Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
MatteoN



Numero di messaggi : 15
Data d'iscrizione : 04.03.15

MessaggioOggetto: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Mar Mar 10, 2015 4:34 am

Buongiorno,

vorrei cortesemente avere la vostra opinione sulla mia situazione attuale. Io e la mia compagna, cittadina Iraniana, siamo entrambi residenti a Taiwan e vorremmo sposarci presso l'ufficio di rappresentanza Italiana, come la normativa richiede e consente. Premetto che, nonostante l'ufficio di Taipei non sia un vero e proprio consolato (per via della situazione particolare di Taiwan, nazione non riconosciuta dalla Repubblica Italiana), la loro capacita' di offrire il matrimonio consolare mi e' stata gia' confermata, in piu' occasioni, dall'ufficiale consolare stesso. La mia compagna ed io abbiamo ottenuto l'estratto di nascita di lei ed il nullaosta alle nozze, entrambi in lingua italiana e legalizzati dalla Prefettura del mio Comune di iscrizione AIRE, lo scorso 25 febbraio. L'ufficiale consolare ha pero' contestato la validita' di tali documenti ed ha contattato, oltre che il Ministero degli Esteri Italiano, anche il Consolato Iraniano a Milano. Mentre il Ministero ha confermato che i documenti sono validi e completi, il Consolato Iraniano ha risposto che "i documenti rilasciati dal nostro ufficio (sic.) sono da presentarsi unicamente per il matrimonio civile presso un Comune italiano", facendo intendere come il nullaosta, benche' attestante la mancanza di impedimenti al nostro matrimonio, debba essere presentanto obbligatoriamente presso un Comune.

Fermo restando che la legislazione Iraniana in merito non riguarda questo forum, vorrei sapere se sia normale, secondo la vostra opinione, che un consolato Italiano debba chiedere il permesso a quello straniero per acquisire documenti che sono stati emessi in pieno rispetto di entrambe le legislazioni (come peraltro comprovato dalla legalizzazione della Prefettura previa comunicazione con il consolato straniero e deposito della firma del console iraniano). Considerando che il Ministero degli Esteri, quello dell'Interno e l'ufficiale matrimoniale del Comune di iscrizione AIRE hanno gia' confermato l'assoluta validita' dei nostri documenti, e' possibile che l'ufficiale consolare si rifiuti di procedere alle pubblicazioni di matrimonio? In ultimo (e, di nuovo, non intendo chiedere lumi su legislazione straniera, solo un'opinione basata su esperienze precedenti), e' usuale che un consolato straniero dia un nullaosta la cui validita' dipenda dall'ufficio italiano (consolato invece che Comune) presso cui il matrimonio e' celebrato (considerando che sul documento stesso non e' indicata tale limitazione)?

Grazie per la vostra attenzione.
Distinti saluti.

-Matteo-
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Mer Mar 11, 2015 6:27 pm

MatteoN ha scritto:
Buongiorno,

vorrei cortesemente avere la vostra opinione sulla mia situazione attuale. Io e la mia compagna, cittadina Iraniana, siamo entrambi residenti a Taiwan e vorremmo sposarci presso l'ufficio di rappresentanza Italiana, come la normativa richiede e consente. Premetto che, nonostante l'ufficio di Taipei non sia un vero e proprio consolato (per via della situazione particolare di Taiwan, nazione non riconosciuta dalla Repubblica Italiana), la loro capacita' di offrire il matrimonio consolare mi e' stata gia' confermata, in piu' occasioni, dall'ufficiale consolare stesso. La mia compagna ed io abbiamo ottenuto l'estratto di nascita di lei ed il nullaosta alle nozze, entrambi in lingua italiana e legalizzati dalla Prefettura del mio Comune di iscrizione AIRE, lo scorso 25 febbraio. L'ufficiale consolare ha pero' contestato la validita' di tali documenti ed ha contattato, oltre che il Ministero degli Esteri Italiano, anche il Consolato Iraniano a Milano. Mentre il Ministero ha confermato che i documenti sono validi e completi, il Consolato Iraniano ha risposto che "i documenti rilasciati dal nostro ufficio (sic.) sono da presentarsi unicamente per il matrimonio civile presso un Comune italiano", facendo intendere come il nullaosta, benche' attestante la mancanza di impedimenti al nostro matrimonio, debba essere presentanto obbligatoriamente presso un Comune.

Fermo restando che la legislazione Iraniana in merito non riguarda questo forum, vorrei sapere se sia normale, secondo la vostra opinione, che un consolato Italiano debba chiedere il permesso a quello straniero per acquisire documenti che sono stati emessi in pieno rispetto di entrambe le legislazioni (come peraltro comprovato dalla legalizzazione della Prefettura previa comunicazione con il consolato straniero e deposito della firma del console iraniano). Considerando che il Ministero degli Esteri, quello dell'Interno e l'ufficiale matrimoniale del Comune di iscrizione AIRE hanno gia' confermato l'assoluta validita' dei nostri documenti, e' possibile che l'ufficiale consolare si rifiuti di procedere alle pubblicazioni di matrimonio? In ultimo (e, di nuovo, non intendo chiedere lumi su legislazione straniera, solo un'opinione basata su esperienze precedenti), e' usuale che un consolato straniero dia un nullaosta la cui validita' dipenda dall'ufficio italiano (consolato invece che Comune) presso cui il matrimonio e' celebrato (considerando che sul documento stesso non e' indicata tale limitazione)?

Grazie per la vostra attenzione.
Distinti saluti.

-Matteo-

Contatti l'ufficio di rappresentanza via fax,PEC,Racc.A/R e chieda che le mettano per iscritto ai sensi della legge 241/90 del perché delle ragioni ostative,vediamo cosa rispondono.Ci faccia sapere.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
MatteoN



Numero di messaggi : 15
Data d'iscrizione : 04.03.15

MessaggioOggetto: Re: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Lun Mar 16, 2015 12:42 am

Grazie mille per il suggerimento. Per ora non ho avuto risposta scritta ma, per telefono, ho chiarito le seguenti cose

1) Il nostro ufficiale consolare ha accettato di farci fare le pubblicazioni ma pretende che il matrimonio sia celebrato in Italia, previa delega da parte del consolato stesso al comune di iscrizione AIRE (o qualsiasi altro comune). La motivazione addotta e' che, a suo parere, il nostro matrimonio non sarebbe riconosciuto dall'Iran qualora fosse celebrato in consolato Italiano in paese terzo. Porta a supporto della sua tesi una sua esperienza personale per cui un cittadino Italiano ed una cittadina Tedesca non abbiano potuto contrarre matrimonio consolare in Angola (benche' entrambi residenti in loco) in quanto il matrimonio consolare Italiano non sarebbe stato accettato dalla Germania, anche se non esistevano altri impedimenti al matrimonio. Questa cosa mi sembra assurda dato che i nostri documenti sarebbero cosi' presentati solo qui a Taiwan, luogo in cui l'USC consolare ritiene essi NON siano validi.

2) L'ufficiale consolare Iraniano, pure contattato per telefono, ha spiegato di essere stato confuso dal fatto che la richiesta in merito ai documenti venisse da un ufficio "di Taipei" (non notando che la casella mail usata fosse del Ministero degli Esteri Italiano). Ha anche pero' precisato come a loro non importi per nulla di come verra' celebrato il matrimonio, purche' sia valido e riconosciuto dallo stato italiano. Di cio' mi sono fatto rilasciare conferma scritta dalla gentilissima USC del mio comune di iscrizione AIRE. Tale conferma e' stata pure inviata dalla stessa anche agli iraniani, per futuro eventuale riferimento.

Che dite, posso forzare la mano del nostro USC consolare facendogli notare come abbia lui stesso ingarbugliato la situazione e creato un problema non esistente?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Lun Mar 16, 2015 3:20 pm

MatteoN ha scritto:
Grazie mille per il suggerimento. Per ora non ho avuto risposta scritta ma, per telefono, ho chiarito le seguenti cose

1) Il nostro ufficiale consolare ha accettato di farci fare le pubblicazioni ma pretende che il matrimonio sia celebrato in Italia, previa delega da parte del consolato stesso al comune di iscrizione AIRE (o qualsiasi altro comune). La motivazione addotta e' che, a suo parere, il nostro matrimonio non sarebbe riconosciuto dall'Iran qualora fosse celebrato in consolato Italiano in paese terzo. Porta a supporto della sua tesi una sua esperienza personale per cui un cittadino Italiano ed una cittadina Tedesca non abbiano potuto contrarre matrimonio consolare in Angola (benche' entrambi residenti in loco) in quanto il matrimonio consolare Italiano non sarebbe stato accettato dalla Germania, anche se non esistevano altri impedimenti al matrimonio. Questa cosa mi sembra assurda dato che i nostri documenti sarebbero cosi' presentati solo qui a Taiwan, luogo in cui l'USC consolare ritiene essi NON siano validi.

2) L'ufficiale consolare Iraniano, pure contattato per telefono, ha spiegato di essere stato confuso dal fatto che la richiesta in merito ai documenti venisse da un ufficio "di Taipei" (non notando che la casella mail usata fosse del Ministero degli Esteri Italiano). Ha anche pero' precisato come a loro non importi per nulla di come verra' celebrato il matrimonio, purche' sia valido e riconosciuto dallo stato italiano. Di cio' mi sono fatto rilasciare conferma scritta dalla gentilissima USC del mio comune di iscrizione AIRE. Tale conferma e' stata pure inviata dalla stessa anche agli iraniani, per futuro eventuale riferimento.

Che dite, posso forzare la mano del nostro USC consolare facendogli notare come abbia lui stesso ingarbugliato la situazione e creato un problema non esistente?

I matrimoni in consolato sono sempre complicati...sarebbe meglio evitarli se possibile.L'unica cosa é scrivere,a parole con la P.A. non si risolve nulla...quasi sempre davanti alla richiesta di spiegazione scritta,il piccolo burocrate,arrogante ed impreparato abbassa la testa...
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
MatteoN



Numero di messaggi : 15
Data d'iscrizione : 04.03.15

MessaggioOggetto: Re: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Lun Mar 16, 2015 9:29 pm

bostik ha scritto:
MatteoN ha scritto:
Grazie mille per il suggerimento. Per ora non ho avuto risposta scritta ma, per telefono, ho chiarito le seguenti cose

1) Il nostro ufficiale consolare ha accettato di farci fare le pubblicazioni ma pretende che il matrimonio sia celebrato in Italia, previa delega da parte del consolato stesso al comune di iscrizione AIRE (o qualsiasi altro comune). La motivazione addotta e' che, a suo parere, il nostro matrimonio non sarebbe riconosciuto dall'Iran qualora fosse celebrato in consolato Italiano in paese terzo. Porta a supporto della sua tesi una sua esperienza personale per cui un cittadino Italiano ed una cittadina Tedesca non abbiano potuto contrarre matrimonio consolare in Angola (benche' entrambi residenti in loco) in quanto il matrimonio consolare Italiano non sarebbe stato accettato dalla Germania, anche se non esistevano altri impedimenti al matrimonio. Questa cosa mi sembra assurda dato che i nostri documenti sarebbero cosi' presentati solo qui a Taiwan, luogo in cui l'USC consolare ritiene essi NON siano validi.

2) L'ufficiale consolare Iraniano, pure contattato per telefono, ha spiegato di essere stato confuso dal fatto che la richiesta in merito ai documenti venisse da un ufficio "di Taipei" (non notando che la casella mail usata fosse del Ministero degli Esteri Italiano). Ha anche pero' precisato come a loro non importi per nulla di come verra' celebrato il matrimonio, purche' sia valido e riconosciuto dallo stato italiano. Di cio' mi sono fatto rilasciare conferma scritta dalla gentilissima USC del mio comune di iscrizione AIRE. Tale conferma e' stata pure inviata dalla stessa anche agli iraniani, per futuro eventuale riferimento.

Che dite, posso forzare la mano del nostro USC consolare facendogli notare come abbia lui stesso ingarbugliato la situazione e creato un problema non esistente?

I matrimoni in consolato sono sempre complicati...sarebbe meglio evitarli se possibile.L'unica cosa é scrivere,a parole con la P.A. non si risolve nulla...quasi sempre davanti alla richiesta di spiegazione scritta,il piccolo burocrate,arrogante ed impreparato  abbassa la testa...
Saluti

Grazie di nuovo per la pazienza ed il prezioso consiglio. Abbiamo in effetti deciso di lasciar perdere per il momento: rimanderemo le pubblicazioni per qualche mese e poi andremo in Italia per celebrare il matrimonio, probabilmente a Dicembre. Faro' comunque richiesta di giustificazione scritta per il rifiuto della celebrazione.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?    Oggi a 1:51 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Nullaosta valido per Comune ma non per Matrimonio in Consolato?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Pubblicazioni matrimonio Dubai
» Matrimonio presso Consolato tra extracomunitari
» Separazione in Italia tra Peruviani sposati in Perù
» Matrimonio al Consolato
» matrimonio civile con ragazzo libanese in inghilterra

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: MATRIMONIO ALL'ESTERO-
Andare verso: