Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
LocalitÓ : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Mar Mar 10, 2009 5:49 pm

Guido,una sentenza di divorzio emessa in Italia o emessa all'estero e poi trascritta Ŕ eventualmente appellabile?
Grazie in anticipo!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Mar Mar 10, 2009 6:08 pm

La sentenza Ú sempre appellabile, anche quando l'UdSC avesse giß trascritto la sentenza estera. Potrebbe essere un eccezione, ma lo dubito e cmq questa Ú materia del Dr. Scolaro, quando il divorzio sia stato sentenziato in Italia per domanda congiunta e mutuo consenso. Non essendoci la parte ''convenuta'' non dovrebbe pi˙ poter essere appellata.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Mar Mar 10, 2009 8:05 pm

Scusami, ma rileggendo bene la tua domanda ti preciso, la sentenza estera, andata in giudicato e anche se trascritta dall'UdSC Ú sempre appellabile alla Corte di Appello. Per quella italiana invece, una volta andata in giudicato, non si puˇ pi˙ opporre appello.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Robbi14



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 05.04.09

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 10:21 am

Vorrei chiedere lumi sul comportamento del consolato Italiano in Venezuela, ovvero essendoci stato un divorzio presso il Tribunale venezolano di coniugi italiani residenti in Italia (anno 1997) con richiesta di trascrizione presso il comune italiano (anno 2006) con autocertificazione, detta trascrizione rigettata dal comune interessato, orbene, alla richiesta del divorzio la persona interessata (controparte) non era presente, infatti la stessa non mette piede in suolo venezuelano dal 1972,comprovato da movimenti migratori, lo stesso richiedente del divorzio ommetteva nella richiesta la nascita di 4 figli, 3 dei quali in territorio venezuelano ed uno in Italia.
Avendo istruito un processo civile per l'annulamento di detto divorzio il Giudice del Tribunale richiedeva al Consolato la effettiva trascrizione del divorzio presso il comune italiano, dopo oltre 2 mesi il consolato non invia alcuna risposta al Tribunale,ed alla richiesta personale di chiarimenti e di ricevuta dell'avvvenuta consegna risponde prima di averlo inviata con corriere diplomatico, per poi di seguito riferire che il Consolato d'Italia in Venezuela non ha corrieri diplomatici.
AlchŔ le chiedo come devo fare per farmi tutelare da detto Consolato in questa vertenza giudiziaria.
Anticipatamente ringrazio
Anonucci Norma
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 12:53 pm

A parte tutta una serie di mancanza d'informazioni importantissime per quanto riguarda la trascrivibilitß del divorzio che a mio primo modesto parere mancano assolutamente, tralascio questa parte. Il giudice (quale? della Corte d'appello?, ha sentenziato una delibazione?), ha comunque sbagliato nell'ordinare all'Ambasciata italiana che non ha ne poteri e nemmeno possibilitß di eseguire la trascrizione.

La Corte d'Appello emette una sentenza di delibazione della sentenza straniera, e questa deve essere fatta valere presso l'UdSC del Comune di registrazione del matrimonio e non presso l'Ambasciata. La situazione mi pare alquanto ingarbugliata e mancando molti importanti dettagli, non ho una risposta legalmente valida per il suo caso. Per farle capire meglio e tralasciando di commentare la validitß in Italia del suddetto divorzio, Ú come se il Giudice abbia ordinato a un Ufficiale di Stato Civile di concedere la licenzia di costruione alla ditta X, quando Ú il Sindaco che ha questo potere.

Dia pi˙ dettagli e vediamo se si cava un piccolo ragnetto dal buco, anche se a mio avviso, visto le premesse, sembrerebbe che la delibazione non potesse essere concessa (ma questa Ú una decisione della Magistratuta, sbagliata o corretta che sia e si deve rispettare), ma pare anche che non sia una sentenza di delibazione di sentenza straniera emessa dalla Corte d'Appello, bensÝ del Tribunale Ordinario e comunque gli effetti si spiegano direttamente sull'UdSC e non sull'Ambasciata, che al limite, insieme al MAE pu┤o essere condannato alle spese giudiziali ed ad eventuali danni morali e materiali se richiesti dal ricorrente.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Robbi14



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 05.04.09

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 1:46 pm

Cerco di spiegare meglio l'accaduto, negli anni 60/70 vivevo in venezuela con mio marito,italiano come me, nel 1972 rientriamo in Italia, dalla nostra unione sono nati 4 figli. nel 1992 mio marito decide di tornare in venezuela, non potendolo fare prima in quanto vi era un figlio minore,lasciandomi in Italia.
Nel gennaio 2008 mia figlia veniva a conoscenza che il padre si era risposato con una donna venezuelana,fin qui tutto normale,solo che la persona in questione risulta ancora coniugato in Italia,quindi mia figlia facendo gli accertamenti veniva a conoscenza che la mia persona nell'anno 1997 si trovava in Venezuela, luogo in cui non sono pi¨ tornata dal 1972, testimone ne Ŕ i movimenti migratori, da qui incominciava le pratiche per ottenere l'annulamento del divorzio.
inoltre si veniva a conoscenza che l'agente consolare della cittÓ ove Ŕ accaduto il fatto inviava al consolato generale d'italia in caracas la richiesta di trascrizione del divorzio, avvalorando lo stesso come valido.
detta trascrizione venive rifiutata dal comune ove era stato celebrato il matrimonio in quanto incongruente e palesemente falso, rigettandolo al consolato con la preghiera di notiziare gli enti e le persone interessate.
Il giudice del Tribunale ove si sta celebrando la causa di annullamento richiedeva al consolato se vi era la trascrizione in Italia di detto divorzio, e come detto nella precedente siamo in attesa, con conseguente blocco del processo, della risposta del consolato
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 6:11 pm

Certo che il caso Ú molto ingarbugliato e dovrebbe essere studiato in modo molto pi˙ dettagliato, approfondendolo con lo studio di tutta la documentazione. Cmq continuo a non capire di che pratica di annullamento del divorzio stiamo parlando, in quanto il divorzio per l'Italia non esiste e diversamente non poteva essere in quanto a parte altre gravi mancanze di rispetto della 218/95, manca il requisito fondamentale del suo diritto alla difesa, a meno che lei in quel periodo non risultava residente in Italia, ma all'AIRE in Venezuela e quindi le sia stata notificata, l'istanza di divorzio all'indirizzo risultante nell'AIRE.

Quindi potrebbe e anche questo sarebbe da verificare, essere valido per lo Stato Venezuelano, ma non trascrivibile ed efficace in Italia, tanto che non Ú stato tracritto e riconosciuto dall'UdSC competente ed unico titolare della decisione, che puˇ essere appellata con la richiesta di sentenza di delibazione allla Corte d'Appello. In pratica e legalmente sia lei che suo marito per la normativa italiana, continuate ad essere sposati senza necessitß di annnulare niente in quanto l'UdSC non ha trascritto niente e non mi pare di capire che la Corte d'Appello abbia invece delibato la sentenza estera di divorzio. Suo marito essendosi risposato Ú bigamo e come tale puˇ essere denunciato e processato. Se l'atto di matrimonio venezuelano (il secondo con la Venezuelana) non Ú stato trascritto in Italia, puˇ richiederlo lei o chiunque ne abbia interesse, anche e d'ufficio (obbligatoriamente e non a discrezione) dallo stesso Consolato Italiano in Venezuela se ne Ú a conoscenza. La mia domanda a questo punto Ú..a cosa sta puntando lei? Vuole rimanere sposata o cos'altro?

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Robbi14



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 05.04.09

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 6:44 pm

grazie per la pronta risposta, alla data del divorzio non ero iscritta all'AIRE e tantomeno in territorio Venezuelano cosý un'altra donna si Ŕ presentata al mio posto, dall'unione coniugale abbiamo costruito beni inmobili in Venezuela,i e lo stesso coniuge poneva nella sentenza di divorzio che: non vi erano beni e non abbiamo avutio figli. Quindi mi sembra lecito ed Ŕ mio diritto, sanare il falso fatto in precedenza giuridicamente(data di nascita errato, numero di C.I. errato) ed il Consolato d'Italia che provveda a rispondere come atto dovuto, alla richiesta del Giudice del Tribunale venezuelano e cioŔ la mia posizione coniugale rispetto alla giurisdizione italiana.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Dom Apr 05, 2009 9:24 pm

Gentile Signora, solo adesso si capisce perchÚ finalmente lo specifica, che il Tribunale interessato Ú quello venezuelano e non quello italiano. Il Consolato italiano non rispondendo al giudice Venezuelano, si sta riparando dietro una falsa ''immunitß diplomatica''. Si immagini che in questo stesso forum ci sono delle sentenze dove il Consolato non ha rispostao nemmeno al giudice italiano.
Ciˇ che le consiglio a questo punto Ú fare una diffida ad adempiere al Consolato e al MAE, con contestuale istanza di accesso agli atti. Se la cosa dovesse rimanere stagnante, le rimane una denuncia penale in Italia, per omissioni di atti di ufficio e se provebile documentalmente, per falso in atto pubblico, oltre altri eventuali reati e costituirsi parte civile. Se vuole essere pi˙ morbida, puˇ fare un'istanza al Tribunale italiano al fine che obblighi il Consolato e il MAE a dare una risposta al giudice venezuelano.

Ciˇ che lei descrive Ú una serie di fatti che se tutti veri e circostanziabili, sono di una gravitß enorme e l'eventuale falso in atti pubblici da lei descritto e la non risposta del Consolato sono le vie che puˇ seguire per avere giustizia anche in Venezuela. Ciˇ che Ú accaduto in Venezuela e tutti i falsi da lei descritti non sono perseguibili dalla giustizia italiana per incompetenza territoriale, ma solo da quella Venezuelana. Quest'ultima Ú bloccata da un silenzio amministrativo italiano ingiustificabile, ma chiedendolo lei personalmente, implica che i danni che eventualmente subirß in Venezuela per questo silenzio, lo pagherß il MAe e il Consolato...e a questo punto io, un'istanza la farei anche alla Corte dei conti, in quanto in caso di giudizio italiano definitivo di condanna, sarebbe un gravissimo danno all'erario e darebbe un forte deterrente, al fine che il MAE e il Consolato, non cerchino di sgattaiolare alle loro responsabilitß.

Se se la sente, puˇ fare da sola la diffida ad adempiere e l'immediato accesso agli atti, dovrebbero esere sufficienti per sbloccare la situazione. La mia paura Ú che se i fatti sono provabili come lei li descrive, Ú ovvio che l'Istituzione italiana, stia proteggendo qualche funzionario consolare e questo comporterß una dura e lunga lotta giudiziale, forse di molti anni. Cerchi quindi di risolvere extragiudizialmente con la diffida e l'accesso agli atti, sbloccando la situazione e dando una risposta al giudice venezuelano che sentenzierß.
Non so se i miei amici e colleghi dello staff del forum abbiano qualcosa di diverso da suggerire, ma il suo Ú giß un caso da studiare professionalmente...il forum puˇ aiutarla fino ad un certo punto, ma le risposte sono date sono in relazione al fatto che si prendono per buone le sue informazioni (comunque insufficienti e da verificare documentalmente con molta cura ed agire con grande preparazione)

Sono 8 anni in vari forum, ma un caso cosÝ grave, non mi era ancora capitato se non nella mia vita professionale con alcuni clienti.
Le auguro davvero di uscire vincitrice e trionfante da questa situazione e soprattutto al pi˙ presto e con meno danni possibili.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 68
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Lun Apr 06, 2009 4:37 am

Io penso che il giudice venezuelano non abbia potere sul consolato italiano e debbe chiedere una apposita "rogatoria internazionale" per ottenere "forzatamente" quello che domanda.

Per ovviare alle lentezze che questo tipo di azione pu˛ provocare, potrebbe Lei stessa fornire al giudice venezuelano gli elementi che chiede, per quanto le Ŕ possibile (stato coniugale risultante in Italia, certificato di nascita, figli, ecc.).

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Robbi14



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 05.04.09

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Lun Apr 06, 2009 8:10 am

Ringrazio per il supporto, volevo chiedere un'ultima delucidazione,.
Avendo avuto dal consolato due risposte in merito all'invio d'informazioni al tribunale venezolano, la prima Ŕ che sono state inviate tramite corriere consolare,la seconda che il consolato in Venezuela non ha corriere consolare e quindi era stata inviata tramite posta ordinaria senza ricevuta, queste risposte avute da impiegati consolari, in quanto il "Signor" console non ha mai degnato di una risposta.
Volevo chiedere se Ŕ prassi usuale l'uso della posta ordinaria senza ricevuta e se Ŕ reale l'affermazione che il consolato non ha corrieri consolari.
Grazie A.N.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
EtÓ : 65
LocalitÓ : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   Lun Apr 06, 2009 4:38 pm

La risposta, qualunque essa sia, se non messa per iscritto e firmata con nome, cognome e posizione (impiegato, segretaria/o, funzionario), dove appare un'evidente contraddizione, Ú irrilevante per il suo caso. Ciˇ che le conviene sicuramente Ú il mio consiglio di richiesta di accesso agli atti e richiesta di informazioni ai sensi degli artt. 7 e 8 della L 241/90 o, secondo la documentazione, direttamente la diffida ad adempiere. Come dice Amedeo, a quel punto con le risposte e la fotocopia autenticata degli atti in possesso del Consolato e da lei o da qualcuno da lei delegato formalmente, potrß fornirle direttamente al Tribunale Venezuelano al posto della non risposta del Consolato.

Riguardo l'osservazione che il Consolato non Ú tenuto a rispondere alla Giustizia del Paese dov'Ú ospitato ed ubicato, Ú assolutamente inesatta. Uno delle clausole della stessa legge italiana ed internazionale per poter avere un Consolato in un determinato paese Ú che il Consolato Ú tenuto a rispettare le normative locali anche al suo interno e persino nel suo ''territorio italiano''. ╔ ovvio che il Giudice prima di creare un incidente o scandalo internazionale, ci pensi bene prima di agire.
A riprova di questo, basta pensare che se le leggi Nazionali estere non permettono perchÚ non riconosciuto, il matrimonio in Consolato, quest'ultimo non puˇ procedere.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puˇ scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PI┌ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
╔ meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica   

Tornare in alto Andare in basso
 
DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» DIVORZIO IN VENEZUELA domanda tecnica
» trascrizioni di matrimonio e divorzio in venezuela
» matrimonio in venezuela,separazione e divorzio in italia
» matrimonio in venezuela e divorzio. trascrizione in italia
» Problema domanda divorzio giudiziale

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: DIVORZIO ALL'ESTERO :: ╔ POSSIBILE ANCHE TRA CITTADINI ITALIANI RESIDENTI IN ITALIA?-
Andare verso: