Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Visto per familiare al seguito.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
NARGIZA



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 11.05.09

MessaggioOggetto: Visto per familiare al seguito.   Lun Mag 11, 2009 3:03 am

Sono straniera con passaporto straniero non coniugata e mamma di bambino italiano di anni 7 con passaporto italiano , registrato all'A.I.R.E. , presso il Comune di Vinci .
Io e il mio bambino siamo residenti in Uzbekistan.
Il padre invia 500,00 euro mensili quale mantenimento , come stabilito dal Tribunale, in occasione del riconoscimento .
Vorremmo andare a vivere in Italia in quanto oltre ai comprensibili motivi di tale desiderio , vi e' anche il fatto che il mio bambino e' malato , MIOCARDITE e vorrei che fosse curato adeguatamente , in quanto quì non riescono a farlo ed anche perche' i medici hanno detto che fino all'eta' di anni 12 , se curato adeguatamente , potrebbe guarire completamente !!!!!
Vorrei cortesemente sapere che tipo di Visto dovrei chiedere , se ho diritto alla Carta di Soggiorno , dove richiederla e la documentazione necessaria da allegare alla richiesta di tali titoli .
Preciso che il papa' , da me contattato , ha gia' inviato 5000,00 euro , in quanto il 5 giugno p.v. , ho prenotato una visita a Roma , presso l'Ospedale Pediatrico Bambin Gesu' .
L'aereo e' prenotato per il 1° giugno .
Presso l'Ambasciata Italiana a Tashkent , il responsabile dell' Ufficio Visti , mi ha riferito che non ho diritto al Visto per Familiare al Seguito , ma a quello per Turismo !!!!!
Ringrazio dell'attenzione e colgo l'occasione per inviare Cordiali Saluti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
NARGIZA



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 11.05.09

MessaggioOggetto: Re: Visto per familiare al seguito.   Lun Mag 11, 2009 3:07 am

Chiedo scusa , vorrei far presente che mi hanno fissato l'appuntamento allo sportello dell'Ufficio Visti per il giorno 14 maggio p.v. .
In tal senso chiedo la gentile cortesia di poter avere una risposta in tempo utile .

Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Visto per familiare al seguito.   Lun Mag 11, 2009 4:09 am

Cara Nargiza, ciao.

NARGIZA ha scritto:
Sono straniera con passaporto straniero non coniugata e mamma di bambino italiano di anni 7 con passaporto italiano , registrato all'A.I.R.E. , presso il Comune di Vinci .
Io e il mio bambino siamo residenti in Uzbekistan.
Il padre invia 500,00 euro mensili quale mantenimento , come stabilito dal Tribunale, in occasione del riconoscimento .
Vorremmo andare a vivere in Italia in quanto oltre ai comprensibili motivi di tale desiderio , vi e' anche il fatto che il mio bambino e' malato , MIOCARDITE e vorrei che fosse curato adeguatamente , in quanto quì non riescono a farlo ed anche perche' i medici hanno detto che fino all'eta' di anni 12 , se curato adeguatamente , potrebbe guarire completamente !!!!!
Vorrei cortesemente sapere che tipo di Visto dovrei chiedere , se ho diritto alla Carta di Soggiorno , dove richiederla e la documentazione necessaria da allegare alla richiesta di tali titoli .
Preciso che il papa' , da me contattato , ha gia' inviato 5000,00 euro , in quanto il 5 giugno p.v. , ho prenotato una visita a Roma , presso l'Ospedale Pediatrico Bambin Gesu' .
L'aereo e' prenotato per il 1° giugno .
Presso l'Ambasciata Italiana a Tashkent , il responsabile dell' Ufficio Visti , mi ha riferito che non ho diritto al Visto per Familiare al Seguito , ma a quello per Turismo !!!!!
Ringrazio dell'attenzione e colgo l'occasione per inviare Cordiali Saluti.

Quando uno straniero si reca in un consolato italiano, cerca sempre di parlare con il personale "contrattista" (personale del luogo assunto a contratto), perchè parla la propria lingua ed è quindi più comodo comunicare. Questo personale, però, poco conosce la normativa italiana e molto, troppo spesso fornisce indicazioni completamente sbagliate.

Bisogna quindi rivolgersi ad un funzionario italiano che, guadagnando circa 15.000 euro/mese, dovrebbe avere la competenza necessaria per fornire informazioni esatte. Pur tuttavia in questo caso, però, tali funzionari talvolta forniscono anche loro informazioni non esatte.

Innanzitutto esiste un diritto del figlio minore di vivere con i propri genitori nel luogo che l'esercente la patria potesta (nel caso: tu) decida essere quello più adatto al suo sviluppo, alla sua educazione, alla sua salute, ecc.. Se ciò comporta il vostro trasferimento in Italia, è un tuo preciso diritto (riconosciuto anche dalla Unione Europea, sia a livello di leggi - art. 18 del Trattato CEE - che di giurisprudenza) chiedere ed ottenere un visto d'ingresso per l'Italia ed un successivo titolo di soggiorno (nel caso una Carta di soggiorno ai sensi del D.L. 30/2007).

Ora quale visto chiedere? Il già citato D.L. 30 del 2007 riporta all'art. Articolo 5 - Diritto di ingresso

1. Ferme le disposizioni relative ai controlli dei documenti di viaggio alla frontiera, il cittadino dell’Unione in possesso di documento d’identità valido per l’espatrio, secondo la legislazione dello Stato membro, ed i suoi familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, ma in possesso di un passaporto valido, sono ammessi nel territorio nazionale.
2. I familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro sono assoggettati all’obbligo del visto d’ingresso, nei casi in cui e’ richiesto. Il possesso della carta di soggiorno di cui all’articolo 10 in corso di validità esonera dall’obbligo di munirsi del visto.
3. I visti di cui al comma 2 sono rilasciati gratuitamente e con priorità rispetto alle altre richieste.

Se dovessi trovarti davanti, poi, un burocrate "imbecille" potrebbe risponderti che questo DL si applica solo ai cittadini comunitari, ma allora gli fai leggere il successivo art. 23 che dice:

1. Le disposizioni del presente decreto legislativo, se più favorevoli, si applicano ai familiari di cittadini italiani non aventi la cittadinanza italiana.

In base a quanto scritto nella legge, non è certo richiedibile la tipologia di visto per turismo!!! Non rimangono che le due tipologie di visto per familiare al seguito (da rilasciare entro 48 ore) e di quella per ricongiungimento familiare (non applicabile, perchè il minore non è certo già in Italia, ma vi si deve ancora recare).

Come si vede, ti hanno dato una informazione completamente inesatta. Ora ti rimangono due possibilità di intervento:

1) il 14 maggio fai da sola la "battaglia" in consolato;
2) domani stesso invii una lettera di diffida preventiva al rilascio del visto per familiare al seguito (la invii per fax) sulla base di un modello che trovi sia su questo sito che in rete e poi trovi la strada "spianata" il giorno 14 maggio.

Per il modello clicca quì .

Ricorda, infine, che un visto per turismo comporta una fidejussione, l'assicurazione sanitaria, il pagamento di un diritto, mentre tu hai diritto ad un visto assolutamente gratuito.

Per adesso (!!!???) un saluto ed in bocca ai lupi burocratici consolari,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Visto per familiare al seguito.   Mer Mag 13, 2009 6:05 am

Amedeo: sei sicuro che la madre possa essere considerata "familiare" (ai fini dell'applicazione del D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30) ?
Nessuno discute sul fatto che lo sia per il linguaggio comune ....
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Visto per familiare al seguito.   Mer Mag 13, 2009 11:19 am

Sereno.SCOLARO ha scritto:
Amedeo: sei sicuro che la madre possa essere considerata "familiare" (ai fini dell'applicazione del D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 30) ?
Nessuno discute sul fatto che lo sia per il linguaggio comune ....

Verissimo (mi è corso un brivido per la schiena)!!! Da un primo esame sembrerebbe di no!!!

1. Ai fini del presente decreto legislativo, si intende per:
a) «cittadino dell'Unione»: qualsiasi persona avente la cittadinanza di uno Stato membro;
b) «familiare»:
1) il coniuge;
2) il partner che abbia contratto con il cittadino dell'Unione un'unione registrata sulla base della legislazione di uno Stato membro, qualora la legislazione dello Stato membro ospitante equipari l'unione registrata al matrimonio e nel rispetto delle condizioni previste dalla pertinente legislazione dello Stato membro ospitante;
3) i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e quelli del coniuge o partner di cui alla lettera b);
4) gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge o partner di cui alla lettera b);
c) «Stato membro ospitante»: lo Stato membro nel quale il cittadino dell'Unione si reca al fine di esercitare il diritto di libera circolazione o di soggiorno.

La madre non è a carico del figlio, ma il contrario!!!

Vado a leggere il successivo art. 3:

Art. 3. - Aventi diritto
1. Il presente decreto legislativo si applica a qualsiasi cittadino dell'Unione che si rechi o soggiorni in uno Stato membro diverso da quello di cui ha la cittadinanza, nonche' ai suoi familiari ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera b), che accompagnino o raggiungano il cittadino medesimo.
2. Senza pregiudizio del diritto personale di libera circolazione e di soggiorno dell'interessato, lo Stato membro ospitante, conformemente alla sua legislazione nazionale, agevola l'ingresso e il soggiorno delle seguenti persone:
a) ogni altro familiare, qualunque sia la sua cittadinanza, non definito all'articolo 2, comma 1, lettera b), se e' a carico o convive, nel paese di provenienza, con il cittadino dell'Unione titolare del diritto di soggiorno a titolo principale o se gravi motivi di salute impongono che il cittadino dell'Unione lo assista personalmente;
b) il partner con cui il cittadino dell'Unione abbia una relazione stabile debitamente attestata dallo Stato del cittadino dell'Unione.
3. Lo Stato membro ospitante effettua un esame approfondito della situazione personale e giustifica l'eventuale rifiuto del loro ingresso o soggiorno.

Siamo salvi!!! La madre, ovviamente, convive con il figlio italiano. Si applica, si applica!!!

Ribadisco che anche questo forum è un'accademia!!!

Un salutone,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Visto per familiare al seguito.   Oggi a 9:42 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Visto per familiare al seguito.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il Visto di Familiare al Seguito Per L'Italia, e Schengen?
» REALE TEMPISTICA visto per FAMILIARE AL SEGUITO
» Diniego visto Familiare al seguito
» visto per familiare al seguito (madre di mia moglie cittadina russa)
» Iscritto Aire/riconoscimento paternita'/visto familiare al seguito

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: