Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 legge n.1185 del 21 Novembre 1967

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
MarieKenya



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 24.03.12

MessaggioOggetto: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Sab Mar 24, 2012 4:25 am

Sono cittadina francese legalmente separata d'un coniuge italiano (tribunale di Parigi), viviamo entrambi in Kenya, ho seguito per rimanere vicino al figlio.

Mio marito non rispetta la decisione di Giustizia, non mi lascia vedere il figlio di cui ho la custodia legale e non paga gli alimenti (solo in parte e spesso con ritardo).

Ho chiesto più volte il ritiro del suo passaporto in conformità con la legge citata qui sopra ma il consolato di Nairobi l'ha sempre protetto; ora mio marito ha bisogno del mio assenso per rinnovare il passaporto e ha smesso tutti pagamenti per costringermi a firmare.

Mi rifiuto di farlo (il ricatto è inaccettabile mentre mi deve già più di 11000€ di assegni alimentare non versati) anche perché ho paura che lasci il paese con il figlio.

Ho bisogno di aiuto.

Mi scuso per l'italiano scritto. Grazie per le vostre risposte, è urgente.

Marie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Sab Mar 24, 2012 3:44 pm

MarieKenya ha scritto:
Sono cittadina francese legalmente separata d'un coniuge italiano (tribunale di Parigi), viviamo entrambi in Kenya, ho seguito per rimanere vicino al figlio.

Mio marito non rispetta la decisione di Giustizia, non mi lascia vedere il figlio di cui ho la custodia legale e non paga gli alimenti (solo in parte e spesso con ritardo).

Ho chiesto più volte il ritiro del suo passaporto in conformità con la legge citata qui sopra ma il consolato di Nairobi l'ha sempre protetto; ora mio marito ha bisogno del mio assenso per rinnovare il passaporto e ha smesso tutti pagamenti per costringermi a firmare.

Mi rifiuto di farlo (il ricatto è inaccettabile mentre mi deve già più di 11000€ di assegni alimentare non versati) anche perché ho paura che lasci il paese con il figlio.

Ho bisogno di aiuto.

Mi scuso per l'italiano scritto. Grazie per le vostre risposte, è urgente.

Marie
Prima di tutto il divorzio deve essere trascritto e registrato in Italia, altrimenti la questione diventa ancor piú difficile (essendo sentenza UE la validitá é automatica, ma bisogna farne richiesta presentando la sentenza apostillata e tradotta al Municipio italiano dove é stato trascritto il matrimonio. Presentata la sentenza del Tribunale UE (nel suo caso francese) che abbia ordinato l'onere degli emolumenti familiari e la pova di aver pagato l'accusa di alimentari arretrati, deve essere provata dal ''ritardatario'', ossia l'onera della prova é del debitore, in questo caso suo marito.

In effetti l'art.12 della succitata legge, impone all'Autorita Diplomatica il ritiro del passaporto, ma per ferlo deve esserci appunto un accertamento giudiziario della cessazione del pagamento degli assegni familiari. Le riporto il testo:

DISPOSIZIONI GENERALI

Il passaporto è ritirato, a cura di una delle autorità indicate all'articolo 5 (nel suo caso dai rappresentanti diplomatici e consolari), quando sopravvengono circostanze che ai sensi della presente legge ne avrebbero legittimato il diniego.
Il passaporto è altresì ritirato quando il titolare si trovi all'estero e, ad istanza degli aventi diritto, non sia in grado di offrire la prova dello adempimento degli obblighi alimentari che derivano da pronuncia dell'autorità giudiziaria o che riguardino i discendenti di età minore ovvero inabili al lavoro, gli ascendenti e il coniuge non legalmente separato.
Il passaporto può essere infine ritirato quando il titolare del passaporto sia un minore e venga accertato che abitualmente svolge all'estero attività immorali o vi presti lavoro in industrie pericolose o nocive alla salute.
Il passaporto ritirato viene restituito al titolare a sua richiesta non appena vengano meno i motivi del ritiro.


Tutto questo deve essere fatto e comunicato in maniera formale e non a voce o con uno semplice scritto senza valore legale (quindi deve essere tramite fax, Racc a/r o meglio ancora per via Posta Elettronica Certificata =PEC). Tale richiesta la deve formalizzare, allegando l'ordine gudiziale della sentenza di divorzio, cosí come ho spiegato sopra e per sua maggior sicurezza, per conoscenza, al MAE, e a tutte le Funzioni Pubbliche a difesa della famiglia e sopratutto del superiore interesse del minore. A questo punto se l'Aut Diplomatica non provvede, si mette in mora e, Dio non voglia, se continuano a non agire, puó denujciare l'A.D. ed il MAE, per omissioni di atti di ufficio.

Molto spiacevole, ma per dovere d'informazione e per la mia particolare sensibilitá del superiore interesse del fanciullo (minore), aggiungo a malincuore, che esistendo un ricatto ed estorsione e sottrazione di minore (reati gravi che si stanno producendo tenendo in conto il suo racconto), farei una denuncia che puó presentare all'Ambasciata con tanto di protocollo, che é obbligata a trasmetterla alla Procura della Repubblica italiana. Oppure la fa attraverso e per mezzo di un avvocato in Italia, il problema sarebbe controllare se il reato sia perseguibile dai Tribunali italiani, in quanto si verifica in territorio Kenya.

Non sarebbe male controllare la legge Francese che dice al riguardo e che azioni si possano aggiungere (agirei nei due sensi, italiano e francese) se esistono e che possano essere attuate per mezzo dell'Ambasciata francese. Non trascurerei, anche se vista la Nazione ci credo poco, un azione in Kenya con le loro normative (per esempio, la ratifica della sentenza straniera in Tribunale UE, cosí come possibile per la Repubblica Dominicana) e verificare se l'atteggiamento che riguarda tutto ció che sia un ricatto ed/od estorsione ed * od sottrazione di minore e, mancanza di sotegno ai figli etc., possa essere applicato in Kenia, per loro normative.

Non posso che augurarmi, che sia per la mia sofferta risposta, che per altre fonti ed aiuti, possa risolvere in tempi brevi.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
MarieKenya



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 24.03.12

MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Dom Mar 25, 2012 12:50 am

Caro Dottore Battoli,

Prima di tutto, La ringrazio tanto per la risposta veloce e esperta alla mia domanda.

Vorrei chiederla 3 altre cose.

1) Lei sarebbe cosi gentile da autorizzarmi a scriverla eccezionalmente su dettagli del caso che non voglio rendere pubblico anche perché ho citato paese e città nel mio post?

Ho altre due domande che sono, penso, di interesse generale

2) Il comune del matrimonio è la mia città di nascita in Francia. Come posso fare trascrivere l'atto di separazione (no siamo ancora divorziati perché mio marito ha fatto appelo) in Italia?

3) Ora che il mio marito ha bisogno della mia firma per il rinnovo del passaporto, cosa succede se rifiuto anche se ricattata ? So che il giudice tutelare può autorizzare il rilascio lo stesso. In questo caso, il giudice tutelare del mio figlio è il console che si è sempre rifiutato anche di ricevermi.

Grazie ancora.

Marie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Dom Mar 25, 2012 4:48 am

MarieKenya ha scritto:
Caro Dottore Battoli,

Prima di tutto, La ringrazio tanto per la risposta veloce e esperta alla mia domanda.

Vorrei chiederla 3 altre cose.

1) Lei sarebbe cosi gentile da autorizzarmi a scriverla eccezionalmente su dettagli del caso che non voglio rendere pubblico anche perché ho citato paese e città nel mio post?

Ho altre due domande che sono, penso, di interesse generale

2) Il comune del matrimonio è la mia città di nascita in Francia. Come posso fare trascrivere l'atto di separazione (no siamo ancora divorziati perché mio marito ha fatto appelo) in Italia?

3) Ora che il mio marito ha bisogno della mia firma per il rinnovo del passaporto, cosa succede se rifiuto anche se ricattata ? So che il giudice tutelare può autorizzare il rilascio lo stesso. In questo caso, il giudice tutelare del mio figlio è il console che si è sempre rifiutato anche di ricevermi.

Grazie ancora.

Marie

La separazione si può registrare semplicemente portandone in comune una copia.

Per il resto non rimane che consigliare l'utilizo di un legale, perchè la situazione è complessa.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
MarieKenya



Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 24.03.12

MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Dom Mar 25, 2012 5:04 am

Grazie Dottore Intonti,

Il comune dov'é mio marito é iscritto all'AIRE o il suo comune di nascita?

Per il legale, l'avrei preso da un bel po' se gli alimenti fossero stati pagati ;-)

E corretto l'italiano?

Saluti

Marie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Dom Mar 25, 2012 10:29 am

MarieKenya ha scritto:
Grazie Dottore Intonti,

Il comune dov'é mio marito é iscritto all'AIRE o il suo comune di nascita?

Per il legale, l'avrei preso da un bel po' se gli alimenti fossero stati pagati ;-)

E corretto l'italiano?

Saluti

Marie

Comune AIRE.Se vuole contattare il Dott.Baccoli privatamente lo puó fare ma sappia che il servizio ha un costo.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: legge n.1185 del 21 Novembre 1967   Oggi a 6:07 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
legge n.1185 del 21 Novembre 1967
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» legge n.1185 del 21 Novembre 1967
» CITTADINANZA DOPO E PRIMA LA LEGGE 94/2009 (PACCHETTO DI SICUREZZA)
» LIMITAZIONI ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO 2012 -LEGGE DI STABILITA' 2012
» Separazione, coppia mista, applicare la legge straniera in Italia
» Scadenze novembre 2012

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL PASSAPORTO-
Andare verso: