Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
paolo30



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.01.09

MessaggioOggetto: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Dom Gen 18, 2009 6:20 pm

In
data 14/09/2007 e' stato trascritto l'atto di nascita di una colombiana
divenuta italiana applicando la prevista correzione art. 98
attribuendogli il Cognome paterno ACUNA GALESO Viviana Vanessa
togliendogli il cognome materno PENA

Ora la sottoscritta si e' accorta invece di avere sul passaporto e
carta d'identita' ACUNA PENA ora lei fa storie perche'non vuole rifare
tali documenti che cosa puo' fare puo' tornare al vecchio cognome con
la domanda alla prefettura? oppure le conviene cambiare i documenti
passaporto carta d'identita ' e codice fiscale . ORA SECONDO LA LEGGE
ITALIANA APPLICANDO A SUO TEMPO L'ARTICOLO 98 e lei ora e' cittadina
italiana con la denominazione ACUNA GALESO Viviana



Successivamente in data 27 settembre del 2007 vi e' stato l'invio
dell'atto di nascita della figlia presso ufficio di cittadinanza in cui
nel suddetto certificato di cittadinanza alla figlia allegato all'atto
di nascita viene identificata come ACUNA FRANCESCA EMILSEN mentre
nell'atto vero e propio viene indentificata ACUNA PENA FRANCESCA
EMILSEN e la madre viene identificata con il nome ACUNA PENA VIVIANA
VANESSA VI CHIEDO QUINDI DI INDICARCI LE ESATTE GENERALITA' DELLA MADRE
DA APPLICARE IN SEDE DI TRASCRIZIONE DELL'ATTO E SE C'E' DA EFFETTUARE
ANCHE L'ARTICOLO 98 ATTRIBUENDOGLI IL COGNOME ACUNA GALESO Franncesca
Emilsen essendo la madre divenuta italiana




VI CHIEDO UNA RISPOSTA URGENTE AI MIEI DUBBI
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Lun Gen 19, 2009 12:23 am

La situazione non e' agevole, oggi.
In una situazione "normale", una persona che abbia la cittadinanza italiana ha il cognome che le è "attribuito per legge" (art. 6, comma 1 C.C.) dalla legge italiana, indipendentemente dal fatto che abbia, o conservi, anche altra cittadinanza, in considerazione del principio di prevalenza, principio di ordine internazionalistico (e, sostanzialmente, a carattere pressoche' universale): infatti, rispetto all'ordinamento giuridico che determina la cittadinanza, non può che farsi riferimento se non a questo stesso ordinamento giuridico, poiché se avvenisse altrimenti si avrebbe una sorta di rinuncia alla sovranità dello Stato-ordinamento giuridico che la determina.
Un approccio diferso, comportando questa "rinuncia" alla sovranità dello Stato, sarebbe (od, è) in violazione all'art. 10, comma 1 Cost., in quanto il principio di sovranità è proprio il primo, se non quello fondante, dei principi di diritto internazionale generalmente riconosciuti (il diritto internazionale ha come proprio fondamento il riconoscimento, reciproco, degli Stati come soggetti di diritto internazionale).
In questo senso, l'art. 98, comma 2 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 ha semplicemente previsto uno "strumento" (amministrativo), cioè l'istituto della "correzione", differenziando la situazione rispetto alla normativa antecedente solo per il fatto che - prima - andava fatto ricorso all'istituto della "rettificazione", alla luce degli allora vigenti artt. 169 e 170 R. D. 9 luglio 1939, n. 1238 (con l'osservazione per il cui principio enunciato all'art. 98, comma 2 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 operava anche se non formalmente enunciato in norma scritta (c.d. norma positiva), per le motivazioni sopra indicate).
Tra l'altro, nel sistema di cognomizzazione proprio dell'Italia (ma anche di altri Paesi, anche se non tutti, sussistendo legislazioni che affrontano il tema in modo differente), il cognome costituisce un diritto oggetto di tutela, ma - sostanzialmente - sottratto ad ogni disponibilità di parte (cioè, esso è stabiolito/attribuito "per" (= dalla) legge).
Da qualche tempo, sulla questione, il Ministero dell'interno ha emanato istruzioni amministrative (circolari e note) che non tengono conto di tali principi di diritto, sia di ordine internazionalistico, sia di principi generali dell'ordinamento giuridico "interno", ma che vanno in tutt'altra direzione. Da ultimo, va citata la nota n. 5226, prot. F/397 del 15 maggio 2008, con cui si affermerebbe un indirizzo che è in contrasto sia con l'art. 6 C.C., sia con contro, inclusa la palese violazione del già citato art. 10, comma 1 Cost., ammettendo una qualche disponibilità di parte in materia di cognome, ma limitata ai casi di persone cui sia stato attribuito, all'estero, un cognome diverso da quello spettante (attribnuito per legge) secondo la legge italiana.
Per la legge spetta, o spetterebbe, unicamente il cognome paterno (anzi, il cognome paterno di famiglia (che si potrebbe, con qualche grossolanità, definire come "paterno-paterno"), considerando che in taluni Paesi si utilizza, non tanto un cognome (singolare), bensì l'indicazione di piu' cognomi (plurali), cioè quello del padre e quello della madre (a volte indicati in un ordine diverso a seconda delle tradizioni, cioè in alcuni Paesi il cognome del padre è posto per primo, in altri è posto per primo quello della madre), cognomi dei quali solo uno (quello paterno o, secondo l'espressione grossolana precedente, quello "paterno-paterno") costituisce il "cognome di famiglia", quello che si trasmette nelle generazioni e identifica l'appartenza ad una data famiglia.
Con la nota sopra citata del 15 maggio 2008, il Ministero dell'interno ritiene che non possa modificarsi il cognome attribuito, all'estero, al cittadino italiano, anche se la parte interessata possa formulare una richiesta in questo senso (con ciò, in osstanza, apportando una sorta di "abrogazione" dell'art. 98, comma 2 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (e una circolare non ha titolo "abrogativo" di norme) o, almeno, una "de-vitalizzazione" del principio ivi enunciato (che, oltretutto, opererebbe anche se non fosse stato enunciato in norma scritta), ma anche incidendo nettamente sull'art. 6 C.C.
Ne consegue che la questione non trova agevole soluzione, salvo non assumere, in modo nettamente a-critico (e al di fuori di ogni considerazione di diritto, interno ed internazionale), l'orientanmento di tale nota ministeriale.
Ci si limita ad osservare come, nel caso in cui la persona interessata sia minorenne, la richiesta di "indicazione" in materia di cognome, dovrebbe essere fatta, congiuntamente, da entrambi i genitori (artt. 155 e 316 C.C.).
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
paolo30



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.01.09

MessaggioOggetto: Re: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Mar Gen 20, 2009 10:11 am

purtroppo la trascrizione dell'atto di nascita della madre eì avvenuta nel sett, 2007 e la figlia e' stata riconosciuta solo dalla madre ora che devo trascrivere l'attono di nascita quale cognome devo applicare quello italiano o quello colombiano ? devo fare l'articolo 98?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Ven Gen 23, 2009 11:35 am

Occorre, come sempre, fare un passo alla volta.
In sede di trascrizione, questa fa affettuata sempre e comunque fedelmente, anche dovendo essa avvanire per sunto riportando i dati e le notizie previsti dall'art. 11 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 e gli elementi "sostanziali" dell'atto.
L'aspetto del cognome si colloca come conseguenza, effetto della trascrizione.
Nel passato, cioè fino all'emanazione della circolare (o, nota?) del Ministero dell'interno F397 prot. n. 5226 del 15 maggio 2008 era fuori discussione come, a trascrizione effettuata, trovasse applicazione l'art. 98, comma 2 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (e, conseguentemente, spettasse il solo cognome paterno, il cognome di famiglia, quello trasmissibile nelle generazioni).
Dopo tale nota (o, circolare?), pur ritenendo questa un qualche cosa di abnorme (ma i giudizi personali sono, e restano, tali e, comunque, non valgono proprio alcunché), non rimane che fare rinvio ad essa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
paolo30



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.01.09

MessaggioOggetto: Re: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Sab Gen 24, 2009 5:53 pm

Quindi la bambina assumera' il cognome acuna galeso previsto con l'articolo 98 in sede di trascrizione odierna (il cognome della madre e' cosi' composto acuna galeso (paterno ) Pena materno quindi anche sull'atto della figlia si dovra' applicare l'articolo 98 in base all'atto della madre gia trascritto?
in questo caso il nome sara' acuna galeso francesca vero?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO   Oggi a 12:30 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» PROBLEMATICHE SU COGNOME COLOMBIANO
» dubbi su matrimonio tra italiana e colombiano senza permesso
» IL MIO NOME E COGNOME !!
» Cambio Cognome in USA
» Cittadinanza matrimonio - integrazione documentale per origine cognome

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: TRASCRIZIONE DI NASCITA-
Andare verso: