosý sarebbe automaticamente iscritto sullo stato di famiglia del padre (non siamo sposati), e residente all'indirizzo di residenza del padre. Shocked

Non riusciamo a capire perchŔ questi documenti non si possono fare qui, in Italia, dato che giÓ ci abitiamo, senza tornare in
Romania, viaggio che non abbiamo assolutamente la possibilitÓ di sostenere in questo momento.

A pensare che l'impiegata del comune diceva "noi i nostri cittadini li tuteliamo, ovunque siano nati",sembra una presa per i fondelli questa situazione.

A chi dobbiamo rivolgerci, visto che siamo stati mandati da una parte all'altra senza concludere niente? Tutto questo Ŕ un controsenso, a che serve allora la comunitÓ europea?

Ve ne sarei grata se ci poteste aiutare.

Cordiali saluti,
Georgiana Radu

Se avete il certificato apostillato ai sensi della convenzione dell'Aja,potete trascriverlo direttamente in comune ai sensi dpr.396/2000.Chiaramente va tradotto da un traduttore ufficiale.Se il comune continua a fare storie,chiedete via fax,racc.A/R e PEC (nulla a voce o email ordinaria) che mettano per iscritto ai sensi legge 241/90 ed appunto dpr.396/2000 del perchÚ non vogliono trascrivere.Vediamo cosa rispondono.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3628
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Sab Feb 25, 2012 4:15 pm

Guido Baccoli ha scritto:
franci ha scritto:
Salve!

Inanzitutto mi scuso con il dott. Baccoli per non avere letto il regolamento del forum.
Il nostro problema Ŕ questo:

Abbiamo un figlio di cittadinanza rumena (Ŕ riconosciuto dal padre e logicamente da me, la madre), nato da padre italiano e madre rumena, a cui non riusciamo in nessun modo fare i documenti per la residenza in Italia (e la cittadinanza italiana, che Ŕ acquisita in automatico secondo la costituzione italiana).

E' nato in Romania, l'8 dicembre 2009.

Abitiamo insieme in Italia giÓ da settembre 2011. All'ufficio Anagrafe del Comune ci Ŕ stato detto che non possiamo fare i documenti per la residenza (molto importanti, per l'iscrizione ad un pediatra, all'asilo ecc) senza tornare in Romania al Consolato Generale dell'Italia, dove dovremmo portare tutti i documenti necessari per la trascrizione del certificato di
nascita. Cosý sarebbe automaticamente iscritto sullo stato di famiglia del padre (non siamo sposati), e residente all'indirizzo di residenza del padre. Shocked

Non riusciamo a capire perchŔ questi documenti non si possono fare qui, in Italia, dato che giÓ ci abitiamo, senza tornare in
Romania, viaggio che non abbiamo assolutamente la possibilitÓ di sostenere in questo momento.

A pensare che l'impiegata del comune diceva "noi i nostri cittadini li tuteliamo, ovunque siano nati",sembra una presa per i fondelli questa situazione.

A chi dobbiamo rivolgerci, visto che siamo stati mandati da una parte all'altra senza concludere niente? Tutto questo Ŕ un controsenso, a che serve allora la comunitÓ europea?

Ve ne sarei grata se ci poteste aiutare.

Cordiali saluti,
Georgiana Radu
Grazie per lea comprensione e le scuse, che accetto di buon grado.

Non conosco la legislazione polacca, per sapere se per ritirare un atto di nascita Ú necessaria la richiesta con la presenza di uno dei due genitori o puˇ essere anche delegato ad un familiare o amico. Se questa procura Ú accettata la soluzione Ú semplice (almeno sulla carta e sui diritti inviolabili). basta procurarsi il certificato di nascita, apostillarlo in Polonia dall'organismo polacco autorizzato (ha firmato la convenzione dell'Aja sulle apostille il 19/11/2004 ed┤Ú entrata in vigore il 14/08/2005), farlo tradurre in Italia come detta il DPR 396/2000
Art 12 comma 11 La trascrizione pu˛ essere domandata da chiunque vi ha interesse, con istanza verbale o con atto redatto per iscritto e trasmesso anche a mezzo posta, o dalla pubblica autoritÓ;
comma 12 Quando l'atto Ŕ scritto in lingua straniera, se ne trascrive la traduzione eseguita nel modo stabilito dall'articolo 22
Articolo 22 (Traduzione del contenuto di documenti)
1. Fermo restando quanto stabilito da convenzioni internazionali, i documenti scritti in lingua straniera devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana che deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autoritÓ diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale o da un interprete che attesti con giuramento davanti all'ufficiale dello stato civile la conformitÓ al testo straniero.


Quindi si richiede l'immediata trascrizione nel Comune italiano, senza necessitß di passare per l'Ambasciata italiana, anche e non solo, nell'interesse superiore del fanciullo, Trattato internazionale, che l'Italia ha addirittura legiferato come sua legge interna.

Ciao Guido,Ú Romania non Polonia.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Sab Feb 25, 2012 5:25 pm

bostik ha scritto:
Salve!
Ciao Guido,Ú Romania non Polonia.
Saluti
Ciao bostik, grazie. Hai ragione e me ne scuso. Per fortuna la risposta non cambia perche ßnche la Romania ha firmato la convenzione dell'Aja sulle apostille il 7/05/2000 ed Ú operativa dal 16/03/2001

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
franci



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 25.02.12

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Mar Apr 03, 2012 9:14 am

Buona sera!

Abbiamo fatto tradurre l'atto di nascita al Consolato Rumeno di Roma, lo abbiamo fatto apostillare in Prefettura a Perugia e siamo tornati all'ufficio Anagrafe per richiedere questa benedetta trascrizione dell'atto di nascita e siamo stati rifiutati....di nuovo.
Come consigliato dal dott. Baccoli e Bostik, vorremo fare una richiesta scritta tramite raccomandata, per avere una risposta ufficiale del perche non si pu˛ trascrivere l'atto.
Qualcuno ha per caso un facsimile, un modulo di una tale richiesta?
Grazie di nuovo e buona serata!

Ringraziamo Amedeo per il consiglio! Non volendo arrivare a chiamare i carabinieri, chiediamo un suggerimento per come compilare una richiesta scritta verso l'Ufficio dello Stato Civile, ed ottenere cosý una risposta ufficiale.

P.S.: Mi sono espressa male, non siamo stati rifiutati nel senso che ci hanno negato la trascrizione, ma ci hanno detto che la traduzione fatta dal Consolato Rumeno e apostillata dalla Prefettura di Perugia non va bene per la trascrizione.


Ultima modifica di franci il Mar Apr 03, 2012 5:42 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Mar Apr 03, 2012 10:20 am

franci ha scritto:
Buona sera!

Abbiamo fatto tradurre e legalizzare l'atto di nascita al Consolato Rumeno di Roma, lo abbiamo fatto apostillare in Prefettura a Perugia e siamo tornati all'ufficio Anagrafe per richiedere questa benedetta trascrizione dell'atto di nascita e siamo stati rifiutati....di nuovo.
Come consigliato dal dott. Baccoli e Bostik, vorremo fare una richiesta scritta tramite raccomandata, per avere una risposta ufficiale del perche non si pu˛ trascrivere l'atto.
Qualcuno ha per caso un facsimile, un modulo di una tale richiesta?
Grazie di nuovo e buona serata!

Va chiesto al dipendente comunale di mettere per iscritto i motivi del rifiuto della trascrizione ai sensi dell'art. 7 del DPR 396 del 2000. Se il dipendente comunale non fa nulla lo si querela (denuncia) immediatamente presso i pi¨ vicini carabinieri per omissione in atti d'ufficio.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: figlio di cittadino italiano - residenza negata   Oggi a 12:01 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
figlio di cittadino italiano - residenza negata
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» figlio di cittadino italiano - residenza negata
» carta di soggiorno per figlio maggiorenne di cittadino Italiano
» cittadino italiano sposato con cittadina kenyota con figlio di 5 anni
» PDS CE per soggiornanti di lungo periodo - Madre di cittadino italiano
» permesso di soggiorno per straniero padre di cittadino italiano

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: LEGGI E NORMATIVE COMMENTATE E DISCUSSE :: CITTADINANZA-
Andare verso: