Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 5:31 am



Salve, sono disperato cercando una spiegazione…

Vi racconto, ho invitato mia madre di 60 anni a farmi visita per 90 giorni, malgrado tutta la documentazione sia stata, a mio avviso corretta, il visto li è stato negato (decreto sicurezza).

Sono un cittadino cubano, sposato con una cittadina italiana da 8 anni, risiedo legalmente in Italia da 8 anni, sono in possesso di una carta di soggiorno, lavoro nella stesa azienda da 7 anni con un contratto a tempo indeterminato. Considero avere tutte le carte in regola per poter fare venire a mia madre farmi visita.



Nella mia disperazione ho spedito via mail a tutti gli indirizzi mail che ho trovato della ambasciata italiana all’Avana la lettera che vi allego. Cosa altro mi consigliate di fare?



Vi ringrazio in anticipo







Eccellentissimo signor ambasciatore





Con grande rammarico ho appreso ieri che a mia madre è stato negato il visto per motivi turistici che aveva chiesto per rendermi visita per un periodo di 90 giorni.



Mi rivolgo a Voi con la speranza di chiarire questo malinteso. Come è possibile che a una signora di 60 anni le sia negato un visto turistico?



Io mi considero un cittadino esemplare, un modello d’integrazione, sono sposato da otto anni con una cittadina italiana, sono in possesso di una carta di soggiorno (permesso di soggiorno lunga durata CE), ho un lavoro con contratto a tempo indeterminato, lavoro nella stessa azienda dal 2003, pago tutte le tasse, parlo ed scrivo l’italiano correttamente, i miei amici sono italiani, so pure fare la pasta al uovo, il limoncello e la cassata siciliana, parlo pure un po’ di siciliano…Ma sono anche un figlio esemplare; sono figlio unico e ciò mi spinge anche a essere un modello di figlio, accudisco i miei genitori in tutti i loro bisogni, provvedo in tutte le loro necessità.



Questo viaggio l’avevamo progettato da tempo, due anni fa avevo fatto venire mia nonna (madre di mia madre) quest’anno intendo fare venire mia madre e l’anno prossimo ho l’intenzione fare venire mio padre. Tutti loro, lo meritano perché se io sono la persona che sono è grazie a loro.



Non vedo alcuna ragione per cui a una signora di 60 anni, che ha un figlio unico, lontano, che non vede da tre anni, le possa essere stato negato un visto turistico. Mia madre ha pure viaggiato ben quattro volte in Francia (dipartimenti francesi d’oltremare) e non ha mai avuto nessun tipo d’intoppo, ancora a 60 anni lavora, anche se volendo potrebbe andare in pensione.



Non abbiamo capito ancora la ragione di questa risposta negativa perché non le è stato spiegato niente.



La prego vivamente di riconsiderare il suo caso.



Certo di una Vostra risposta, le porgo i miei più cordiali saluti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 8:50 am

cubitalo ha scritto:


Salve, sono disperato cercando una spiegazione…

Vi racconto, ho invitato mia madre di 60 anni a farmi visita per 90 giorni, malgrado tutta la documentazione sia stata, a mio avviso corretta, il visto li è stato negato (decreto sicurezza).

Sono un cittadino cubano, sposato con una cittadina italiana da 8 anni, risiedo legalmente in Italia da 8 anni, sono in possesso di una carta di soggiorno, lavoro nella stesa azienda da 7 anni con un contratto a tempo indeterminato. Considero avere tutte le carte in regola per poter fare venire a mia madre farmi visita.



Nella mia disperazione ho spedito via mail a tutti gli indirizzi mail che ho trovato della ambasciata italiana all’Avana la lettera che vi allego. Cosa altro mi consigliate di fare?



Vi ringrazio in anticipo







Eccellentissimo signor ambasciatore





Con grande rammarico ho appreso ieri che a mia madre è stato negato il visto per motivi turistici che aveva chiesto per rendermi visita per un periodo di 90 giorni.



Mi rivolgo a Voi con la speranza di chiarire questo malinteso. Come è possibile che a una signora di 60 anni le sia negato un visto turistico?



Io mi considero un cittadino esemplare, un modello d’integrazione, sono sposato da otto anni con una cittadina italiana, sono in possesso di una carta di soggiorno (permesso di soggiorno lunga durata CE), ho un lavoro con contratto a tempo indeterminato, lavoro nella stessa azienda dal 2003, pago tutte le tasse, parlo ed scrivo l’italiano correttamente, i miei amici sono italiani, so pure fare la pasta al uovo, il limoncello e la cassata siciliana, parlo pure un po’ di siciliano…Ma sono anche un figlio esemplare; sono figlio unico e ciò mi spinge anche a essere un modello di figlio, accudisco i miei genitori in tutti i loro bisogni, provvedo in tutte le loro necessità.



Questo viaggio l’avevamo progettato da tempo, due anni fa avevo fatto venire mia nonna (madre di mia madre) quest’anno intendo fare venire mia madre e l’anno prossimo ho l’intenzione fare venire mio padre. Tutti loro, lo meritano perché se io sono la persona che sono è grazie a loro.



Non vedo alcuna ragione per cui a una signora di 60 anni, che ha un figlio unico, lontano, che non vede da tre anni, le possa essere stato negato un visto turistico. Mia madre ha pure viaggiato ben quattro volte in Francia (dipartimenti francesi d’oltremare) e non ha mai avuto nessun tipo d’intoppo, ancora a 60 anni lavora, anche se volendo potrebbe andare in pensione.



Non abbiamo capito ancora la ragione di questa risposta negativa perché non le è stato spiegato niente.



La prego vivamente di riconsiderare il suo caso.



Certo di una Vostra risposta, le porgo i miei più cordiali saluti.

Caro amico,
Avete seguito la procedura per chiedere un visto turistico per familiare di cittadino UE ai sensi del dlgs.30/2007?Tua madre ha diritto a visitare te e tua moglie,in quanto parenti.Se avete fatto le pratiche per un visto turistico normale era quasi scontato che fosse negato...Dovete riprovare,presentando il tuo certificato di nascita legalizzato al Min.Rex. e tradotto in italiano e il tuo certificato di matrimonio trascritto presso il comune italiano dove abiti.Puó servire,anche se non servirebbe,una breve nota di tua moglie dove chiede un visto C1-C2 o C5(Visto Schengen con validitá di 1-2-5 anni,entrate multiple che consente soggiorni di max.90 gg. ogni 6 mesi) per la suocera.
Scrivere emails ai consolati serve a poco...meglio fax e raccomadate A/R con conoscenza al Ministero affari esteri ed alla commissione europea(Su internet trovi tutti gli indirizzi,basta fare un google)
Ciao
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 10:02 am

Innanzitutto grazie della vostra risposta



Io non sono ancora italiano, ho fatto la richiesta io e non a nome di mia moglie italiana, due anni fa avevo fato venire a mia nonna producendo l stesa e identica documentazione e non ho avuto nessun intoppo.



Al momento non ho ancora ricevuto nessuna risposta ai mail che avevo inviato il giorno 1 di marzo al ambasciatore, console e al ufficio visti della ambasciata italiana all’Avana… oggi ho invitato via fax la mia lettera di reclamo. Pensate che avrò qualche riscontro?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 10:16 am

Citazione :
...meglio fax e raccomadate A/R con conoscenza al Ministero affari esteri ed alla commissione europea

Avevo, giusto, giusto, trovato su questo sito il nome di alcune persone nel MAE a qui spedire delle raccomandate e adesso non le trovo più.

Buona idea, adesso nella prossima intervista che nel frattempo ho prenotato per mia madre per il 17 di Giunio, gli spedirò anche il certificato di matrimonio.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 10:49 am

Fondamentale dimostrare la parentela con certificato di matrimonio ed atto di nascita.É tua moglie che deve fare l'invito,per poter rientrare nei casi del dlgs.30/2007.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 11:19 am

Vi spiego, noi cubani dobbiamo anche fare una lettera d’invito nella ambasciata cubana €200,00 euri, (Cuba non scherza con i soldi) se la facevo io erano solo duecento, se l’avessi fatto a nome di mia moglie, avrei dovuto anche farla legittimare da un notaio… tanti altri soldini. Questa suddetta “lettera d’invito cubana” a validità di un anno. Ad oggi non posso ricominciare da capo perché perderei quei 200 euro, e dovrei spendere altri duecento per far fare un’altra a mia moglie più le spese dal notaio.



Per cui, grazie ai vostri consigli, chiederò in comune un certificato di matrimonio, che spedirò a mia madre da presentare con gli altri documenti già in suo potere.



Quello che non capisco, come mai se per mia nonna avevo prodotto gli stessi e identici documenti, non avevo avuto nessun problema?



A quanto pare, conta la età, ma cavolo, è mia madre e ha 60 anni, non è di sicuro una delinquente e pure gli hanno spedito il fatidico documento col decreto “sicurezza” a quanto pare tutto è giustificato con questo documento
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 11:22 am

Mia madre aveva presentato il mio certificato di nascita, e oltre ai documenti obbligatori, avevo inviato le mie tre ultime buste paga, e addirittura l'ultimo CUD in mio posseso
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 1:23 pm

guardate qua: http://www.ambasciatacuba.com/servizi.html
in giallo vedrete il costo della lettera d'invito "Cubana", prima costava 175 euro adesso sonno 200... e non credo si fermeranno lì[Sad!]
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 03, 2010 1:37 pm

adesso sono più tranquillo... grazie a voi, seguirò i vostri consigli... non mi fermerò finche mia madre non sia qua con me
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Gio Mar 04, 2010 7:22 am

Ho chiamato questa mattina al comune dove mi sono sposato, dato che non ci abito più lì, me lo spediscono via posta anche senza spendere una lira...gentilissimi.



Ho chiamato questa mattina al comune dove mi sono sposato, dato che non ci abito più lì, me lo spediscono via posta anche senza spendere una lira...gentilissimi.



Nel frattempo mi è anche arrivato il CUD 2010 che spedirò a mia madre, anche se avevo inviato prima quello del 2009 che, a quanto pare, è servito a ben poco.



Ma!!! Vediamo come finisce questa storia, vi terrò aggiornato.



Devo fare una bella e decisa lettera di motivazione facendo riferimento al dl 30/2007, mi date qualche dritta?

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3625
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Gio Mar 04, 2010 11:15 am

cubitalo ha scritto:
Ho chiamato questa mattina al comune dove mi sono sposato, dato che non ci abito più lì, me lo spediscono via posta anche senza spendere una lira...gentilissimi.



Ho chiamato questa mattina al comune dove mi sono sposato, dato che non ci abito più lì, me lo spediscono via posta anche senza spendere una lira...gentilissimi.



Nel frattempo mi è anche arrivato il CUD 2010 che spedirò a mia madre, anche se avevo inviato prima quello del 2009 che, a quanto pare, è servito a ben poco.



Ma!!! Vediamo come finisce questa storia, vi terrò aggiornato.



Devo fare una bella e decisa lettera di motivazione facendo riferimento al dl 30/2007, mi date qualche dritta?


Il CUD non serve.Un fac-simile di nota che puó scrivere tua moglie,potrebbe essere questo:

All'Ufficio visti-Cancelleria consolare di Avana (Cuba)

La sottoscritta xxxx,nata a xxxx,il xxxx,cittadina italiana,residente a xxxx,via xxxx,n. xxxx,tel. xxxx,
Chiede che sia concesso un visto turistico C1 o C2,per familiare di cittadino UE ad ingressi multipli ai sensi dlgs.30/2007 per la propria suocera,la Sig.ra XXXX,nata a XXXX,il XXXX,cittadina cubana,residente a XXXX,calle XXXX,n.XX,tel.XXXX.
Il tutto in virtú del diritto sancito dalla direttiva europea 38/2004/CE e recepito dall'Italia con il dlgs.30/2007,che sottolinea il diritto che il familiare extra-UE ha di ricongiungersi o anche solo visitare il proprio congiunto comunitario.
Si allega una fotocopia di un documento d'identitá della sottoscritta,l'atto di matrimonio celebrato a XXXX in data XXXX, e trascritto presso il comune italiano di XXXX tra la sottoscritta ed il cittadino cubano XXXX,nato a XXXX e l'atto di nascita legalizzato e tradotto del coniuge della sottoscritta.
Con osservanza,

Firma
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Gio Mar 04, 2010 11:54 am

Grazie.... bostik,
Sai, ho appena letto per intero il dl 30/2007 e mi sono reso conto di quante violazione subiamo ogni giorno
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Gio Mar 04, 2010 10:03 pm

Non vorrei essere il guastafeste di turno peró purtroppo negli ultimi anni anche la tendenza del TAR é cambiata radicalmente, sia per le motivazioni che perfino la visita di familiari stretti ed ancor di piú per motivi affettivi. Sembra che la tendenza del TAR si sia adeguata alla politica di restrizioni estrema che é in atto addirittura anche per chi ha diritto ad un visto (perfino matrimoni).
Riporto qui una sentenza e ce ne sono tante altre, che fa cadere le braccia a chiunque:
T.A.R. Lazio Roma, sez. I, 14 dicembre 2006, n. 14489
I coniugi Rebujio Euquirio e Benauro in Rebujio Clarina, genitori della ricorrente (residente in Italia con regolare permesso di soggiorno) sono residenti nelle Filippine e, nel mese di marzo del 2000, hanno presentato richiesta di visto per turismo.
......omissis....
il ricorso è infondato.
In via preliminare, il Collegio ritiene opportuno richiamare la normativa in materia.
Il D.Lgs. 25-7-1998 n. 286 reca il .
In particolare, l'art. 4 è relativo all'ingresso nel territorio dello Stato e prevede, tra l'altro, che l'autorità diplomatica o consolare comunica il diniego allo straniero in lingua a lui comprensibile, o, in mancanza, in inglese, francese, spagnolo o arabo. In deroga a quanto stabilito dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, per motivi di sicurezza o di ordine pubblico il diniego non deve essere motivato, salvo quando riguarda le domande di visto presentate ai sensi degli articoli 22, 24, 26, 27, 28, 29, 36 e 39>.Inoltre, il d.P.R. 31-8-1999 n. 394 contiene il .
In particolare, l'art. 5 detta le modalità precise per il rilascio dei visti di ingresso.Sempre in via preliminare, si ritiene necessaria una ulteriore premessa a livello di sintetico inquadramento generale delle possibilità di ingresso degli stranieri nel Paese.
Il nostro sistema, da un lato, prevede il riconoscimento e la tutela del diritto di asilo (come diritto assoluto che si correla alle situazioni di fuga dalle condizioni di persecuzione) ma non contempla un corrispondente diritto di immigrazione inteso come soluzione a condizioni economiche insopportabili o rivolto ad un incremento del proprio benessere.Pertanto, è ragionevole affermare che l'ammissione dell'immigrato nel territorio dello Stato - oltre che fondarsi prioritariamente sulla convenienza del paese d'arrivo - risulta recessiva rispetto alla prevalente esigenza di tutela della sicurezza. È assolutamente incontestato che, negli ultimi anni, l'ingresso per turismo e il prolungamento illegale del soggiorno hanno costituito uno dei meccanismi di elusione delle norme sull'accesso al lavoro.Tanto premesso, da una attenta lettura della normativa in materia si evince chiaramente che, nei casi di richiesta di visto per turismo, la normativa vigente esonera - espressamente - l'amministrazione dall'obbligo motivazionale in ragione della tutela di esigenze di sicurezza della collettività.
Inoltre, il Collegio condivide pienamente le osservazioni svolte in replica da controparte in relazione al rischio migratorio sussistente nella specie.
In conclusione, il ricorso deve essere respinto.
Sussistono giuste ragioni per la compensazione delle spese del presente giudizio.
Dalla linea dell'arbitrarietá che il TAR aveva preso é passato ad una linea opposta e mi pare che addirittura si vogli anche speculare sulle intenzioni, mentre 300 clandestini stanno essendo premiati, regolarizzati, manca solo che li si nomini anche Cavalieri della Repubblica.
Violatorio certamente del diritto all'unitá familiare, anche inteso come semplice diritto di visita, ho notato che invece la Corte UE continua a difendere questa unitá, per cui adesso pare non basti il TAR, bensí si deva ricorrere anche alla Corte UE. Povera italia!!!!

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Amedeo
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 1613
Età : 67
Data d'iscrizione : 14.06.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Ven Mar 05, 2010 12:57 pm

Guido Baccoli ha scritto:
Non vorrei essere il guastafeste di turno peró purtroppo negli ultimi anni anche la tendenza del TAR é cambiata radicalmente, sia per le motivazioni che perfino la visita di familiari stretti ed ancor di piú per motivi affettivi. Sembra che la tendenza del TAR si sia adeguata alla politica di restrizioni estrema che é in atto addirittura anche per chi ha diritto ad un visto (perfino matrimoni).
Riporto qui una sentenza e ce ne sono tante altre, che fa cadere le braccia a chiunque:
T.A.R. Lazio Roma, sez. I, 14 dicembre 2006, n. 14489
I coniugi Rebujio Euquirio e Benauro in Rebujio Clarina, genitori della ricorrente (residente in Italia con regolare permesso di soggiorno) sono residenti nelle Filippine e, nel mese di marzo del 2000, hanno presentato richiesta di visto per turismo.
......omissis....
il ricorso è infondato.
In via preliminare, il Collegio ritiene opportuno richiamare la normativa in materia.
Il D.Lgs. 25-7-1998 n. 286 reca il .
In particolare, l'art. 4 è relativo all'ingresso nel territorio dello Stato e prevede, tra l'altro, che l'autorità diplomatica o consolare comunica il diniego allo straniero in lingua a lui comprensibile, o, in mancanza, in inglese, francese, spagnolo o arabo. In deroga a quanto stabilito dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, per motivi di sicurezza o di ordine pubblico il diniego non deve essere motivato, salvo quando riguarda le domande di visto presentate ai sensi degli articoli 22, 24, 26, 27, 28, 29, 36 e 39>.Inoltre, il d.P.R. 31-8-1999 n. 394 contiene il .
In particolare, l'art. 5 detta le modalità precise per il rilascio dei visti di ingresso.Sempre in via preliminare, si ritiene necessaria una ulteriore premessa a livello di sintetico inquadramento generale delle possibilità di ingresso degli stranieri nel Paese.
Il nostro sistema, da un lato, prevede il riconoscimento e la tutela del diritto di asilo (come diritto assoluto che si correla alle situazioni di fuga dalle condizioni di persecuzione) ma non contempla un corrispondente diritto di immigrazione inteso come soluzione a condizioni economiche insopportabili o rivolto ad un incremento del proprio benessere.Pertanto, è ragionevole affermare che l'ammissione dell'immigrato nel territorio dello Stato - oltre che fondarsi prioritariamente sulla convenienza del paese d'arrivo - risulta recessiva rispetto alla prevalente esigenza di tutela della sicurezza. È assolutamente incontestato che, negli ultimi anni, l'ingresso per turismo e il prolungamento illegale del soggiorno hanno costituito uno dei meccanismi di elusione delle norme sull'accesso al lavoro.Tanto premesso, da una attenta lettura della normativa in materia si evince chiaramente che, nei casi di richiesta di visto per turismo, la normativa vigente esonera - espressamente - l'amministrazione dall'obbligo motivazionale in ragione della tutela di esigenze di sicurezza della collettività.
Inoltre, il Collegio condivide pienamente le osservazioni svolte in replica da controparte in relazione al rischio migratorio sussistente nella specie.
In conclusione, il ricorso deve essere respinto.
Sussistono giuste ragioni per la compensazione delle spese del presente giudizio.
Dalla linea dell'arbitrarietá che il TAR aveva preso é passato ad una linea opposta e mi pare che addirittura si vogli anche speculare sulle intenzioni, mentre 300 clandestini stanno essendo premiati, regolarizzati, manca solo che li si nomini anche Cavalieri della Repubblica.
Violatorio certamente del diritto all'unitá familiare, anche inteso come semplice diritto di visita, ho notato che invece la Corte UE continua a difendere questa unitá, per cui adesso pare non basti il TAR, bensí si deva ricorrere anche alla Corte UE. Povera italia!!!!

Io evidenzio due fatti, però.

1) Si tratta di visita di stranieri a stranieri e non stranieri a familiari cittadini italiani o della UE.
2) Probabilmente gli stranieri che quì risiedevano in quanto rifugiati politici.

Secondo me, per il diritto di visita di familiari di cittadini italiani o della UE, non cambia nulla.

Un saluto,

_________________
Amedeo Intonti

Autore di:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
reperibili su www.edizionidellimpossibile.com

solo per casi riservatissimi, e-mail: amedeointonti@burocraziaconsolare.com
indice generale: http://www.burocraziaconsolare.com/amedeo-f80/indice-generale-di-amedeo-t767.htm#4762
Difensore Civico di www.tuttostranieri.it/forum/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Ven Mar 05, 2010 1:00 pm

alla faccia di tutti, ma qualcuno li deve proprio fermare
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Gianfranco Di Siena
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 7
Località : Milano, corso Buenos Aires 45
Data d'iscrizione : 23.01.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Sab Mar 06, 2010 5:39 am

Gli art. 2 – 3 del decreto legislativo 30/2007 così
recitano:






“” Art. 2
Definizioni

1. Ai fini del presente decreto legislativo, si intende per:
a) «cittadino dell'Unione»: qualsiasi persona avente la cittadinanza di uno
Stato membro;
b) «familiare»:
1) il coniuge;

2) il partner che abbia contratto con il cittadino dell'Unione un'unione
registrata sulla base della legislazione di uno Stato membro, qualora la
legislazione dello Stato membro ospitante equipari l'unione registrata al
matrimonio e nel rispetto delle condizioni previste dalla pertinente
legislazione dello Stato membro ospitante;

3) i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e quelli del
coniuge o partner di cui alla lettera b);

4) gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge o partner di cui alla
lettera b);
c) «Stato membro ospitante»: lo Stato membro nel quale il cittadino dell'Unione
si reca al fine di esercitare il diritto di libera circolazione o di soggiorno.


Art. 3
Aventi diritto

1. Il presente decreto legislativo si applica a qualsiasi cittadino dell'Unione
che si rechi o soggiorni in uno Stato membro diverso da quello di cui ha la
cittadinanza, nonché
ai suoi familiari ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera b), che
accompagnino o raggiungano il cittadino medesimo.

2. Senza pregiudizio del diritto personale di libera circolazione e di
soggiorno dell'interessato lo Stato membro ospitante, conformemente alla sua
legislazione nazionale, agevola l'ingresso e il soggiorno delle seguenti
persone:
a) ogni altro familiare, qualunque sia la sua cittadinanza, non definito
all'articolo 2, comma 1, lettera b) se è a carico o convive, nel paese di
provenienza, con il cittadino dell'Unione titolare del diritto di soggiorno a
titolo principale o se gravi motivi di salute impongono che il cittadino
dell'Unione lo assista personalmente;
b) il partner con cui il cittadino dell'Unione abbia una relazione stabile
debitamente attestata dallo Stato del cittadino dell’Unione.

3. Lo Stato membro ospitante effettua un esame approfondito della situazione
personale e giustifica l'eventuale rifiuto del loro ingresso o soggiorno.””

Nel caso in esame la suocera extraUE di cittadina italiana ha diritto di
ingresso e soggiorno in Italia se la stessa è a carico. In caso contrario, però, se gravi motivi di salute impongono che la
nuora italiana la assista personalmente;
lo Stato membro ospitante ( l’ Italia ) effettua un esame approfondito della
situazione personale e giustifica l'eventuale rifiuto del suo ingresso o
soggiorno Se
non ricorrono tali circostanze, non può applicarsi il decreto legislativo
30/2007. Sarà applicabile la normativa di cui al Testo Unico e quindi vi sarà
l’ ampia discrezionalità .per la concessione del visto di ingresso in Italia
per turismo.

_________________
Avv. Gianfranco Di Siena
Corso Buenos Aires, n. 45
Milano
Tel/Fax: 02-29531935
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Lun Mar 08, 2010 6:38 am

Allora, dato che comunque mia madre e mio padre sono a carico mio già che ogni mese da quando sono qua (8 anni) invio loro una somma di denaro, dato i salari bassi del mio paese, fornirò prove di questo e faro fare a un notaio una dichiarazione giurata di tutto ciò da presentare assieme a la documentazione da fornire alla ambasciata italiana all’Avana.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Gianfranco Di Siena
Moderatore
Moderatore


Numero di messaggi : 7
Località : Milano, corso Buenos Aires 45
Data d'iscrizione : 23.01.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Lun Mar 08, 2010 9:03 am

Chiedi espressamente alla ambasciata italiana all' Avana la documentazione che ritengono necessaria.

_________________
Avv. Gianfranco Di Siena
Corso Buenos Aires, n. 45
Milano
Tel/Fax: 02-29531935
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Lun Mar 08, 2010 9:51 am

non si danno neanche la briga di rispondere, ne a mail ne a fax.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Lun Mar 08, 2010 4:45 pm

e fosse l'unica!!!!! Comunque mandagli un fax che ha valore legale, e lo fai seguire da una raccomandata a/r.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mar Mar 09, 2010 7:41 am

Ho già spedito due fax in date diverse, ma NIENTE, non rispondono, secondo me, si credono gli Dei dell'Olimpo.

Nel frattempo ho fissato un nuovo appuntamento per mia madre. Spero che questa volta, con tutta la documentazione che sto inviando, più il DL 30/2007, più il certificato di matrimonio, non avrà nessun problema ad avere il visto.

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mar Mar 09, 2010 5:55 pm

Ad istanza scritta di informaizni , devono rispondere entro trenta giorni. Se sono giá passati, rimandagli un altro fax di diffida con richiesta di risposta in 48 ore, pena la denuncia alla Procura della Repubblica per omissioni di atti di ufficio, richiesta danni e ricorso a varrie istituzioni, inclusa la Corte dei Conti e non ci pensare due volte; il delitto penale in questo caso, é automatico.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 10, 2010 5:51 am

beh, ancora non sono passati i trenta giorni. Ma questa storia mi sa che sarà più lunga....
Purtroppo tanta gente si stanca prima, e lascia perdere, questa è una delle ragioni per cui le ambasciate continuano a fare il cavolo che gli pare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore


Numero di messaggi : 2756
Età : 64
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Mer Mar 10, 2010 10:43 pm

Bene e voi connazionali continuate a stancarvi di ottenere i vostri diritti e cosí le Ambasciate e le P.A. in generale, peggioreranno sempre di piú ed allora.....non lamentatevi e non chiedete consigli legali.

Scusami la franchezza e la durezza, ma cosí agendo e pensando torneremo ben presto all'etá del medioevo dove noi cittadini saremo i ''villani'' e le P.A. e loro anche semplici impiegati, i nobili cortigiani. A quel punto lo avremo voluto e per di piú ce lo meritiamo.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

Esclusivamente per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo a guidobaccoli@hotmail.com
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
cubitalo



Numero di messaggi : 48
Località : Siracusa
Data d'iscrizione : 02.03.10

MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Gio Mar 11, 2010 5:06 am

Guido Baccoli non parlavo proprio di me, le cose che faccio le faccio fino in fondo e a maggior ragione se sono della parte della ragione.
Io che sono straniero in Italia difendo i miei diritti con le mani e con i denti, innanzi tutto perché sono i miei diritti, e secondo perché credo di meritarli perché mi considero un esempio di cittadino completamente integrato in questa società.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre   Oggi a 10:23 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Appello d’un figlio disperato per il visto de sua madre
» riconoscimento prenatale padre italiano madre etiope residenti dubai
» visto per un domenicano in attesa di un figlio in italia
» visto complesso
» visto per figlia di mia moglie

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: ITALIANI ALL'ESTERO :: BUROCRAZIA E ATTI CONSOLARI :: IL VISTO-
Andare verso: