Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Puˇ chiederla comunque?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Puˇ chiederla comunque?   Mar Gen 20, 2009 10:30 am

Dott.Scolaro,mi scusi:un cittadino extra-UE coniugato con cittadina italiana sono circa 6 mesi che aspetta che gli venga concessa la residenza...il comune dice che Ú ancora in fase di accertamento(la polizia municipale ha giß riscontrato la presenza nella dimora abituale).Puˇ questo cittadino fare comunque istanza di cittadinanza,solamente in possesso dell'attestato di iscrizione anagrafica?
╔ possibile una diffida ad adempiere verso l'USC o una richiesta di accesso agli atti visto il ritardo nella concessione della residenza?
Grazie in anticipo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Puˇ chiederla comunque?   Ven Gen 23, 2009 11:46 am

Va ricordato come, in ogni caso, la decorrenza dell'iscrizione anagrafica sia quella del giorno in cui e' stata richiesta, anche se il c.d. perfezionamento del procedimento avvenga ben successivamente (art. 18, comma 2 d.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 e succ. modif.).
Nel merito, si osserva come i termini del procedimento siano di 90 giorni, interrompibili per gli accertamenti (e per questi la legge non stabilisce un termine); in altre parole, i termini che vanno dalla trasmissione, da parte dell'Ufficio di Anagrafe, al Comando di Polizia Locale (o, Municipale) della richiesta di accertamento fino al momento in cui l'accertamento sia reso all'Ufficio di anagrafe richiedente, non si computano. (Art. 2, commi 3 e 4 L. 7 agosto 1990, n. 241, con semplificazioni, nel senso che non si fa cenno a situazioni inapplicabili alla fattispecie).

Per la domanda di cittadinanza, se solo si fa riferimento al modulo ufficiale con qui il conferimento di questa va richiesto (modulistica reperibile al sito del Ministero dell'interno [Cittadinanza], si noterÓ come non sia richiesta la presentazione di una certificazione di residenza quanto piuttosto tale dato sia oggetto di dichiarazione sostitutiva di certificatione (c.d. auto-certificazione), ai sensi dell'art. 46 d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (la quale, come ogni altra dichiarazione sostitutiva di certificazione, potrÓ essere oggetto di accertamenti nel corso dell'istruttoria).
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Puˇ chiederla comunque?   Sab Gen 24, 2009 12:38 pm

Sereno.SCOLARO ha scritto:
Va ricordato come, in ogni caso, la decorrenza dell'iscrizione anagrafica sia quella del giorno in cui e' stata richiesta, anche se il c.d. perfezionamento del procedimento avvenga ben successivamente (art. 18, comma 2 d.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 e succ. modif.).
Nel merito, si osserva come i termini del procedimento siano di 90 giorni, interrompibili per gli accertamenti (e per questi la legge non stabilisce un termine); in altre parole, i termini che vanno dalla trasmissione, da parte dell'Ufficio di Anagrafe, al Comando di Polizia Locale (o, Municipale) della richiesta di accertamento fino al momento in cui l'accertamento sia reso all'Ufficio di anagrafe richiedente, non si computano. (Art. 2, commi 3 e 4 L. 7 agosto 1990, n. 241, con semplificazioni, nel senso che non si fa cenno a situazioni inapplicabili alla fattispecie).

Per la domanda di cittadinanza, se solo si fa riferimento al modulo ufficiale con qui il conferimento di questa va richiesto (modulistica reperibile al sito del Ministero dell'interno [Cittadinanza], si noterÓ come non sia richiesta la presentazione di una certificazione di residenza quanto piuttosto tale dato sia oggetto di dichiarazione sostitutiva di certificatione (c.d. auto-certificazione), ai sensi dell'art. 46 d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (la quale, come ogni altra dichiarazione sostitutiva di certificazione, potrÓ essere oggetto di accertamenti nel corso dell'istruttoria).

Mi permetto di fare due considerazioni.

La prima riguarda il non computo del periodo degli accertamenti della polizia municipale. Non credo affatto che questo periodo non vada per nulla computato. Trattasi di sottoprocedimento di un procedimento amministrativo e, se non ricordo male, i termini sono di 30 giorni per la sua esecuzione. Io al 120░ giorno inoltrerei una diffida ad adempiere con richiesta di accesso agli atti.

Per quanto attiene alla dichiarazione sostitutiva di certificazione riguardante la residenza, effettuata nel corso della procedura di cui sopra e tenendo conto che la decorrenza relativa Ŕ dalla domanda, sarei del parere che sia possibile farla, specialmente quando vi sia una certa urgenza di ottenere la cittadinanza italiana. Pur tuttavia essa presenta ovvi margini di rischio, nel senso che, se per un malaugurato motivo la residenza non dovesse essere poi concessa, colui che chiede la cittadinanza si troverebbe in un bel guaio burocratico, avendo affermato un qualcosa di non vero.

Un saluto a tutti,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Puˇ chiederla comunque?   Sab Gen 24, 2009 1:19 pm

Sulla questione dei termini, mi limito a riportare l'art. 2, commi 3 e 4 L. 7 agosto 1990, n. 241, nel testo vigente.
"""3. Qualora non si provveda ai sensi del comma 2, il termine Ŕ di novanta giorni.

4. Nei casi in cui leggi o regolamenti prevedono per l'adozione di un provvedimento l'acquisizione di valutazioni tecniche di organi o enti appositi, i termini di cui ai commi 2 e 3 sono sospesi fino all'acquisizione delle valutazioni tecniche per un periodo massimo comunque non superiore a novanta giorni. I termini di cui ai commi 2 e 3 possono essere altresý sospesi, per una sola volta, per l'acquisizione di informazioni o certificazioni relative a fatti, stati o qualitÓ non attestati in documenti giÓ in possesso dell'amministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni. Si applicano le disposizioni dell'articolo 14, comma 2.
"""

Gli accertamenti rientrano nella seconda fattispecie considerata dal comma 4, cioŔ con riferimento a: " .... per l'acquisizione di informazioni o certificazioni relative a fatti, stati o qualitÓ non attestati in documenti giÓ in possesso dell'amministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni. "
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Puˇ chiederla comunque?   Oggi a 4:36 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Puˇ chiederla comunque?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: LEGGI E NORMATIVE COMMENTATE E DISCUSSE :: CITTADINANZA-
Andare verso: