Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mar Feb 16, 2010 7:11 am

Buongiorno a tutti.
Io sono cittadina italiana e a giugno vorrei sposare il mio fidanzato indiano - in possesso di regolare permesso di soggiorno - in Italia.
Sono cattolica e abbiamo avviato le pratiche per il matrimonio interreligioso. Ora, per quello che richiede la chiesa e secondo le condizioni del matrimonio concordatario, servirebbe che l'ambasciata indiana rilasci il nulla osta consolare per il mio fidanzato.

Un funzionario dell'ambasciata ci ha però detto che il governo indiano non consente all'ambasciata di rilasciare questo nulla osta.
Ci hanno anche detto che come prima cosa i genitori del mio fidanzato dovrebbero procurarsi un Marriage Ability Certificate che deve essere rilasciato dal local district court (o qualcosa del genere) e poi apostillato dal Ministry of External Affairs. Credo che qui mi manchi un passaggio: questo documento dovrebbe poi costituire il nulla osta ed essere presentato all'ambasciata italiana a Delhi, prima di essere inviato qui da noi.

Ci hanno anche detto che l'ambasciata celebra matrimoni al suo interno, ma che questi non sono riconosciuti in Italia.
Io sono residente a Roma. C'è modo di produrre questo nulla osta direttamente in India e, se sì, dove dovrebbe essere tradotto?

Insomma... stiamo cercando di non dover andare fino in India per doverci sposare.
Spero di non aver fatto troppa confusione riguardo le informazioni che ho riportato.
Qualcuno può darci una mano?
Grazie mille, manupiedu
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mar Feb 16, 2010 5:16 pm

Un po¿ di confusione c'é. Intanto chiariamo un punto fondamentale: l'Ambasciata non puó rilasciare nessun nulla osta per i cittadini del Paese ospitato semmai legalizzare quello rilasciato dalle Autoritá competenti di quel Paese e certificare la sua traduzione in italiano.

Ora nel caso si tratti di un paese convenzionato per l'apposizione dell'apostilla, l'Ambasciata non serve piú e la traduzione solitamente si fa in Italia, magari da un traduttore della lista che si puó trovare in Tribunale. Nel suo caso quindi (non ho verificato se l'India effettivamente é firmataria della Convenzione dell'Aja per l'apostilla) basta quello che le hanno indicato, ossia un Marriage Ability Certificate che deve essere rilasciato dal local district court (o qualcosa del genere) e poi apostillato dal Ministry of External Affairs. Non manca nessun passaggio e l'ultima cosa da fare é farlo tradurre in italiano in Italia, anche come sopra descritto.

Specifichiamo sempre per la lotta del forum contro la disinformazione (di utenti o di P.A. o altre istituzioni), che il matrimonio celebrato in Ambasciata é certamente ed indubbiamente valido per l'Italia, mentre potrebbe non esserlo (come avviene in RD e forse in India) per il Paese ospitante, da qui l'impedimento nel caso si voglia far riconoscere il matrimonio anche nel Paese d'origine extracomunitario dell'altro coniuge (in Paesi UE questo disconoscimento é proibito).

Conclusione, sempre che tutto venga verificato soprattutto riguardo la partecipazione dell'India al trattato (qui in forum, nell'argomento APOSTILLE, trova un link apposito dove si puó verificare), non é certamente necessario un viaggio in India appositamente per questo a meno che le leggi locali non pretendano per loro disposizioni, che si possa richiedere solo dall'interessato senza possibilitá di delegare nessuno.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Feb 17, 2010 5:52 am

Gentile Guido, grazie infinite! Queste notizie sono molto rassicuranti.
Ho controllato se l'India sia firmataria della convenzione a cui si riferisce e sembra di sì (la lista che ho trovato io non coincide con quella pubblicata sul forum) http://hcch.e-vision.nl/index_en?act=conventions.status&cid=41
In ogni caso, adesso possiamo procedere secondo la procedura indicata.

Avrei solo un altro chiarimento: mi sembra di capire che questo Marriage Ability Certificate sia il documento richiesto dallo stato italiano perchè il matrimonio possa avere gli effetti civili nella repubblica italiana.
Lo stesso sarà anche valido come documento che consente al matrimonio di essere riconosciuto anche in India o a questo fine occorrerà seguire i requisiti del governo indiano?

Di nuovo grazie infinite!
Manuela

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Feb 17, 2010 2:32 pm

Riguardo la validitá e trascrizione in India, bisogna conoscere la legge Indiana sull'argomento, magari interpellando l'Ambasciata indiana in Italia o direttamente con le utoritá Indiane in loco /sarebbe anche meglio).

Riguardo il link da noi pubblicato, ho verificato io e l'India é firmataria della Convenzione per le apostille. Ha firmato il 26/10/2004 ed é vigente dal 14/07/2005.
Iceland7-IX-2004 28-IX-2004 R 27-XI-2004 1
India 26-X-2004 A** 14-VII-2005 1
Ireland29-X-1996 8-I-1999 R 9-III-1999 1
Iceland7-IX-2004 28-IX-2004 R 27-XI-2004 1
India 26-X-2004 A** 14-VII-2005 1
Ireland29-X-1996 8-I-1999 R 9-III-1999 1

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Gio Feb 18, 2010 5:00 am

Guido Baccoli ha scritto:
Specifichiamo sempre per la lotta del forum contro la disinformazione (di utenti o di P.A. o altre istituzioni), che il matrimonio celebrato in Ambasciata é certamente ed indubbiamente valido per l'Italia, mentre potrebbe non esserlo (come avviene in RD e forse in India) per il Paese ospitante, da qui l'impedimento nel caso si voglia far riconoscere il matrimonio anche nel Paese d'origine extracomunitario dell'altro coniuge (in Paesi UE questo disconoscimento é proibito).

Caro Guido, ciao.

La signora si riferiva (credo) al matrimonio eventualmente celebrato in un consolato indiano in Italia e non italiano in India.

Un matrimonio celebrato in un consolato italiano è ovviamente validissimo per l'Italia, ma i matrimni celebrati in un qualunque consolato straniero in Italia, haimè, non sono riconosciuti validi dall'Italia. Il motivo è dato da una non precisa formulazione di una delle nostre leggi, che ora non ricordo (DPR 396 o 445 del 2000, se non vado errato).

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Gio Feb 18, 2010 5:39 pm

Grazie Amedeo, mi ero accorto del qui pro quo. Non ho precisato di nuovo perché comunque, le due Ambasciate erano fuori gioco per la questione dell'apostilla.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Ven Apr 16, 2010 7:32 am

Gentile Guido,

Finalmente siamo riusciti ad ottenere quello che in India è chiamato AFFIDAVIT, che corrisponde al NULLA OSTA per il mio futuro sposo di contrarre matrimonio secondo le regole del suo paese.

Per quanto riguarda la traduzione, un'avvocato mi ha detto che chiunque potrebbe fare la traduzione e presentarla ad un cancelliere con dichiarazione di fedeltà della stessa. Potrebbe gentilmente confermarmi che questa è la regola? A questo punto, quale dovrebbe essere il ruolo dell'ambasciata Indiana? Bisogna richidere loro una qualche autorizzazione o si può direttamente andare avanti con il Vicariato?

Molte grazie, Manuela
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Ven Apr 16, 2010 11:07 am

Di solito la PA italiana accetta traduzioni fatte da traduttori giurati di un tribunale italiano,ma come disse Guido chiunque puó giurare che la traduzione sia fedele.Peró di solito,comuni e prefetture,vogliono anche che il traduttore sia iscritto all'albo professionale...Provi a vedere se l'accettano cosí,fatta da lei,se no basta farsi dare la lista in cancelleria del tribunale dei traduttori giurati e cosí va sul sicuro.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Ven Apr 16, 2010 11:15 am

Grazie infinite!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Sab Apr 17, 2010 6:21 am

Buongiorno a tutti.

Stamattina ho parlato con il vescovo del vicariato di Roma che mi ha detto che l'AFFIDAVIT rilasciato dalle autorità competenti indiane NON E' SUFFICIENTE a contrarre matrimonio in italia.
Ha detto che quello che serve è un NULLA OSTA rilasciato dal CONSOLATO INDIANO a Roma che indichi l'assenza di impedimenti a celebrare il matrimonio sul territorio italiano in conformità all'articolo 116 del codice civile.

Sul sito http://www.meltingpot.org/articolo588.html (di cui non conosco l'autorevolezza) è invece indicato che:
Con "il nulla osta al matrimonio (e il certificato di nascita) (...) tradotti e legalizzati presso l’ambasciata italiana nel paese di provenienza, è possibile richiedere le pubblicazioni per il matrimonio".

Insomma: da dove deve essere fatto questo documento?

Il fatto è che in ambasciata ci avevano detto che il governo indiano non li autorizzava a rilasciare questi nulla osta.

Il tempo è poco e la distanza tanta. Vorrei sapere cosa dire ai miei suoceri: se devono mandarci questo AFFIDAVIT, o se con questo, devono recarsi in ambasciata italiana e farsi rilasciare lì il nulla osta. Se il consolato qui non lo emette, come possiamo fare?

Come in ogni burocrazia che si rispetti, non c'è chiarezza... ma noi vorremmo tanto sposarci!

grazie mille per il vostro aiuto!
Manuela
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Sab Apr 17, 2010 5:04 pm

manupiedu ha scritto:
Buongiorno a tutti.

Stamattina ho parlato con il vescovo del vicariato di Roma che mi ha detto che l'AFFIDAVIT rilasciato dalle autorità competenti indiane NON E' SUFFICIENTE a contrarre matrimonio in italia.
Ha detto che quello che serve è un NULLA OSTA rilasciato dal CONSOLATO INDIANO a Roma che indichi l'assenza di impedimenti a celebrare il matrimonio sul territorio italiano in conformità all'articolo 116 del codice civile.

Sul sito http://www.meltingpot.org/articolo588.html (di cui non conosco l'autorevolezza) è invece indicato che:
Con "il nulla osta al matrimonio (e il certificato di nascita) (...) tradotti e legalizzati presso l’ambasciata italiana nel paese di provenienza, è possibile richiedere le pubblicazioni per il matrimonio".

Insomma: da dove deve essere fatto questo documento?

Il fatto è che in ambasciata ci avevano detto che il governo indiano non li autorizzava a rilasciare questi nulla osta.

Il tempo è poco e la distanza tanta. Vorrei sapere cosa dire ai miei suoceri: se devono mandarci questo AFFIDAVIT, o se con questo, devono recarsi in ambasciata italiana e farsi rilasciare lì il nulla osta. Se il consolato qui non lo emette, come possiamo fare?

Come in ogni burocrazia che si rispetti, non c'è chiarezza... ma noi vorremmo tanto sposarci!

grazie mille per il vostro aiuto!
Manuela

Questo Nulla-Osta può essere rilasciato dlle autorità straniere sia in patria che tramite il loro consolato. In patria spesso non sanno cosa scrivere, mantre il consolato lo sa perfettamente. Il 90% dei Nulla-Osta proviene quindi dai consolati e gi addetti alle pubblicazioni di matrimonio conoscono spesso solo quelli. In tale situazione spesso rifiutano i nulla-osta rilasciati in patria, ma questo rifiuto è illegittimo se sul certificato è indicato: "per le leggi nazionali non sono stati rilevati impedimenti al matrimonio con uno straniero (oppure con Xxxx Yyyy)". Questo Nulla-Osta dovrà, però, essere apostillato in patria (e per l'India mi pare di ricordare che serve l'apostille avendo aderito alla convenzione dell'Aja) e tradotto. Se il paese non ha aderito alla convenzione dell'Aia, allora andrà legalizzato anche dal consolato italiano in loco.

Se è tutto a posto ed il vicariato pone ancora questioni, cambi ... vicariato o scelga un matrimonio civile.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Sab Apr 17, 2010 6:47 pm

manupiedu ha scritto:
Buongiorno a tutti.

Stamattina ho parlato con il vescovo del vicariato di Roma che mi ha detto che l'AFFIDAVIT rilasciato dalle autorità competenti indiane NON E' SUFFICIENTE a contrarre matrimonio in italia.
Ha detto che quello che serve è un NULLA OSTA rilasciato dal CONSOLATO INDIANO a Roma che indichi l'assenza di impedimenti a celebrare il matrimonio sul territorio italiano in conformità all'articolo 116 del codice civile.

Sul sito http://www.meltingpot.org/articolo588.html (di cui non conosco l'autorevolezza) è invece indicato che:
Con "il nulla osta al matrimonio (e il certificato di nascita) (...) tradotti e legalizzati presso l’ambasciata italiana nel paese di provenienza, è possibile richiedere le pubblicazioni per il matrimonio".

Insomma: da dove deve essere fatto questo documento?

Il fatto è che in ambasciata ci avevano detto che il governo indiano non li autorizzava a rilasciare questi nulla osta.

Il tempo è poco e la distanza tanta. Vorrei sapere cosa dire ai miei suoceri: se devono mandarci questo AFFIDAVIT, o se con questo, devono recarsi in ambasciata italiana e farsi rilasciare lì il nulla osta. Se il consolato qui non lo emette, come possiamo fare?

Come in ogni burocrazia che si rispetti, non c'è chiarezza... ma noi vorremmo tanto sposarci!

grazie mille per il vostro aiuto!
Manuela
La meltingpot di solito é abbastanza affidabile (eccetto per qualche intervento poi da me immediatamente segnalato con un intervento personale).
Ci si mettono pure i Vescovi con tutto il rispetto per essere dei Ministri della Chiesa. Il vescovo si sbaglia, il certificato fatto all'estero, secondo le leggi di quel paese ed apostillato é piú che sufficiente. Chieda al Vescovo di consultare il suo Comune, dopo previa chiacchierata sua con l'UdSC, non con una segretaria o impiegato del Comune, bensí prorio l'UDSC. Se questo é al corrente della noramativa regolatrice le dará il suo assenso e potrá mettersi in comunicazione con il Vescovo o viceversa.

Il NUlla Osta seppure é il sistema piú usato é invece quello di rispaldo al certificato nello Stato stranieri, quando questo preveda un certificato o un suo sostituto, come in questo caso.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Sab Apr 17, 2010 7:04 pm

bostik ha scritto:
Di solito la PA italiana accetta traduzioni fatte da traduttori giurati di un tribunale italiano,ma come disse Guido chiunque puó giurare che la traduzione sia fedele.Peró di solito,comuni e prefetture,vogliono anche che il traduttore sia iscritto all'albo professionale...Provi a vedere se l'accettano cosí,fatta da lei,se no basta farsi dare la lista in cancelleria del tribunale dei traduttori giurati e cosí va sul sicuro.
Non lo dico io lo dice la legge e non esiste un albo dei traduttori, bensí solo una lista in Tribunale di traduttori giá asseverati (che non devono giurare ogni volta) Inoltre é previsto anche il giuramento davanti all'UdSC di un ''interprete'' (non esiste la figura giuridica e nemmeno l'albo; albo sia per i traduttori che per gli interpreti, che é rimasta una proposta di legge del 2001, mai approvata, chiedi conferma a straniera che grazie a questo mia precisazione gli ha migliorato la qualitá di vita e semplicitá di lavoro). Il riferimento é:

Riferimento legislativo DPR 396/2000
Art 12 ........omissisis.......

comma 12 Quando l'atto è scritto in lingua straniera, se ne trascrive la traduzione eseguita nel modo stabilito dall'articolo 22
Articolo 22 (Traduzione del contenuto di documenti)
1. Fermo restando quanto stabilito da convenzioni internazionali, i documenti scritti in lingua straniera devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana che deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autorità diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale o da un interprete che attesti con giuramento davanti all'ufficiale dello stato civile la conformità al testo straniero.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Lun Apr 19, 2010 5:12 am

Buongiorno a tutti.
Devo purtroppo confermare che il vescovo ha ragione.
Ho parlato con l'Ufficiale di Stato Civile del mio municipio a Roma, che mi ha confermato che il documento che noi abbiamo reperito NON E' SUFFICIENTE perchè la richiesta delle nostre pubblicazioni sia accettata.
A questo AFFIDAVIT, deve necessariamente essere accompagnato un NULLA OSTA rilasciato dal consolato indiano che indichi l'assenza di impedimenti a contrarre matrimonio in Italia.
Ora il consolato non rilascia questo documento, per cui il comune dovrà RIFIUTARE la nostra richiesta e noi dovremo PRESENTARE RICORSO AL TRIBUNALE (coerentemente con quanto indicato su http://www.meltingpot.org/articolo588.html)

Sono abbastanza scoraggiata.. la nostra data è tra due mesi...
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Lun Apr 19, 2010 6:28 am

Rispetto al commento di Amedeo, per completezza, riporto la mia traduzione del certificato ottenuto dai genitori del mio fidanzato in India. Confermo che questo certificato è stato Apostillato dal Ministero Affari Esteri (l'India ha aderito alla convenzione dell'Aia).
Ora, dato che il rifiuto sarebbe illegittimo, si può prevenire, o bisogna necessariamente ricorrere in tribunale?
Grazie, Manuela

"Affidavit – Certificato di Nulla Osta per Matrimonio

Il sottoscritto, Signor XXXXXX, con passaporto no. NNNNNN e la sottoscritta Signora YYYYYYY (nome da nubile: YYYYY), con passaporto no. NNNNNN, entrambi residenti in XXXXXXX, qui di seguito dichiarano che

nulla osta a che nostro figlio , XXXXXXXX con i seguenti dati:
passaporto indiano no NNNNNNNN rilasciato in Delhi
valido dal _________al _________
nato a _____, il _________
e residente in _______________ India

abbia chiesto in sposa la Sig.na XXXXXXXXXXXXX con i seguenti dati:
passaporto italiano no. XXXXXXXXX
valido dal _________al _________
nata a _____, il ____________
e residente in _________________ Roma
nome del padre: XXXXXXX
nome della madre: XXXXXXXXXXXX


Inoltre dichiariano solennemente e sinceramente che l’informazione sopra riportata è corretta e che non esiste alcun impedimento legale al loro matrimonio in quanto (a) nessuno dei due risulta legalmente sposato ad altri; (b) nessuno risulta in una relazione proibita; e (c) nessuno si trova in età non maritabile.

Firmato a New Delhi il 22 Marzo 2010"
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Lun Apr 19, 2010 3:44 pm

manupiedu ha scritto:
Rispetto al commento di Amedeo, per completezza, riporto la mia traduzione del certificato ottenuto dai genitori del mio fidanzato in India. Confermo che questo certificato è stato Apostillato dal Ministero Affari Esteri (l'India ha aderito alla convenzione dell'Aia).
Ora, dato che il rifiuto sarebbe illegittimo, si può prevenire, o bisogna necessariamente ricorrere in tribunale?
Grazie, Manuela

"Affidavit – Certificato di Nulla Osta per Matrimonio

Il sottoscritto, Signor XXXXXX, con passaporto no. NNNNNN e la sottoscritta Signora YYYYYYY (nome da nubile: YYYYY), con passaporto no. NNNNNN, entrambi residenti in XXXXXXX, qui di seguito dichiarano che

nulla osta a che nostro figlio , XXXXXXXX con i seguenti dati:
passaporto indiano no NNNNNNNN rilasciato in Delhi
valido dal _________al _________
nato a _____, il _________
e residente in _______________ India

abbia chiesto in sposa la Sig.na XXXXXXXXXXXXX con i seguenti dati:
passaporto italiano no. XXXXXXXXX
valido dal _________al _________
nata a _____, il ____________
e residente in _________________ Roma
nome del padre: XXXXXXX
nome della madre: XXXXXXXXXXXX


Inoltre dichiariano solennemente e sinceramente che l’informazione sopra riportata è corretta e che non esiste alcun impedimento legale al loro matrimonio in quanto (a) nessuno dei due risulta legalmente sposato ad altri; (b) nessuno risulta in una relazione proibita; e (c) nessuno si trova in età non maritabile.

Firmato a New Delhi il 22 Marzo 2010"

Per la legge italiana quanto riportato sopra non è un Nulla-Osta al matrimonio, dato che le dichiarazioni riportatevi non sono state effettuate da un organosmo nazionale indiano, ma da due privati cittadini.

Anche io potrei affermare, ma ovviamente me ne astengo (!!!???), che Guido Baccoli non ha alcun impedimento legale al matrimonio, far autenticare da notaio l'affermazione e farla successivamente apostillare. Non per questo la mia dichiarzione assumerebbe a valore di un Nulla-Osta al matrimonio valido ai sensi dell'art. 116 del codice civile italiano.

Occorre una apposita dichiarazione di un organismo statale indiano o del suo consolato.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mar Apr 20, 2010 12:52 pm

Amedeo puó avere ragione. In raltá bisogna verificare se lo Stato Indiano, considera o no un documento certificativo e legale quello rilasciato dall'Affidavit. Cosa che sembra (ed uso il condizionale non a caso) sia veritiera. Altrimenti l'Ambasciata Indiana in Italia non rilascerebbe il Nulla Osta con la presentazione di questo documento.

SAppiamo che a lei le hanno giá risposto di no, peró mi pare strano. D'altra parte anche in Rep Dominicana, lo stato civile di libertá di sposarsi, non esistendo anagraficamente, si fa anche qui per atto notarile pubblico sotto giuramento, per cui non sarebbero gli unici.


Purtroppo quando ci si scontra con le leggi degli altri Stati, é sempre abbastanza difficile riuscire ad avere notizie certe. Io riproverei con l'Ambasciata, mostrando il documento...insistendo che si informino...chissá. Altra mossa sarebbe quella di chiedere ad Affidavit, quale riconsocimento lo Stato Indiano da al loro atto ed ai sensi di quale legge. Non sarebbe male una ricrca in Internet su questo Affidavit, tralasciando il meltingpoot.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 12:11 am

Effettivamente, il c.d. affidavit rilasciato (o, meglio, formato) in alcuni Stati dell'Unione indiana non costituisce il c.d., impropriamente, nulla osta, stabilito dall'art. 116, comma 1 C.C., come necessario per la celebrazione in Italia del matrimonio da parte di cittadino dell'Unione indiana, in quanto non proviene da autorita' competenti di quello Stato.
Al più potrebbe consentire all'autorita' diplomatica/consolare indiana in Italia, di rilasciare una tale dichiarazione, il ché, per altro, non avviene, con la consequenza che, all'avvio del procedimento di c.d. pubblicazioni di matrimonio, non può che essere opposto rifiuto, contro il quale è ammesso ricorso al tribunale, che puo' accertare la sussistenza delle condizioni di capacità al matrimonio, con decreto, accertando la legge nazionale dello spopso in materia, nelle forme dell'art. 14 L. 31 maggio 1995, n. 218 e, conseguentemente, autorizzazione l'avvio del procedimento di pubblicazioni di matrimonio nei modi previsti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 4:37 am

Grazie a tutti per i commenti.

A questo punto pensiamo di procedere come segue:
1. chiameremo l'ambasciata indiana a Roma e verficheremo se l'AFFIDAVIT è sufficiente a loro per rilasciare un "nulla osta" secondo le leggi italiane (questa ovviamente sarebbe la soluzione ideale)
2. se loro rifiutano, dovremo comunque verificare che la corte locale possa rilasciare un documento "più autorevole" dell'AFFIDAVIT (noi abbiamo chiesto ai genitori del mio fidanzato di procurarsi un Marriage Ability Certificate e loro ci hanno mandato l'AFFIDAVIT.
3. Se non dovesse essere possibile recuperare un MARRIAGE ABILITY CERTIFICATE rilasciato "dall'autorità competente" dovremo necessariamente seguire la procedura indicata da Sereno. Solo mi chiedo, nella vostra esperienze, quanto tempo può portare via tutto questo?

grazie a tutti, Manuela
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
manupiedu



Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 16.02.10

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 6:22 am

aggiornamento: l'opzione 1 è esclusa.
proseguiamo con la 2.....
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 10:10 am

E' sempre difficile stimare i tempi dei tribunali, ma in alcuni i tempo non sono così insormontabili come altri giudizi, in materia civile.
Meglio se si "confeziona" bene il ricorso, ad esempio, presentando (anche fotocopie o simili (qualche tribunale ha accettato, come prova fornita attraverso la c.d. collaborazione delle parti, anche "stampe" delle norme ricavate dal web)) del codice civile indiano (o del singolo Stato dell'Unione indiana (*)) sulle condizioni previste localmente dala legge applicabile, in merito alla capacità al matrimonio o, se si vuole, alle condizioni, positive / negative, per contrarre matrimonio.

Nota (*): L'India è un'Unione, suddivisa in Stati. La materia matrimoniale per quanto (poco) noto dovrebbe essere "statale" e, inoltre, in materia di diritto delel persone e di famiglia, vigono (sembra) anche i c.d. "statuti personali", concetto poco noto in ambito europeo, ma presente in molti Stati in cui (ad esempio, per rimanere nella materia) non si fa riferimento ad una "legge nazionale", ma ad una legge in relazione allo statuto personale. Traduco, per così dire, con formulazioni forse anche poco precise, ma che possono far capire meglio il concetto (o almeno lo si spera): le persone di religione indù seguono le regole per il matrimonio indù, quelle islamiche le regole islamiche, quelle del popolo XYZ le norme materimoniali proprie del popolo XYZ, ecc.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 4:18 pm

Situazione analoga si è presentata la prima volta per la Cina. In Cina hanno abolito il certificato di stato libero e al suo posto adoperano una autocertificazione. Il fatto era dovuto alle frequenti omonimie locali che consentivano alla fine a diverse persone di sposarsi più volte senza aver ottenuto i precedenti divorzi.

Qualche settimana di panico, poi il governo ha stipulato un accordo per il rilascio da parte dei consolati cinesi di un Nulla-Osta al matrimonio sulla base di autocertificazioni degli interessati.

L'anno passato il problema si è ripresentato per il Brasile. Qualche settimana di panico, poi stesso accordo anche con lo stato brasiliano.

Dato che ora la situazione si ripresenta per l'India, io proverei a sollecitare (ferocemente, altrimenti non sentono!!!) il Ministero degli Esteri a dare una sistemata alla questione così come è stato già fatto per Cina e Brasile.

Mi sembra di ricordare, peraltro, che anche per gli USA si adopera una autodichiarazione di stato libero.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Mer Apr 21, 2010 9:57 pm

Sereno.SCOLARO ha scritto:
Effettivamente, il c.d. affidavit rilasciato (o, meglio, formato) in alcuni Stati dell'Unione indiana non costituisce il c.d., impropriamente, nulla osta, stabilito dall'art. 116, comma 1 C.C., come necessario per la celebrazione in Italia del matrimonio da parte di cittadino dell'Unione indiana, in quanto non proviene da autorita' competenti di quello Stato.
Al più potrebbe consentire all'autorita' diplomatica/consolare indiana in Italia, di rilasciare una tale dichiarazione, il ché, per altro, non avviene, con la consequenza che, all'avvio del procedimento di c.d. pubblicazioni di matrimonio, non può che essere opposto rifiuto, contro il quale è ammesso ricorso al tribunale, che puo' accertare la sussistenza delle condizioni di capacità al matrimonio, con decreto, accertando la legge nazionale dello spopso in materia, nelle forme dell'art. 14 L. 31 maggio 1995, n. 218 e, conseguentemente, autorizzazione l'avvio del procedimento di pubblicazioni di matrimonio nei modi previsti.
É quello che succede con l'atto notarile di dichiarazione pubblica giurata in Rep Dominicana. Ovviamente se l'Ambasciata dominicana non emetesse a presentazione di questo atto il relativo Nulla Osta, cosa che non si verifica (a parte un caso verificatosi a Cuba e da me sventata in forum), sarebbe un problema risolvibile solamente come lei ben spiega e specifica.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Sereno.SCOLARO
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 420
Data d'iscrizione : 02.03.08

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Gio Apr 22, 2010 12:46 am

Per gli USA vi è un accordo (Scambio di note) bi-laterale, ratificato (dall'Italia) con L. 13 ottobre 1965, n. 1195, che prevede la presentazione di 2 documenti.
A suo tempo, lo Scambio di note è intervenuto, avendosi presente che la materia matrimoniale è statale e non federale, ma anche che i singoli State non hanno soggettività di diritto internazionale (cioè con presupposti abbastanza difersi, anche sostanzialmente).
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
dieghe



Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 14.07.11

MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Gio Lug 14, 2011 1:08 pm

Ciao, ti riporto quello che ho già scritto sul forum di Tutto Stranieri, spero ti possa essere utile:

Sono un cittadino italiano e mi sono sposato a Roma il 2 luglio con una cittadina indiana. E' stata una vera odissea, te la racconto in poche righe.
Intanto mettiti l'anima in pace: l'ambasciata indiana non rilascia il nulla osta al matrimonio, in nessun caso.
Noi siamo andati in India, abbiamo fatto il famoso affidavit, che non è altro che un'autodichiarazione di essere di stato libero, e l'abbiamo fatta tradurre dall'inglese dall'ambasciata italiana in India, con relativi costi, timbri e firme.
Dopodiché, tornati a Roma, siamo andati all'ufficio matrimoni del mio Municipio di residenza per chiedere la pubblicazione dei nomi nelle liste comunali. La pubblicazione ci è stata ovviamente negata perché l'affidavit non è una dichiarazione governativa e quindi non può essere accettata. Il diniego è stato come da legge motivato formalmente con un documento. Con esso e l'affidavit abbiamo fattto ricorso al Tribunale di Roma, tramite avvocato di parte civile, e dopo circa 5 mesi il ricorso è stato accolto. Sono bastati "solo" 5 mesi perché fortunatamente la decisione viene presa in camera di consiglio da un giudice senza dibattimento. Al massimo, il giudice potrebbe convocare gli interessati se vuole indagare ulteriormente, ma dovresti essere proprio sfortunata e incontrare qualcuno particolarmente pignolo. Dopo altri due mesi di attesa per ritirare l'esito del ricorso dal Tribunale, siamo tornati al Municipio dove finalmente hanno acconsentito alla pubblicazione.

Spero di esserti stato di aiuto. Abbi fiducia e segui la strada che ti ho indicato...
Auguri!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare   Oggi a 6:21 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Matrimonio in Italia tra italiana e indiano regolare
» matrimonio in italia tra italiana iscritta aire in london e americano
» matrimonio in italia tra italiana e inglese
» REQUISITI LEGALI PER MATRIMONIO IN ITALIA(AUTRALIANO/INGLESE&ITALIANA)
» matrimonio in italia fra italiana e US, ritorno negli US

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: MATRIMONIO IN ITALIA :: COMMENTI, DISCUSSIONI E INFORMAZIONI :: IL MATRIMONIO IN ITALIA TRA UN CITTADINO ITALIANO E UNO EXTRACOMUNITARIO-
Andare verso: