Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Lun Feb 25, 2008 2:39 am

Questa materia Ú regolata dal DL 30/2007-
Gli aventi diritto sono determinati dall'Art 3.
1. Il presente decreto legislativo si applica a qualsiasi cittadino dell'Unione che si rechi o soggiorni in uno Stato membro diverso da quello di cui ha la cittadinanza, nonche' ai suoi familiari ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera b), che accompagnino o raggiungano il cittadino medesimo.
2. Senza pregiudizio del diritto personale di libera circolazione e di soggiorno dell'interessato, lo Stato membro ospitante, conformemente alla sua legislazione nazionale, agevola l'ingresso e il soggiorno delle seguenti persone:
a) ogni altro familiare, qualunque sia la sua cittadinanza, non definito all'articolo 2, comma 1, lettera b), se e' a carico o convive, nel paese di provenienza, con il cittadino dell'Unione titolare del diritto di soggiorno a titolo principale o se gravi motivi di salute impongono che il cittadino dell'Unione lo assista personalmente;
b) il partner con cui il cittadino dell'Unione abbia una relazione stabile debitamente attestata dallo Stato del cittadino dell'Unione.
3. Lo Stato membro ospitante effettua un esame approfondito della
situazione personale e giustifica l'eventuale rifiuto del loro ingresso o soggiorno.
Riguardo alla possibile cattiva interpretazione dei pi˙ ''disattenti'' per la frase: Stato membro diverso da quello di cui ha la cittadinanza, che parrebbe escludere gli stessi italiani che risiedono in Italia, soccorre l'art. 23
Applicabilita' ai soggetti non aventi la cittadinanza italiana che siano familiari di cittadini italiani
1. Le disposizioni del presente decreto legislativo, se piu' favorevoli, si applicano ai familiari di cittadini italiani non aventi la cittadinanza italiana.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
roberto



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.08.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Mer Ago 13, 2008 12:34 pm

mi sono sposato a santo domingo il 29 di luglio e per ragioni di lavoro ho dovuto rientrare prima di consegnare l'atto di matrimonio legalizzato e tradotto, in dominicana sono lunghissimi e poi diciamo tanto per l'italia. Avevo lasciato a mia moglie il modulo di trascrizione scritto con il computer e da me firmato insieme a una copia del mio passaporto includendo la pagina della firma, ma con grande sorpresa quando mia moglie si Ŕ recata in ambasciata Ŕ stato fatto un terzo grado e rifiutato la trascrizione pretendendole di farmelo ricompilare a mano e con mia firma autenticata dal comune. A parte il tempo perso, mi sembra assurdo che mi chiedano che lo compili a mano anzichŔ a macchina, ma pi¨ assurdo mi sembra il fatto che si siano trattenuti il modulo da me lasciato a mia moglie. Posso stare tranquillo o devo preoccuparmi? Mi potete aiutare? Mille grazie.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Mer Ago 13, 2008 7:45 pm

Se la versione che dai riporta l'esperienza di tua moglie senza omissis, chi dovrebbe preoccuparsi┤dovrebbe essere l'impiegato che l'ha ricevuta e il funzionario responsabile per questo tipo di pratica e non tu. Credevo di conoscerle tutte le ''barzellette'', ma questa mi giunge totalmente nuova, ma non mi fa affatto ridere. Cmq:
1) l'impiegato non puˇ fare terzi gradi a coniugi o cmq familiari di cittadini italiani e meno lo puˇ fare chi Ú addetto alle trascrizioni di matrimonio, se non limitarsi a ricevere i documenti e procedere. Se ha sospetti gravi e fondati, quindi da distinguere molto bene dalle speculazioni, di o per qualcosa estremamente non chiara o dubbia, magari sull'autencitß dell'atto, deve limitarsi a prendere i documenti, comunicare al funzionario responsabile i suoi sospetti e, quest'ultimo puˇ se lo ritiene fondato e necessario, far eseguire un eventuale rapido riscontro con le Autoritß locali per poi eventualmente, procedere in relazione e di conseguenza alla risposta che otterrß, infine delle due una, o trasmettere la richiesta di trascrizione o denunciare il falso alla Procura della Repubblica dominicana e anche italiana. Purtroppo dal comportamento dell'impiegato devo escludere questa ipotesi in quanto per fare eventuali controlli avrebbe dovuto trattenere tutti i documenti, soprattutto l'atto di matrimonio da verificare;
2) in ogni caso un rifiuto di procedere con richieste verbali Ú cmq illegale; avrebbe dovuto mettere per iscritto motivazione del rifiuto e richieste; non l'ha fatto e in pi˙ si Ú trattenuto un documento firmato da te; piena omissione e abuso in atti di ufficio;
3) inutile dire che la pretesa di scrivere il modulo a mano Ú una lugubre invenzione usata come scusa. Semmai tutto il contrario; oggi un'amministrazione pubblica non dovrebbe accettare moduli scritti a mano, soprattutto se non sono scritti almeno in lettere stampatello; nemmeno quando ero all'Universitß e i PC e le macchine da scrivere erano lusso di pochi, venivano accettati moduli scritti in corsivo e si faceva cmq una brutta figura anche compilandolo a mano in stampatello (io ero uno dei pochi fortunati che aveva il padre con la sua segretaria con una di quelle monumentali macchinone da scrivere anni 70);

Per aiutarti direi che essendo l'ostacolo facilmente superabile, ti consiglio di accontentarli anche se ti reca qualche fastidio e perdita di tempo in pi˙. Questo sempre che sia l'unico e non tirino fuori altre invenzioni e problemi in seguito, ai quali sai giß come potresti reagire per quanto sopra esposto e se non lo sai chiederˇ ad Amedeo di darti qualche dritta e qualche altra te la darˇ io. Tienici informati sugli sviluppi e in bocca al lupo.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Gio Ago 14, 2008 4:10 am

Caro Roberto, ciao.

Durante l'estate anche i funzionari dei Consolati italiani vanno in ferie. I sostituti non sempre sono preparati adeguatamente e, quindi, in estate sono molto frequenti casi come il tuo.

Come risolvere la questione, allora? Io direi che Ŕ sufficiente una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, indirizzata al Consolae S.P.M. (aggiungi questo acronimo, cosý Ŕ costretto a leggerla di persona), con cui:
a) racconti i fatti accaduti;
b) chiedi l'immediata urgente accettazione della domanda di trascrizione del matrimonio, sulla base dello scritto giÓ fatto e che loro hanno trattenuto, con l'integrazione del certificato di matrimonio che tua moglie, su loro convocazione telefonica (indicagli il recapito) si incaricherÓ di consegnargli e di una copia del tuo documento d'identitÓ;
c) chiedi che venga rilasciata ricevuta della domanda stessa;
d) chiedi di rilasciare anche una copia (forse anche meglio due) autenticata del certificato di matrimonio prodotto;
e) avvisi che in difformitÓ di quanto chiesto eserciterai in tutte le sedi i tuoi diritti di cittadino italiano.

Aspetterai un paio di settimane dopo questa lettera, poi vediamo insieme il da farsi.

A proposito!!! Il visto per tua moglie? Non ne fai menzione. Non lo chiedi?

Un saluto a tutti,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
roberto



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.08.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Gio Ago 14, 2008 10:06 am

grazie mille per le risposte cosý veloci.Ho capito bene tutta la situazione chiarita perfettamente da Guido quindi per adesso, domani stesso domani stesso spedisco i moduli compilati a mano e firmati a mia moglie, rimando anche l'altro modulo per il visto anche quello lo avevo lasciato a mia moglie compilato con il computer e firmato, cosý non hanno pi¨ scuse.
Amedeo non ho parlato del visto perchŔ il giorno che si presentano i documenti del matrimonio ricevono anche i documenti per il visto e se l'altro giorno non avessero messo ostacoli mia moglie avrebbe subito dopo i documenti per il matrimonio, consegnato anche quelli per il visto cosý ci era stato detto e lo confermano anche nel sito dell'ambasciata.
Mille grazie per la vostra disponibilitÓ e ne approfittero senza altri dubbi se mi fanno un solo commento o ritardo in pi¨, non perdono.
Mi mantengo in comunicazione per aggiornare il tutto. Piuttosto credo che in repubblica dominicana non si possa fare raccomandate con ricevuta di ritorno, nel caso Ŕ sufficiente un fax o altrimenti come posso fare?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Lun Ago 18, 2008 11:32 pm

Mi scuso per il ritardo nell'intervento. Confermo anch'io che la procedura Ú quella di rispetto alla legge, presentando nello stesso giorno prima la richiesta di matrimonio e poi la richiesta del visto, procedura confermata nello stesso sito.

Visto che hai seguito il mio consiglio di ''accontentare'' una richiesta ridicola e illegittima, tienici informati, nella speranza che non si azzardino a farti altri problemi inesistenti con invenzioni da denuncia, cosÝ come ha specificato anche Amedeo. Lo spero anche perchÚ non mi debba pentire di averti consigliato di non reagire all'abuso e omissioni di atti di ufficio con una diffida ad adempiere.
In bocca al lupo e....crepi, ovviamente.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
frainf



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 30.06.09

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Mar Giu 30, 2009 8:25 am

Buongiorno, espongo il pi¨ brevemente possibile la mia situazione e i miei dubbi..
Questo agosto mi sposo con una cittadina brasiliana in Brasile. Per motivi di lavoro non possiamo andare insieme in Italia quindi lei partirÓ almeno un mese dopo di me. Da quanto ho capito dovrei fare richiesta di visto per ricongiungimento familiare in Consolato italiano a Recife e questo possiamo farlo insieme avendo un po'di tempo a disposizione dopo il matrimonio. Mi sono sorti seri dubbi per˛ dopo aver sentito ieri il Consolato di Recife che si Ŕ limitato a risponderci che non si fa'nessun visto ma deve entrare come turista in Italia.
Corrisponde a realtÓ quanto affermato dal Consolato?
Vorrei evitare di farla entrare come turista o almeno vorrei evitare che in frontiera le chiedano biglietto di ritorno, lettera di invito e mezzi di sostentamento! In caso di visto sbaglio o in frontiera chiedono solo visto e certificato di matrimonio riconosciuto dal Consolato?
Grazie per l'attenzione,
Francesco
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Mar Giu 30, 2009 9:36 am

frainf ha scritto:
Buongiorno, espongo il pi¨ brevemente possibile la mia situazione e i miei dubbi..
Questo agosto mi sposo con una cittadina brasiliana in Brasile. Per motivi di lavoro non possiamo andare insieme in Italia quindi lei partirÓ almeno un mese dopo di me. Da quanto ho capito dovrei fare richiesta di visto per ricongiungimento familiare in Consolato italiano a Recife e questo possiamo farlo insieme avendo un po'di tempo a disposizione dopo il matrimonio. Mi sono sorti seri dubbi per˛ dopo aver sentito ieri il Consolato di Recife che si Ŕ limitato a risponderci che non si fa'nessun visto ma deve entrare come turista in Italia.
Corrisponde a realtÓ quanto affermato dal Consolato?
Vorrei evitare di farla entrare come turista o almeno vorrei evitare che in frontiera le chiedano biglietto di ritorno, lettera di invito e mezzi di sostentamento! In caso di visto sbaglio o in frontiera chiedono solo visto e certificato di matrimonio riconosciuto dal Consolato?
Grazie per l'attenzione,
Francesco

Il Consolato italiano a Recife, se non ricordo male, Ŕ onorario. Questo Ŕ uno dei motivi per cui sono poco propensi ad emettere visti.

Sicuramente la risposta sarÓ stata data da un "contrattista" locale, ma anche i nostri funzionari, che guadagnano non meno di 15.000 euro/mese, non scherzano per inventiva.

Anche se la moglie di cittadino italiano pu˛ entrare per turismo senza visto, non Ŕ male che si premunisca di visto (assolutamente gratuito) ed il consolato non pu˛ rifiutarsi di emetterlo. A Roma, tempo fa e per esempio, l'U.I. rilasciava le Carte di Soggiorno solo a chi era entrato con visto per ricongiungimento.

Se si dovesse entrare senza visto, Ŕ importante portarsi dietro una copia autentica di certificato di matrimonio (farla rilasciare dal consolato) ed una fotocopia del passaporto (o della Carta d'IdentitÓ) del coniuge, da cui risulti la cittadinanza (magari autenticata dal consolato).

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
ohizi



Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 30.07.09

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Gio Lug 30, 2009 9:09 pm

Ciao ragazzi qualcuno di voi mi conosce o meglio conosce il nostro caso.

Siamo una famiglia mista nel senso che tre fratelli ed tutti sposati e quasi tutti diventati cittadini Italiani.
Tranne nostra madre e nostro padre. ancora aspettano la naturalizzazione.

1) ora si da il caso che abbiamo un unico familiare (fratello) che si trova in albania espulso con art 13 lettera B quindi niente di grave.
Non lo avrebber˛ dovuto fare ma lo hanno fatto lo stesso...

Abbiamo chiesto all'ambasciata il visto di ingresso secondo il dgls30/2007 attuazione della direttiva Ce38/2004.

Ma puntualmente rifiuta il visto dato che secondo loro il ricongiungýmento fratelli sorelle( collaterali) non Ŕ applicabile.

POssono dare solo visti turistici,ma sappamo bene che avendo l'espulsione non lo concederanno tranne se per miracolo non Ŕ statao segnalato al sistema sis.
Cosa dovremmo fare?

grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Ven Lug 31, 2009 10:03 am

ohizi ha scritto:
Ciao ragazzi qualcuno di voi mi conosce o meglio conosce il nostro caso.

Siamo una famiglia mista nel senso che tre fratelli ed tutti sposati e quasi tutti diventati cittadini Italiani.
Tranne nostra madre e nostro padre. ancora aspettano la naturalizzazione.

1) ora si da il caso che abbiamo un unico familiare (fratello) che si trova in albania espulso con art 13 lettera B quindi niente di grave.
Non lo avrebber˛ dovuto fare ma lo hanno fatto lo stesso...

Abbiamo chiesto all'ambasciata il visto di ingresso secondo il dgls30/2007 attuazione della direttiva Ce38/2004.

Ma puntualmente rifiuta il visto dato che secondo loro il ricongiungýmento fratelli sorelle( collaterali) non Ŕ applicabile.

POssono dare solo visti turistici,ma sappamo bene che avendo l'espulsione non lo concederanno tranne se per miracolo non Ŕ statao segnalato al sistema sis.
Cosa dovremmo fare?

grazie

Le informazioni relative al tuo caso le hai giÓ ottenute in un altro forum e gli esiti sono stati negativi. In questo forum non riceveresti informazioni diverse!!!

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA   Oggi a 12:21 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» VISTO RICONG. FAMILIARE CON CITTADINO UE-ITALIANO RESIDENTE IN ITALIA
» Moglie di cittadino italiano residente in UK
» visto turistico per familiare di cittadino UE
» Rifiuto visto ricongiungimento fam. con cittadino italiano
» Procedura richiesta visto ricong. familiare U.E. in ambasciata Manila

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: