Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Cosa mi suggerite?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
itemirus



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 14.03.09

MessaggioOggetto: Cosa mi suggerite?   Dom Mar 15, 2009 9:54 am

Buongiorno a tutti,
mi sono registrato a questo forum per chiedere il vostro consiglio.
Ho giÓ letto i vari thread ma non sono riuscito a giungere ad una conclusione, quindi vi sottopongo il mio caso fornendo tutte le informazioni necessarie.


  • Mia moglie Ŕ cittadina italiana dal 2002.
  • Sua sorella Tanya Ŕ maggiorenne ed Ŕ cittadina ucraina.
  • Tanya attualmente risiede in Ucraina con i genitori (pensionati), non lavora stabilmente e dispone di una modesta somma di denaro depositata in un conto corrente.
  • Tanya Ŕ giÓ venuta in Italia per motivi turistici una volta nel 2000.
  • Avremmo intenzione di farla venire in italia con un visto turistico per poi richiedere la conversione del permesso di soggiorno per coesione familiare (inizialmente verrebbe a vivere a casa nostra).
  • Sia io che mia moglie siamo entrambi occupati con reddito stabile e proprietari della casa ove viviamo.
  • Mia moglie tra poco si recherÓ in ucraina per aiutarla nella richiesta di visto.

Domanda: qual Ŕ la soluzione migliore che ci consigliate, ovvero quella con maggiori possibilitÓ di successo?

1) Richiedere un visto per turismo - una volta in italia, richiedere la residenza presso la nostra abitazione e poi chiedere la conversione del permesso di sogg. (in questo caso Ŕ tassativo procedere con la fidejussione o Ŕ sufficiente presentare dei contanti con la lettera di invito?)

2) Richiedere un visto per ricongiungimento familiare - da quello che ho capito non credo sia possibile tra fratelli / sorelle, sebbene mia moglie sia giÓ cittadina italiana

3) Richiedere un visto per familiare al seguito - da quello che ho capito ha maggiori probabilitÓ di successo ma bisogna innanzitutto dimostrare che il familiare Ŕ a carico e va richiesto direttamente in ambasciata/consolato. Esiste una procedura agevolata, visto che mia moglie Ŕ italiana? Come funziona? Mia moglie si presenta all'ambasciata col passaporto italiano e chiede di parlare con qualcuno? Quali sono i tempi per il rilascio? E se non riuscissimo a dimostrare che la sorella Ŕ a carico?

Ringrazio anticipatamente per ogni suggerimento utile.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Dom Mar 15, 2009 12:22 pm

Gent.mo Iterimus, un saluto.

itemirus ha scritto:
Buongiorno a tutti,
mi sono registrato a questo forum per chiedere il vostro consiglio.
Ho giÓ letto i vari thread ma non sono riuscito a giungere ad una conclusione, quindi vi sottopongo il mio caso fornendo tutte le informazioni necessarie.


  • Mia moglie Ŕ cittadina italiana dal 2002.
  • Sua sorella Tanya Ŕ maggiorenne ed Ŕ cittadina ucraina.
  • Tanya attualmente risiede in Ucraina con i genitori (pensionati), non lavora stabilmente e dispone di una modesta somma di denaro depositata in un conto corrente.
  • Tanya Ŕ giÓ venuta in Italia per motivi turistici una volta nel 2000.
  • Avremmo intenzione di farla venire in italia con un visto turistico per poi richiedere la conversione del permesso di soggiorno per coesione familiare (inizialmente verrebbe a vivere a casa nostra).
  • Sia io che mia moglie siamo entrambi occupati con reddito stabile e proprietari della casa ove viviamo.
  • Mia moglie tra poco si recherÓ in ucraina per aiutarla nella richiesta di visto.

Domanda: qual Ŕ la soluzione migliore che ci consigliate, ovvero quella con maggiori possibilitÓ di successo?

1) Richiedere un visto per turismo - una volta in italia, richiedere la residenza presso la nostra abitazione e poi chiedere la conversione del permesso di sogg. (in questo caso Ŕ tassativo procedere con la fidejussione o Ŕ sufficiente presentare dei contanti con la lettera di invito?)

2) Richiedere un visto per ricongiungimento familiare - da quello che ho capito non credo sia possibile tra fratelli / sorelle, sebbene mia moglie sia giÓ cittadina italiana

3) Richiedere un visto per familiare al seguito - da quello che ho capito ha maggiori probabilitÓ di successo ma bisogna innanzitutto dimostrare che il familiare Ŕ a carico e va richiesto direttamente in ambasciata/consolato. Esiste una procedura agevolata, visto che mia moglie Ŕ italiana? Come funziona? Mia moglie si presenta all'ambasciata col passaporto italiano e chiede di parlare con qualcuno? Quali sono i tempi per il rilascio? E se non riuscissimo a dimostrare che la sorella Ŕ a carico?

Ringrazio anticipatamente per ogni suggerimento utile.

Il visto per familiare al seguito e quello di ricongiungimento seguono le stesse procedure e sono equivalenti. Cambiano solo i tempi dovuti alla circostanza di viaggiare o meno insieme al parente.

Per i fratelli Ŕ un po' difficile ottenere il visto. Spesso a visto rifiutato si deve ricorrere in tribunale.

Il visto per turismo Ŕ, ma soloo in questo caso, pi¨ facile da ottenere. C'Ŕ un accordo di facilitazione dei visti turistici tra UE e Ucraina per i parenti di stranieri regolarmente residenti in Italia o cittadino italiani.

Anche in questo caso, nell'accordo i fratelli non sono previsti. Solo la circostanza di aver giÓ avuto un visto turistico in passato pu˛ agevolare un nuovo rilascio, ma bisogna pagare tutto: visto, fidejussione, assicurazione sanitaria, prenotazione viaggio. Data la situazione consiglierei di chiedere un visto turistico per 7 giorni e non di pi¨.

Insomma Ŕ una vera e propria scommessa. Con il visto per ricongiungimento/fam. al seguito non si paga nulla, ma c'Ŕ il rischio di dover andare in Tribunale con tutte le spese conseguenti. Con il visto per turismo si paga tutto, ma c'Ŕ il rischio del rifiuto.

Bisognerebbe considerare la dimostrabilitÓ del carico. Quante ricevute di rimesse di denaro sono disponibili e per quale importo.

Aggiungo, infine, una terza soluzione. Quando e se uscirÓ il nuovo decreto flussi, si pu˛ assumere come colf part-time la sorella e chiedere una quota. Se si ottiene, il problema Ŕ risolto. Ottenuto il visto ed arrivata in Italia, si rinuncia alla assunzione o si licenzia sucessivamente (non ci sono obblighi in proposito) e si chiede la coesione familiare.

Un saluto ed in bocca ai lupi burocratici,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
itemirus



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 14.03.09

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Lun Mar 16, 2009 6:05 am

Grazie.

Credo tenteremo la via del familiare al seguito, che mi pare la soluzione migliore.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
itemirus



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 14.03.09

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Lun Mar 16, 2009 6:50 am

P.S. Tanto per cambiare dove finisce la logica inizia l'italia (l'UE in questo caso)

Ho trovato il testo dell'accordo di facilitazione per il rilascio di visti turistici per cittadini ucraini ( www.meltingpot.org/articolo12190.html ) e trovo assurdo che tra i parenti stretti siano inclusi nonni e nipoti ma non fratelli e sorelle.

Inoltre non Ŕ indicato il caso in cui il richiedente il visto sia parente di cittadino italiano.

Ho visto che la procedura per la richiesta di visto per ricongiungimento familiare Ŕ stata informatizzata e bisogna effettuare la richiesta tramite un programma da scaricare dal sito del ministero.

C'Ŕ per˛ specificato che " il familiare di cittadino italiano o comunitario non deve richiedere il nulla osta allo sportello unico ma direttamente il visto in Ambasciata "

Allora qual Ŕ la procedura per richiederlo in Ambasciata??

Devo lo stesso presentare la richiesta via internet?

Un'altra assurditÓ: potremmo richiedere il ricongiungimento per i genitori di mia moglie e poi loro potrebbero chiedere il ricongiungimento per la sorella di mia moglie.

Tanto valeva includere i fratelli e le sorelle senza complicare la vita a chi onestamente vorrebbe ricongiungersi con la famiglia.

Intanto i clandestini continuano tranquillamente a farsi i propri comodi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
EtÓ : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Lun Mar 16, 2009 7:24 am

Gent.mo Iterimus, un saluto.

Tutte condivisibili e condivise in particolare da me le sue considerazioni!!!

La richiesta non va presentata via internet. Questa tipologia va seguita solo per ricongiungimenti fra stranieri e stranieri in generale.

La procedura sarebbe quella di presentarsi direttamente in Consolato (l'Ambasciata cura le relazioni dipolomatiche con il paese estero) con i documenti predisposti e chiedere il visto. Tutto sembrerebbe facile, ma ... !!!

I nostri "simpaticissimi" consolati talvolta pretendono una prenotazione tramite un call-center telefonico a pagamento, tal'altra stentano ad accettare certe domande di visto (solo a voce, per˛).

Per evitare questi intoppi consiglio di inoltrare una lettera di preavviso di accesso e diffida "preventiva" al consolato per richiesta di visto per familiare al seguito (l'italiano deve andare di persona) o per ricongiungimento, elencando i documenti che saranno prodotti ed i tempi entro cui dovranno operare (qualche mio modello Ŕ in internet e sui miei libri).

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
itemirus



Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 14.03.09

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Lun Mar 16, 2009 9:10 am

Incredibilmente ho ricevuto una risposta ad una mail che ho inviato venerdý al consolato di Kiev

Ne riporto il testo:

Gentile Sig. *****,

il ricongiungimento familiare tra fratelli e sorelle non
Ŕ previsto dalla legislazione italiana.


Tuttavia, in questo caso, il rapporto di parentela pu˛
costituire un elemento privilegiato nella richiesta di un visto di ingresso per
breve soggiorno.


Cordiali saluti,

***** *****

Assistente Amministrativo

Ambasciata dĺItalia in Kiev


Leggendo fra le righe pare di capire che una richiesta di ricongiungimento / familiare al seguito verrebbe respinta, mentre una per turismo avrebbe buone probabilitÓ di successo...

Grazie a tutti per il tempo concessomi
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
pikus



Numero di messaggi : 42
Data d'iscrizione : 18.02.09

MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Lun Mar 16, 2009 9:58 am

itemirus

tienici informati...

tra non molto anch'io iniziero' ad avere a che fare con lo stesso consolato di Kiev... staremo a vedere, ciao e in bocca al lupo
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://modapokazy.pl
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Cosa mi suggerite?   Oggi a 12:09 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Cosa mi suggerite?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cosa mi suggerite?
» COSA SI FA DOPO IL MATRIMONIO???
» Certificati medici telematici : chi deve fare, che cosa - Istruzioni operative
» iscrizione AIRE: cosa cambia?
» Cittadino messicano che vuole venire a vivere in italia.Cosa fare?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: