Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 divorzio in thailandia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
giacomofkt



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 14.04.12

MessaggioOggetto: divorzio in thailandia   Sab Apr 14, 2012 9:04 pm

Salve, sono un cittadino italiano e nel mese di giugno 2009 ho contratto matrimonio in Thailandia con una cittadina thailandese.
Seguendo la rapida procedura prevista, ovvero dopo avere richiesto il nulla osta presso l'ambasciata italiana a Bangkok, ci siamo sposati presso gli uffici preposti seguendo poi la successiva procedura fino alla traduzione in ambasciata che Ŕ stata successivamente trasmessa presso il mio comune di residenza in Italia.
GiÓ il giorno in cui abbiamo contratto il matrimonio a Bangkok, mia moglie mi faceva notare come nello stesso ufficio (Bangrak, se ricordo bene) si espletassero anche le pratiche di divorzio.
Ebbene, sfortunatemente e dopo 3 anni mi trovo costretto ad accettare l'invito di mia moglie a mettere fine alla nostra relazione.
La mia domanda Ŕ la seguente:
Premesso che mia moglie Ŕ intenzionata a lasciare l'Italia molto presto, nell'arco di 2-3 settimane, per fare ritorno nella terra natia e che quindi, dopo essermi consultato con l'avvocato, pare non ci siano neanche i tempi per iniziare la pratica di separazione consensuale qui in Italia, lei mi esorta a seguirla al pi¨ presto in Thailandia per procedere con la pratica di divorzio, che a suo dire almeno tra cittadini thailandesi si svolge in un solo giorno!
Crede che io possa effettivamente percorrere, come piace a me dire, il percorso inverso a quello intrapreso a quel tempo per sposarci ma stavolta per chiedere con il divorzio?
Ho letto da qualche parte un p˛ di tempo fa che l'ambasciata italiana a Bangkok per accettare e potere trasmettere in Italia l'avvenuto divorzio in territorio thailandese tra i 2 coniugi necessita che il documento di divorzio rilasciato dal suddetto ufficio (comune di Bangkok) venga per˛ certificato o validato (che dir si voglia) da parte di un'altra autoritÓ competente thatilandese, ovvero giudice di un tribunale thailandese... ..le risulta?
Il processo consiste solo in questo? e se si, in che tempi si svolge l'intero processo?
Sarebbe per me di fondamentale importanza se il tutto potesse espletarsi in pochi giorni, all'incirca come lo fu per il matrimonio stesso, poichŔ io disporrei di non pi¨ di 2 settimane di tempo, per pressanti impegni di lavoro qui in Italia.
Ed inoltre, laddove mi possa confermare e pi¨ in dettaglio quanto le chiedo, crede che si possano anche instaurare complicazioni o contrattempi di altro genere?
Un ultima domanda, che si Ŕ posto il legale con cui ho parlato oggi dichiarandosi non competente per˛ in ambito internazionale, ovvero che teme che qualora noi si inizi la pratica di separazione consensuale qui in Italia e successivamente io mi rechi in Thailandia per procedere con la suddetta pratica di divorzio, questa seconda fase possa essere ostacolata e bloccata dal precedente processo iniziato giÓ in Italia e quindi trovarsi costretti a dovere attendere i 3 anni per il divorzio.
Nel ringraziarla anticipatamente le porgo i miei distinti saluti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Dom Apr 15, 2012 3:33 am

giacomofkt ha scritto:
Salve, sono un cittadino italiano e nel mese di giugno 2009 ho contratto matrimonio in Thailandia con una cittadina thailandese.
Seguendo la rapida procedura prevista, ovvero dopo avere richiesto il nulla osta presso l'ambasciata italiana a Bangkok, ci siamo sposati presso gli uffici preposti seguendo poi la successiva procedura fino alla traduzione in ambasciata che Ŕ stata successivamente trasmessa presso il mio comune di residenza in Italia.
GiÓ il giorno in cui abbiamo contratto il matrimonio a Bangkok, mia moglie mi faceva notare come nello stesso ufficio (Bangrak, se ricordo bene) si espletassero anche le pratiche di divorzio.
Ebbene, sfortunatemente e dopo 3 anni mi trovo costretto ad accettare l'invito di mia moglie a mettere fine alla nostra relazione.
La mia domanda Ŕ la seguente:
Premesso che mia moglie Ŕ intenzionata a lasciare l'Italia molto presto, nell'arco di 2-3 settimane, per fare ritorno nella terra natia e che quindi, dopo essermi consultato con l'avvocato, pare non ci siano neanche i tempi per iniziare la pratica di separazione consensuale qui in Italia, lei mi esorta a seguirla al pi¨ presto in Thailandia per procedere con la pratica di divorzio, che a suo dire almeno tra cittadini thailandesi si svolge in un solo giorno!
Crede che io possa effettivamente percorrere, come piace a me dire, il percorso inverso a quello intrapreso a quel tempo per sposarci ma stavolta per chiedere con il divorzio?
Ho letto da qualche parte un p˛ di tempo fa che l'ambasciata italiana a Bangkok per accettare e potere trasmettere in Italia l'avvenuto divorzio in territorio thailandese tra i 2 coniugi necessita che il documento di divorzio rilasciato dal suddetto ufficio (comune di Bangkok) venga per˛ certificato o validato (che dir si voglia) da parte di un'altra autoritÓ competente thatilandese, ovvero giudice di un tribunale thailandese... ..le risulta?
Il processo consiste solo in questo? e se si, in che tempi si svolge l'intero processo?
Sarebbe per me di fondamentale importanza se il tutto potesse espletarsi in pochi giorni, all'incirca come lo fu per il matrimonio stesso, poichŔ io disporrei di non pi¨ di 2 settimane di tempo, per pressanti impegni di lavoro qui in Italia.
Ed inoltre, laddove mi possa confermare e pi¨ in dettaglio quanto le chiedo, crede che si possano anche instaurare complicazioni o contrattempi di altro genere?
Un ultima domanda, che si Ŕ posto il legale con cui ho parlato oggi dichiarandosi non competente per˛ in ambito internazionale, ovvero che teme che qualora noi si inizi la pratica di separazione consensuale qui in Italia e successivamente io mi rechi in Thailandia per procedere con la suddetta pratica di divorzio, questa seconda fase possa essere ostacolata e bloccata dal precedente processo iniziato giÓ in Italia e quindi trovarsi costretti a dovere attendere i 3 anni per il divorzio.
Nel ringraziarla anticipatamente le porgo i miei distinti saluti.

Si pu˛ benissimo divorziare all'estero ed il divorzio Ŕ registrabile e valido in Italia (indipendentemente da una eventuale separazione in Italia) se rispetta le prescrizioni della legge 218 (non ricordo l'anno - fare una ricerca sul forum).

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
giacomofkt



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 14.04.12

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Sab Apr 21, 2012 6:58 pm

Grazie per l'informazione ed ho verificato giÓ le condizioni richieste secondo le prescrizioni della legge 218, e, tra l'altro proprio questa legge ci imporrebbe in buona sostanza la scelta tra procedere per la separazione consensuale qui in Italia o in Thailandia, poichŔ la coesistenza dei due distinti procedimenti in contemporanea non sarebbe consentita, dal momento che l'uno invaliderebbe l'altro.
In realtÓ io le avevo posto alcuni interrogativi in merito appunto alla tempistica con cui un tribunale thailandese decretasse poi il nostro richiesto ed avvenuto divorzio.
Un'altra domanda mi sorge per˛...
..le risulta che noi possiamo impostare la pratica di divorzio in Thailandia giÓ qui attraverso l'ambasciata Thailandese in Italia?

Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Dom Apr 22, 2012 2:11 am

giacomofkt ha scritto:
Grazie per l'informazione ed ho verificato giÓ le condizioni richieste secondo le prescrizioni della legge 218, e, tra l'altro proprio questa legge ci imporrebbe in buona sostanza la scelta tra procedere per la separazione consensuale qui in Italia o in Thailandia, poichŔ la coesistenza dei due distinti procedimenti in contemporanea non sarebbe consentita, dal momento che l'uno invaliderebbe l'altro.
In realtÓ io le avevo posto alcuni interrogativi in merito appunto alla tempistica con cui un tribunale thailandese decretasse poi il nostro richiesto ed avvenuto divorzio.
Un'altra domanda mi sorge per˛...
..le risulta che noi possiamo impostare la pratica di divorzio in Thailandia giÓ qui attraverso l'ambasciata Thailandese in Italia?

Grazie

La "cosa" va chiesta al consolato thailandese.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
EtÓ : 64
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Dom Mag 06, 2012 10:58 am

giacomofkt ha scritto:
Grazie per l'informazione ed ho verificato giÓ le condizioni richieste secondo le prescrizioni della legge 218, e, tra l'altro proprio questa legge ci imporrebbe in buona sostanza la scelta tra procedere per la separazione consensuale qui in Italia o in Thailandia, poichŔ la coesistenza dei due distinti procedimenti in contemporanea non sarebbe consentita, dal momento che l'uno invaliderebbe l'altro.
In realtÓ io le avevo posto alcuni interrogativi in merito appunto alla tempistica con cui un tribunale thailandese decretasse poi il nostro richiesto ed avvenuto divorzio.
Un'altra domanda mi sorge per˛...
..le risulta che noi possiamo impostare la pratica di divorzio in Thailandia giÓ qui attraverso l'ambasciata Thailandese in Italia?

Grazie
MI spiace correggerla, ma i lettori posono trarre delle conclusioni sbagliate dalla sua cattiva interpretazione della legge, che tra l'alltro ho specificato enne volte. Nell'art 64, si specifica solamente che non deve esistere una sentenza passata in giudicato o che sia in corso un procedimento per lo stesso ''oggetto''. LA separazione ha per oggetto solamente l'autorizzazione della legge a vivere separati e non dover pi˙ rispettare i doveri coniugali, ma non scioglie il vncolo matrimoniale. Il divorzio invece, sia in Italia che all'estero, ha per oggetto invece, proprio il definitivo scioglimento del vincolo matrimoniale.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
giacomofkt



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 14.04.12

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Sab Giu 23, 2012 5:55 pm

Sono io che invece la ringrazio per la correzione, a quanto pare la mia interpretazione era stata decisamente frettolosa, effettivamente come mi ha spiegato lei la faccenda Ŕ decisamente diversa!

saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Gio Set 13, 2012 5:04 pm

Buongiorno sono un cittadino italiano sposato in italia dal 2006 con cittadina italo/messicana, entrambi residenti in italia, mia moglie, che in seguito al matrimonio, ha acquisito la cittadinanza italiana, si e'trasferita da pochi mesi nel suo paese e ha chiesto il divorzio, non abbiamo figli e la procedura piu' rapida qui in Messico e' il divorzio amministrativo,in cui i due coniugi in 15 giorni circa,di fronte ad un giudice amministrativo, decidono di divorziare avendo gia' un accordo per quanto riguarda i beni coniugali da dividere,nel nostro caso ci sarebbero degli apprtamenti intestati a nome di mia moglie ma acquisiti con soldi ereditati dal sottoscritto dal nonno paterno, contattato il consolato italiano in Messico mi e' stato detto che questo tipo di divorzio non viene trattato dal consolato per la trasmissione in Italia ma che devo far "apostillare" tutti i documenti ,la sentenza ,tradurre il tutto e poi personalmente consegnarlo al comune italiano in cui si e' celebrato il matrimonio, pero' nell'ufficio dello stato civile del mio comune mi hanno detto che loro non accettano documenti direttamente ma dovro' comunque affidarmi ad un avvocato per far sottoscrivere da un tribunale italiano tutta la documentazione, e' corretta questa informazione?inoltre volevo spere se una volta registrato il divorzio in italia questo e' valido a tutti gli effetti anche per quanto riguarda la divisione dei beni cosi' come deciso dal giudice messicano,non vorrei poi trovarmi in problemi con futuri ripensamenti da parte di mia moglie che comunque ha il suo lavoro qui in Messico e non pretende nessun tipo di assegno per gli "alimenti",la sentenza messicana deve essre sentenza passata in "giudicato"? anticipatamente ringrazio
Tornare in alto Andare in basso
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3624
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Gio Set 13, 2012 11:38 pm

ospite ha scritto:
Buongiorno sono un cittadino italiano sposato in italia dal 2006 con cittadina italo/messicana, entrambi residenti in italia, mia moglie, che in seguito al matrimonio, ha acquisito la cittadinanza italiana, si e'trasferita da pochi mesi nel suo paese e ha chiesto il divorzio, non abbiamo figli e la procedura piu' rapida qui in Messico e' il divorzio amministrativo,in cui i due coniugi in 15 giorni circa,di fronte ad un giudice amministrativo, decidono di divorziare avendo gia' un accordo per quanto riguarda i beni coniugali da dividere,nel nostro caso ci sarebbero degli apprtamenti intestati a nome di mia moglie ma acquisiti con soldi ereditati dal sottoscritto dal nonno paterno, contattato il consolato italiano in Messico mi e' stato detto che questo tipo di divorzio non viene trattato dal consolato per la trasmissione in Italia ma che devo far "apostillare" tutti i documenti ,la sentenza ,tradurre il tutto e poi personalmente consegnarlo al comune italiano in cui si e' celebrato il matrimonio, pero' nell'ufficio dello stato civile del mio comune mi hanno detto che loro non accettano documenti direttamente ma dovro' comunque affidarmi ad un avvocato per far sottoscrivere da un tribunale italiano tutta la documentazione, e' corretta questa informazione?inoltre volevo spere se una volta registrato il divorzio in italia questo e' valido a tutti gli effetti anche per quanto riguarda la divisione dei beni cosi' come deciso dal giudice messicano,non vorrei poi trovarmi in problemi con futuri ripensamenti da parte di mia moglie che comunque ha il suo lavoro qui in Messico e non pretende nessun tipo di assegno per gli "alimenti",la sentenza messicana deve essre sentenza passata in "giudicato"? anticipatamente ringrazio

Se il divorzio messicano rispetta la legge 218/95 italiana,puˇ essere trascritto.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: divorzio in thailandia   Oggi a 11:49 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
divorzio in thailandia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» divorzio in thailandia
» DIVORZIO VAPORE X RESIDENTI IN ITALIA - DEROGABILIT┴ GIUDICE ITALIANO
» divorzio in Per¨
» REGISTRO DI DIVORZIO
» Thailandia: Visto

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: MATRIMONIO ALL'ESTERO-
Andare verso: