Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Gringo



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 04.09.13

MessaggioOggetto: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Gio Set 05, 2013 7:40 am

Buongiorno dr.Baccoli,sono iscritto al forum solamente da ieri per cui oggi mi sono accorto di una sezione interamente dedicata alla Repubblica Dominicana.Premetto di aver gia' postato ieri nella sezione "Passaporti"del forum il mio caso(con il titolo:"Passaporto a "senso Unico?") e alcune domande.Non vorrei,involontariamente,aver contravvenuto al regolamento del forum.Nel caso me ne scuso anticipatamente,non era mia intenzione.Riporto quindi,più giù, il post di ieri in questa sezione che potrebbe essere più appropriata.Ringrazio sin da adesso i moderatori e eventuali utenti esperti per la loro attenzione e lo sforzo posto nelle risposte.

"Buonasera a tutti,
vorrei brevemente esporre il mio caso:Sono cittadino italiano,iscritto A.I.R.E e regolarmente residente in Repubblica Dominicana.Sono inoltre in possesso di un passaporto in corso di validità(scad.2017) rilasciato dalle competenti(?) autorità consolari in Santo Domingo.Il mese di luglio sono rientrato in italia per una breve vacanza.Ebbene a tutt'oggi mi trovo ancora bloccato in italia al punto di partenza, poichè durante il viaggio di ritorno verso la Rep.Dom.(partenza 03/09/2013) in uno scalo intermedio con cambio di aereomobile in Germania,la compagnia aerea (Condor)si è rifiutato di imbarcarmi,in quanto alla pag 5 del mio passaporto(Rilasciato dall'ambasciata D'Italia in Santo Domingo)c'è la seguente dicitura "Il presente passaporto è valido per tutti i Paesi membri dell'unione Europea".Ragion per cui mi hanno rifiutato l'imbarco ,visto che la Rep.Dom. è un paese extraeuropeo.
Sottolineo che all'epoca all'ambasciata ho richiesto e pagato i costi di un passaporto digitale ordinario(come facilmente si evince dallo stesso) e non c'era nessun motivo di ordine penale e/o logico per una attribuzione della limitazione territoriale.Le domande che vorrei porre sono:a)come si puo'validare il mio passaporto per i paesi extraeuropei e quale autorità deve farlo? per poter finalmente ritornare a casa(in R.D.). b)Se ci sono gli estremi per una "procedura d'urgenza" e eventualmente per una azione legale tesa ad ottenere un risarcimento del danno e a chi la devo indirizzare? Ringrazio vivamente per ogni risposta utile. "

Per completezza di esposizione(il caso potrebbe interessare anche altri lettori in condizioni simili alle mie)vorrei riferire che stamattina sono stato all' Ufficio passaporti della Questura dell'ultimo comune di residenza in Italia per informazioni circa il mio passaporto "problematico".All'inizio mi hanno detto che era un errore dell'ambasciata Italiana in santo Domingo che aveva rilasciato il passaporto ed erano loro che dovevano provvedere alla correzione.Quando gli ho fatto notare che è proprio là che vorrei andare ,ma purtroppo non mi lasciano viaggiare,allora i funzionari hanno iniziato a passarsi il documento di mano in mano scuotendo la testa e non riuscendo a spiegarsi il motivo di questo strano passaporto a "senso unico",valido cioè dalla Rep.Dom. per venire in italia e non per ritornare in Rep.Dom. Ad ogni modo dopo varie telefonate,gruppetti di consultazioni e quant'altro mi hanno proposto di richiedere un nuovo passaporto.A questo punto però si aprivano un'altra serie di procedure(oltre alla normale documentazione ,marche e versamenti richiesti per il passaporto digitale ordinario) : 1) io ero un iscritto all'Aire e residente in R.D. e dovevo pertanto eleggere un domicilio in italia. 2) si doveva richiedere l'annullamento del mio passaporto(tra l'altro ancora in corso di validità) e il nulla osta all'ambasciata italiana in R.D.Intanto mi sono attivato subito per produrre la documentazione di mia competenza. Il problema a questo punto,mi è sembrato di capire,non è tanto la complicazione delle procedure, quanto i tempi di attesa che mi sono stati indicati di circa 2 mesi .Adesso quello che mi piacerebbe sapere è se ,tutto il processo fin qui da me descritto , è quello corretto, e se si può per legge richiedere l'attivazione di qualche "procedura d'urgenza". Ringrazio di nuovo per la pazienza e resto in attesa di una eventuale risposta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3629
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Gio Set 05, 2013 8:26 am

Gringo ha scritto:
Buongiorno dr.Baccoli,sono iscritto al forum solamente da ieri per cui oggi mi sono accorto di una sezione interamente dedicata alla Repubblica Dominicana.Premetto di aver gia' postato ieri nella sezione "Passaporti"del forum il mio caso(con il titolo:"Passaporto a "senso Unico?")  e alcune domande.Non vorrei,involontariamente,aver contravvenuto  al regolamento del forum.Nel caso me ne scuso anticipatamente,non era mia intenzione.Riporto quindi,più giù, il post di ieri in questa sezione che potrebbe essere più appropriata.Ringrazio sin da adesso i moderatori e eventuali utenti esperti per la loro attenzione e lo sforzo posto nelle risposte.

"Buonasera a tutti,
vorrei brevemente esporre il mio caso:Sono cittadino italiano,iscritto A.I.R.E e regolarmente residente in Repubblica Dominicana.Sono inoltre in possesso di un passaporto in corso di validità(scad.2017) rilasciato dalle competenti(?) autorità consolari in Santo Domingo.Il mese di luglio sono rientrato in italia per una breve vacanza.Ebbene a tutt'oggi mi trovo ancora bloccato in italia al punto di partenza, poichè durante il viaggio di ritorno verso la Rep.Dom.(partenza 03/09/2013) in uno scalo intermedio con cambio di aereomobile in Germania,la compagnia aerea (Condor)si è rifiutato di imbarcarmi,in quanto alla pag 5 del mio passaporto(Rilasciato dall'ambasciata D'Italia in Santo Domingo)c'è la seguente dicitura "Il presente passaporto è valido per tutti i Paesi membri dell'unione Europea".Ragion per cui mi hanno rifiutato l'imbarco ,visto che la Rep.Dom. è un paese extraeuropeo.
Sottolineo che all'epoca all'ambasciata ho richiesto e pagato i costi di un passaporto digitale ordinario(come facilmente si evince dallo stesso) e non c'era nessun motivo di ordine penale e/o logico per una attribuzione della limitazione territoriale.Le domande che vorrei porre sono:a)come si puo'validare il mio passaporto per i paesi extraeuropei e quale autorità deve farlo? per poter finalmente ritornare a casa(in R.D.). b)Se ci sono gli estremi per una "procedura d'urgenza" e eventualmente per una azione legale tesa ad ottenere un risarcimento del danno e a chi la devo indirizzare? Ringrazio vivamente per ogni risposta utile. "

Per completezza di esposizione(il caso potrebbe interessare anche altri lettori in condizioni simili alle mie)vorrei riferire che stamattina sono stato all' Ufficio passaporti della Questura dell'ultimo comune di residenza in Italia per informazioni circa il mio passaporto "problematico".All'inizio mi hanno detto che era un errore dell'ambasciata Italiana in santo Domingo che aveva rilasciato il passaporto ed erano loro che dovevano provvedere alla correzione.Quando gli ho fatto notare che è proprio là che vorrei andare ,ma purtroppo non mi lasciano viaggiare,allora i funzionari hanno iniziato a passarsi il documento di mano in mano scuotendo la testa e non riuscendo a spiegarsi il motivo di questo strano passaporto a "senso unico",valido cioè dalla Rep.Dom. per venire in italia e non per ritornare in Rep.Dom. Ad ogni modo dopo varie telefonate,gruppetti di consultazioni e quant'altro mi hanno proposto di richiedere un nuovo passaporto.A questo punto però si aprivano un'altra serie di procedure(oltre alla normale documentazione ,marche e versamenti richiesti per il passaporto digitale ordinario) : 1) io ero un iscritto all'Aire e residente in R.D. e dovevo pertanto eleggere un domicilio in italia. 2) si doveva richiedere l'annullamento del mio passaporto(tra l'altro ancora in corso di validità) e il nulla osta all'ambasciata italiana in R.D.Intanto mi sono attivato subito per produrre la documentazione di mia competenza. Il problema a questo punto,mi è sembrato di capire,non è tanto la complicazione delle procedure, quanto i tempi di attesa che mi sono stati indicati di circa 2 mesi .Adesso quello che mi piacerebbe sapere è se ,tutto il processo fin qui da me descritto , è quello corretto, e se si può per legge richiedere l'attivazione di qualche "procedura d'urgenza". Ringrazio di nuovo per la pazienza e resto in attesa di una eventuale risposta.
Problema complesso...aspettando Guido Baccoli,mi viene da pensare una cosa :ma quellla dicitura non l'appongono solo a chi non paga l'imposta di bollo di 40 euro e rotti... ? ma da quello che si evince lei ha pagato tutto il dovuto...bah...
Saluti


Ultima modifica di bostik il Gio Set 05, 2013 1:29 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Gringo



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 04.09.13

MessaggioOggetto: Re: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Gio Set 05, 2013 8:55 am

Intanto caro(se posso permettermi) bostik la ringrazio per il suo celere segno di riscontro......già mi sento meno solo!
Anche se .......dalla sua breve risposta (e vorrei tanto sbagliarmi) mi è sembrato di presagire che si stanno per aprire futuri scenari piu' complessi...........Intanto.......aspettiamo Guido Baccoli. Grazie di nuovo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Ven Set 06, 2013 1:29 pm

Gringo ha scritto:
Buongiorno dr.Baccoli,sono iscritto al forum solamente da ieri per cui oggi mi sono accorto di una sezione interamente dedicata alla Repubblica Dominicana.Premetto di aver gia' postato ieri nella sezione "Passaporti"del forum il mio caso(con il titolo:"Passaporto a "senso Unico?")  e alcune domande.Non vorrei,involontariamente,aver contravvenuto  al regolamento del forum.Nel caso me ne scuso anticipatamente,non era mia intenzione.Riporto quindi,più giù, il post di ieri in questa sezione che potrebbe essere più appropriata.Ringrazio sin da adesso i moderatori e eventuali utenti esperti per la loro attenzione e lo sforzo posto nelle risposte.

"Buonasera a tutti,
vorrei brevemente esporre il mio caso:Sono cittadino italiano,iscritto A.I.R.E e regolarmente residente in Repubblica Dominicana.Sono inoltre in possesso di un passaporto in corso di validità(scad.2017) rilasciato dalle competenti(?) autorità consolari in Santo Domingo.Il mese di luglio sono rientrato in italia per una breve vacanza.Ebbene a tutt'oggi mi trovo ancora bloccato in italia al punto di partenza, poichè durante il viaggio di ritorno verso la Rep.Dom.(partenza 03/09/2013) in uno scalo intermedio con cambio di aereomobile in Germania,la compagnia aerea (Condor)si è rifiutato di imbarcarmi,in quanto alla pag 5 del mio passaporto(Rilasciato dall'ambasciata D'Italia in Santo Domingo)c'è la seguente dicitura "Il presente passaporto è valido per tutti i Paesi membri dell'unione Europea".Ragion per cui mi hanno rifiutato l'imbarco ,visto che la Rep.Dom. è un paese extraeuropeo.
Sottolineo che all'epoca all'ambasciata ho richiesto e pagato i costi di un passaporto digitale ordinario(come facilmente si evince dallo stesso) e non c'era nessun motivo di ordine penale e/o logico per una attribuzione della limitazione territoriale.Le domande che vorrei porre sono:a)come si puo'validare il mio passaporto per i paesi extraeuropei e quale autorità deve farlo? per poter finalmente ritornare a casa(in R.D.). b)Se ci sono gli estremi per una "procedura d'urgenza" e eventualmente per una azione legale tesa ad ottenere un risarcimento del danno e a chi la devo indirizzare? Ringrazio vivamente per ogni risposta utile. "

Per completezza di esposizione(il caso potrebbe interessare anche altri lettori in condizioni simili alle mie)vorrei riferire che stamattina sono stato all' Ufficio passaporti della Questura dell'ultimo comune di residenza in Italia per informazioni circa il mio passaporto "problematico".All'inizio mi hanno detto che era un errore dell'ambasciata Italiana in santo Domingo che aveva rilasciato il passaporto ed erano loro che dovevano provvedere alla correzione.Quando gli ho fatto notare che è proprio là che vorrei andare ,ma purtroppo non mi lasciano viaggiare,allora i funzionari hanno iniziato a passarsi il documento di mano in mano scuotendo la testa e non riuscendo a spiegarsi il motivo di questo strano passaporto a "senso unico",valido cioè dalla Rep.Dom. per venire in italia e non per ritornare in Rep.Dom. Ad ogni modo dopo varie telefonate,gruppetti di consultazioni e quant'altro mi hanno proposto di richiedere un nuovo passaporto.A questo punto però si aprivano un'altra serie di procedure(oltre alla normale documentazione ,marche e versamenti richiesti per il passaporto digitale ordinario) : 1) io ero un iscritto all'Aire e residente in R.D. e dovevo pertanto eleggere un domicilio in italia. 2) si doveva richiedere l'annullamento del mio passaporto(tra l'altro ancora in corso di validità) e il nulla osta all'ambasciata italiana in R.D.Intanto mi sono attivato subito per produrre la documentazione di mia competenza. Il problema a questo punto,mi è sembrato di capire,non è tanto la complicazione delle procedure, quanto i tempi di attesa che mi sono stati indicati di circa 2 mesi .Adesso quello che mi piacerebbe sapere è se ,tutto il processo fin qui da me descritto , è quello corretto, e se si può per legge richiedere l'attivazione di qualche "procedura d'urgenza". Ringrazio di nuovo per la pazienza e resto in attesa di una eventuale risposta.
Il problema esiste solo per disinformazione della Questura e comunque con probabilitá per errore dell'Ambasciata ita in RD. Non é neccessario annulare il passaporto, basta annullare la limitazione con una marca da bollo nuova, procedimento che ben dovrebbe conoscrere la Questura, ma siamo alle solite.

Ho perduto la lunga e ben precisata risposta per un mio errore nel chiudere la pagina, in ogni caso riassumo per darle le armi che necessita per finire con il suo problema. La legge sul passaporto é la N. 1185/67 e s.m. (abbreviazione di successive modificazioni) la quale all'art. 6specifica:
DISPOSIZIONI GENERALI
Le domande relative ai passaporti vengono presentate:
a) in Italia: nel luogo dove il richiedente ha residenza, domicilio o dimora, alla questura o all'ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza, ovvero, in mancanza di questi, al comando locale dei carabinieri o al comune, o anche, in casi eccezionali, agli ispettorati di frontiera per gli italiani all'estero;
b) all'estero: alle rappresentanze diplomatiche e consolari
Di ogni domanda viene rilasciata ricevuta.

quindi basta eleggere domicilio provvisorio per ottenere in 48 ore (la Questura sa bene che puó comunicarsi per telefono o per PEC alla PEC dell'Ambasciata) e chiarire l'errore/svista in non piú di 48 ore, restituiendo il passaporto con l'annullamento della dicitura limitativa prevista dalla legge e l'apposizione della giusta dicitura ed il pagamento di una nuova marca da bollo o contrassegno previsto dalla legge

In quanto al tempi di rilascio, la stessa suddetta legge del 1967 e s.m. all'art 8 prevede:
La domanda di passaporto presentata ad un ufficio ammesso a riceverla ma non competente al rilascio è trasmessa, insieme ad eventuali accertamenti istruttori, all'ufficio competente non oltre cinque giorni dalla presentazione.
L'ufficio competente, entro quindici giorni dal ricevimento della domanda, corredata dalla prescritta documentazione, rilascia il passaporto, richiede, ove necessario, il completamento della istruttoria, o rigetta l'istanza, indicando le cause che ostano al rilascio.
Ove si renda necessario il completamento dell'istruttoria, il termine di cui sopra, previa comunicazione all'interessato, è prorogato di altri quindici giorni. Il passaporto è consegnato al richiedente tramite l'ufficio cui la domanda è stata presentata o anche direttamente dall'ufficio competente per il rilascio.
Per cui i mesi di cui parlano sono fuori normativa.

Nel suo caso non dovrebbero valere nemmeno il limite di 15 gg, essendo un errore della Pubblica Amministrazione (sempre che lei si in possesso della marca da bolo nel passaportoo del contrassegno sostitutivo) Le consiglio di scrivere con valore legale al MAE (che risponde in Giustizia eventualmente anche dei danni, degli errori o mancanze di qualsiasi Consolato o Ufficio Consolare p.sso Ambasciata in tutto il mondo), All'Ambasciatore ed all'Ufficio Consolare dell'Ambasciata ita in Rep Dominicana. al fine che provvedano a rimediare immediatamente all'errore commesso a meno che lei non abbia pagato il bollo (spero abbia conservato ricevuta di richiesta passaporto) e lo puó benissimo e lo ripeto, controllare lei stesso nel suo passaporto, se esiste il bollo o il sostitutivo contrassegno che indica il valore dell'imposta pagata dimostrando che la limitazione é un errore.

Seppure é comprensibile un errore umano, come dice il proverbio e la legge: ''chi sbaglia paga''. Le auguro di risolvere al piú presto.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Gringo



Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 04.09.13

MessaggioOggetto: Re: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Ven Set 06, 2013 5:53 pm

Gentile Dr.Baccoli,innanzitutto la ringrazio per la sua rapida e articolata risposta.
Mi è stato utile il richiamo alla legge sul passaporto(la N.1185/67 e s.m.)per capire meglio le inadempienze della P.A.
Volevo precisare che prima di produrre i documenti per la richiesta del rilascio di un nuovo passaporto,cosa questa "impostami" dai funzionari dell'Ufficio Passaporti dalla questura,(poichè a loro dire,dopo che gli stessi funzionari avevano ascoltato anche qualche loro dirigenti,era la unica soluzione al mio problema),quello che io avevo chiesto era esattamente quello da lei suggerito.
Cioè annullare la limitazione territoriale con l'acquisto di una nuova marca o contrassegno telematico e probabilmente l'aggiunta di qualche timbro.
Ma come lei ben sa l'ufficio "Complicazioni pratiche semplici" non riposa mai è sempre aperto,anche nei giorni festivi!
Pertanto mi hanno risposto che questo tipo di soluzione(troppo facile)non era praticabile per due motivi: 1)Eventualmente fosse stata possibile una soluzione del genere la doveva applicare l'ufficio che mi aveva rilasciato il passaporto(in questo caso l'ambasciata Italiana in R.D.),poichè loro(ufficio passaporti del luogo di domicilio provvisorio in italia)non rilasciano passaporti con tale limitazione territoriale.
2) Il passaporto con la limitazione territoriale non ha costi se non quello del versamento per il rilascio del libretto,mentre il mio alla pagina 5 (al lato sx del timbro del Commissario Amm.tivo Consolare)dice chiaramente "Tassa pagata per anni uno" e alla pag.9 c'è incollato un ulteriore rettangolino bianco che sembra una ricevuta di pagamento completa con le mie generalità,quelle dell'ente emisore(Amb.d'Italia) e l'importo pagato ,con sopra stampigliato il timbro dell'Ambasciata D'Italia(credo sia il contrassegno sostitutivo della marca)e quindi non rientrava nella tipologia dei passaporti soggetti a limitazione territoriale.
Ormai avvolto in una autentica atmosfera kafkiana ho chiesto quale fosse,per favore,secondo loro,la soluzione al problema.
La loro risposta è stata:"Richiesta di un nuovo passaporto telematico con annullamento dell'attuale ancora in corso di validità".
Ancora non convinto esco dall'ufficio passaporti(con la scusa di dover fare le foto per il documento)e entro nell' "ufficio Relazioni con il Pubblico" della questura.
Mi presento con le mie generalità,dichiaro la residenza all'estero,la iscrizione AIRE,mostro il passaporto,espongo di nuovo i motivi di interruzione del viaggio e chiedo ,per favore,una soluzione praticabile a breve termine.
Altro giro di telefonate,consultazioni con "superiori" e infine stessa risposta :"Richiedere un nuovo passaporto prego".
A questo punto mi sono rassegnato e attivato circa la documentazione da produrre per la richiesta di un nuovo passaporto.
Questa mattina (venerdi)all'inizio del quarto giorno dalla consegna della nuova richiesta ,completa di tutta la documentazione(incluso il mio passaporto ancora in corso di validità),ho chiesto ,sempre per favore,l'applicazione della cosideta "Procedura d'urgenza".
La risposta è stata che tale procedura si applica allo scadere del 7.mo giorno dalla data di presentazione.
Adesso ,anche alla luce dei suoi utili consigli,provvederò immediatamente a scrivere all'Ambasciatore ed all'Ufficio Consolare in R.D.chiedendo di voler provvedere quantomeno all'invio,in brevissimi tempi,del nulla osta per il rilascio del nuovo passaporto.
Circa un ricorso al MAE(che è mia intenzione presentare per un rimborso dei danni)se non ci sono urgenti termini di presentazione della domanda,gradirei la sua assistenza.
Naturalmete se lei è interessato e dopo aver ottenuto il permesso a contattarla in privato.
Ultimo dubbio è circa il comportamento,nella vicenda,della compagnia aerea Condor: Veramente l'unica soluzione praticabile era quella di lasciarmi allo scalo intermedio in Francoforte(il viaggio era con partenza da Roma e destino R.D.),dopo aver passato tutti i controlli di polizia (Roma e anche a Francoforte) circa i documenti,bagagli e perquisizioni personali, a 10 metri dall'aereo pronto per la partenza e io con bording pass e il passaporto in mano??
Non c'è(che lei sappia) nessuna norma di legge che prevede ugualmente l'imbarco per i residenti,la segnalazione al capitano dell'aereo e l'avviso alle autorità a terra nella destinazione finale in modo che il problema lo avrei potuto risolvere in Rep.Dom.??
Bene Dr.Guido la ringrazio per la pazienza nella lettura e per le risposte che eventualmente vorrà darmi.
Ringrazio inoltre per gli auguri rivoltomi di pronta soluzione.
Le auguro un buon lavoro e le invio Cordiali saluti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?   Oggi a 2:29 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Passaporto "Problematico"! Tempi massimi massimi per la soluzione?
» TEMPI DEL RINOVO DEL PdS
» urgente!!tempi di attesa per trascrizione matrimonio in italia..
» nullaosta rinnovo passaporto
» PRIMO RILASCIO PASSAPORTO PER NEOCITTADINO ITALIANO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: TEMPI MASSIMI PER LA CONCLUSIONE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI-
Andare verso: