Italiani all'Estero e Stranieri in Italia

Consolato, Ambasciata, Matrimonio all'estero, Divorzio all'Estero, divorzio rapido, divorzio al vapore, Stranieri in Italia, Matrimoni misti, sposarsi all'estero, divorziarsi all'estero. REPUBBLICA DOMINICANA
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
Età : 65
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   Mer Apr 02, 2008 1:01 am

IL SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA COME ASSENSO O RIFIUTO?
Anche chi non é pratico o addetto ai lavori, ha sentito almeno una volta, che il silenzio/inerzia di un'amministrazione pubblica, che non risponde o compie un atto richiesto nei tempi concessi dalla legge, per il cittadino italiano (sia all'estero che in Patria) o anche l'extracomunitario legalmente residente in Italia, il silenzio significa assenso (silenzio assenso della P.A..
Molti altri sanno e credono che, in caso di messa in mora o diffida ad adempiere all'Amministrazione Pubblica, si interrompano i termini per un eventuale ricorso al TAR.

Ebbene, cancellate queste tranquillitá e sicurezze, visto che lo stesso TAR, ha stravolto, aggiungendo giurisprudenza alla nuova normativa del 2005, la certezza del diritto del cittadino, che si trova davanti al silenzio dell'amministrazione pubblica.
Riassumendo in poche parole il TAR nel 2007, ha sentenziato:

  1. il silenzio della P.A. può non significare assenso, ma rigetto o rifiuto;
  2. qualsiasi messa in mora o diffida ad adempiere alle quali non si ha avuto risposta, non interrompe i termini di legge per poter ricorrere giudizialmente;
  3. se il silenzio continua bisogna ricorrere entro i termini consentiti per quello specifico atto amministrativo.

con la conclusione che se ci si distrae, si puó rimane con un pugno di mosche in mano, senza poter chiedere giustizia, rimanendo salvo (meno male) il diritto di richiedere ex novo l'atto amministrativo.
In realtá il TAR ha applicato la modificazione dell'art. 2 della legge n. 241/1990 sulla trasparenza amministrativa, come modificato dal D.L. 35/2005 art.2. che detta:
Art. 2.
1. All'articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, dopo il comma 4, è aggiunto il seguente:
«4-bis. Decorsi i termini di cui ai commi 2 o 3, il ricorso avverso il silenzio, ai sensi dell'articolo 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, e successive modificazioni, può essere proposto anche senza necessità di diffida all'amministrazione inadempiente fin tanto che perdura l'inadempimento e comunque non oltre un anno dalla scadenza dei termini di cui ai commi 2 o 3. È fatta salva la riproponibilità dell'istanza di avvio del procedimento ove ne ricorrano i presupposti».
Stiamo assistendo da diversi anni a norme salva ambasciate (vedi diniego visto di turismo senza motivazione scritta ne' orale, in deroga alla 241/90) e norme salva P.A. (DL .15 2005), che diminuiscono sempre piú la certezza del diritto, giá tanto debole e poco applicata anche quando la tendenza del legislatore era a favore di una TRASPARENZA AMMINISTRATIVA E semplificazione degli atti a protezione dell'utente cittadino.
Purtroppo la 241/90 (Trasparenza della P.A. e semplificazione degli atti) non solo non ha avuto un seguito positivo e migliorativo se non in alcuni punti, ma al contrario, ci troviamo davanti a legislatori che camminando contro corrente, protteggono una giá di per se abbastanza lenta, troppo spesso arbitraria, ma soprattutto forte del potere, P.A..
Non é mia abitudine commentare in questo modo le leggi, ma ogni tanto permettete uno sfogo anche a me.
Queste sentenze potrebbero portare a un peggioramento degli arbitri se non, ancor peggio abusi, davanti al quale l'utente o ha soldi per ricorrere al tribunale e pagare un avvocato, altrimenti si vede costretto a subire.
Gli interrogativi sono tanti e non di poco conto, con le conseguenze disastrose soprattutto riguardanti certi atti come il PDS o la Carta di Soggiorno, il nulla osta per ricongiungimento familiare e anche il decreto di cittadinanza per matrimonio, senza contare quello giá disastrato, calpestato e ignorato, diritto alla cittadinanza per ius sanaguinis.

Tutto negativo? No!!!!
Direi che la mia é solo informazione e formazione di coscienze.
Il cittadino e anche l'extracomunitario regolaremente residente in Italia, DEVE essere avvisato di questo nuovo ''salvagente'' gettato alla P.A. inadempiente.
Per fortuna non tutte le P.A. loro impiegati e funzionari hanno approfittato e meno penso e credo aprofitteranno, di questi ''salvagenti'', adesso.
Nelle nostre P.A., ci sono persone serissime, diligenti e coscienti e ne conosco molte anche personalmente, ma che succede per i scaldasedie che mettono in gravi problemi l'utente? Tanto non gli si puó fare niente e rimane li a prescindere dalla sua efficienza o meno.
Che fare quindi davanti all'iscrupoloso dipendente o responsabile dell'atto amminitrativo, della P.A.?
Dopo le cattive notizie quelle buone, sempre ci sia la volontá civica; che fare davanti ad una situazione tanto critica e non protetta?

Per cominciare ritorno sul concetto da capire bene, quando ci si trova violato un diritto soggettivo, oggettivo o si ha solamente un interesse leggittimo.
Le differenze e i rimedi giudiziali, li ho giá spiegate qui: Visto di Turismo per familiari .
Davanti ad una violazione di un interesse leggittimo (vedi visto di Turismo non richiesto da un familiare), l'unica possibilitá é solamente il ricorso al TAR, ma per la violazione di un diritto soggettivo o ancor peggio oggettivo abbiamo i Tribunali e secondo il caso, anche la Procura della Repubblica.
A voi le domande e i dubbi.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.


Ultima modifica di Guido Baccoli il Sab Set 05, 2009 6:28 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
Età : 65
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: RIMEDIA LLA SENTENZA A FAVORE DELLA POTENTE P.A. IL CONSIGLIO DI STATO   Lun Nov 24, 2008 9:45 pm

Importantissima decisione del Consiglio DI Stato, CHE RIPRISTINA IL CONCETTO A LA NON INTERPRETAZIONE DEL SILENZIO RIFIUTO DELLA P.A.


Fonte IPSOA: fare click qui La dimensione dell'inerzia, identificabile come condotta antigiuridica dell'Amministrazione è rapportabile a fattispecie anche diverse dal mero avvio di procedure su istanze di parte, come nell'ipotesi nella quale da un'attività auto-organizzativa degli apparati pubblici dipenda il perseguimento di un beneficio accordato in via legislativa.
Con sentenza n. 6169 del 25 giugno 2008, la Sezione 3° bis del T.A.R. del Lazio respingeva il ricorso proposto per la declaratoria del silenzio rifiuto del Ministero dell’università in ordine all’emanazione del decreto istitutivo dei “corsi su pazienti”, prodromici al riconoscimento dell’equipollenza del diploma di laurea in scienze
Le ricorrenti proponevano appello.
Il Consiglio di Stato, Sez. VI, ha accolto l’appello.
Richiamata la norma applicabile al caso di specie (art. 1 septies del D.L. 5.12.2005, n. 250, secondo cui “il diploma di laurea in scienze motorie è equipollente al diploma di laurea in fisioterapia, se il diploma abbia conseguito attestato ad idoneo corso su paziente, da istituirsi con decreto ministeriale presso le università”), detto giudice ha osservato che al riconoscimento di equipollenza dei citati titoli di studio corrisponde un interesse legittimo degli interessati all’attivazione, la cui istituzione è demandata alle università con un margine di discrezionalità riferibile ai tempi tecnici occorrenti e alle modalità dell’attivazione, ma non anche alla scelta di istituzione, o meno, dei corsi in questione.

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
LUCIANI LUCIANO



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 02.05.11

MessaggioTitolo: Re: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   Lun Mag 02, 2011 1:04 pm

Gent.mo Dott. Bacoli,
ho chiesto a due diverse Ambasciate (per due diversi clienti) il rilascio della certificazione di veridicità ex art. 79 comma 2° DPR 30.05.2002 n. 115 per i redditi prodotti all'estero da cittadino di stato non appartenente all'UE ma residente in Italia al fine di ottenere il gratuito patrocinio in una causa civile.
Una Ambasciata ha richiesto documentazione puntualmente reperita ed inviata nel Dicembre scorso: a tutt'oggi attendo il rilascio della certificazione nonostante i vari solleciti scritti.
Un'altra Amasciata non si è nemmeno degnata di rispondere alla mia raccomandata del Maggio scorso (+ vari solleciti).
Eppure si tratta di interessi che riguardano loro cittadini residenti in un Paese Estero.
Cosa mi consiglia di fare, stante il perdurante silenzio?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   Lun Mag 02, 2011 3:47 pm

LUCIANI LUCIANO ha scritto:
Gent.mo Dott. Bacoli,
ho chiesto a due diverse Ambasciate (per due diversi clienti) il rilascio della certificazione di veridicità ex art. 79 comma 2° DPR 30.05.2002 n. 115 per i redditi prodotti all'estero da cittadino di stato non appartenente all'UE ma residente in Italia al fine di ottenere il gratuito patrocinio in una causa civile.
Una Ambasciata ha richiesto documentazione puntualmente reperita ed inviata nel Dicembre scorso: a tutt'oggi attendo il rilascio della certificazione nonostante i vari solleciti scritti.
Un'altra Amasciata non si è nemmeno degnata di rispondere alla mia raccomandata del Maggio scorso (+ vari solleciti).
Eppure si tratta di interessi che riguardano loro cittadini residenti in un Paese Estero.
Cosa mi consiglia di fare, stante il perdurante silenzio?

Non essendo PA italiana o UE,le contromisure che si prendono di solito potrebbero non valere.Provi a scrivere ai rispettivi Ministeri degli esteri.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Guido Baccoli
Fondatore
Fondatore
avatar

Numero di messaggi : 2760
Età : 65
Località : Santo Domingo - Rep. Dominicana
Data d'iscrizione : 12.01.08

MessaggioTitolo: Re: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   Mar Mag 03, 2011 5:21 pm

bostik ha scritto:
LUCIANI LUCIANO ha scritto:
Gent.mo Dott. Bacoli,
ho chiesto a due diverse Ambasciate (per due diversi clienti) il rilascio della certificazione di veridicità ex art. 79 comma 2° DPR 30.05.2002 n. 115 per i redditi prodotti all'estero da cittadino di stato non appartenente all'UE ma residente in Italia al fine di ottenere il gratuito patrocinio in una causa civile.
Una Ambasciata ha richiesto documentazione puntualmente reperita ed inviata nel Dicembre scorso: a tutt'oggi attendo il rilascio della certificazione nonostante i vari solleciti scritti.
Un'altra Amasciata non si è nemmeno degnata di rispondere alla mia raccomandata del Maggio scorso (+ vari solleciti).
Eppure si tratta di interessi che riguardano loro cittadini residenti in un Paese Estero.
Cosa mi consiglia di fare, stante il perdurante silenzio?

Non essendo PA italiana o UE,le contromisure che si prendono di solito potrebbero non valere.Provi a scrivere ai rispettivi Ministeri degli esteri.
Saluti
Perdon bostik. L'avvocato ha ragione!!

Il Diritto Consolare prevede l'obbligo da parte del Consolato o in mancanza di quest'ultimo, degli Uffici Consolari presso l'Ambasciata italiana (ricordiamo che l'Ambasciatore in questi casi riveste la doppia veste ed incarico di Ambasciatore e Capo Delegazione Servizi Consolari (al posto del Console), di rilasciare, cito il comma del sopracitato art.
2. Per i redditi prodotti all'estero, il cittadino di Stati non appartenenti all'Unione europea correda l'istanza con una certificazione dell'autorità consolare competente, che attesta la veridicità di quanto in essa indicato.
Se non lo fanno o sono in ritardo di oltre i trenta gg consentiti dalla 241/90 e s.m., ricadono nel reato di omissione di atti di ufficio. Rimane, seppure non necessario per la configurazione del reato, ma per cercare di evitare complicazioni giudiziali, una messa in mora (diffida ad adempiere), meglio attraverso PEC (Posta Elettronica Certificata), spiegando anche le conseguenze al rifiuto (silenzio - rifiuto).

_________________
Dr. Guido Baccoli
Consulente legale - Burocratico e Giuridico

ESCLUSIVAMENTE E SOLO per chi desidera per propria scelta ed esigenza, chiedere una consulenza completa individuale nei minimi particolari del suo caso personale o una difesa extragiudiziale, puó scrivere ed ottenere un preventivo di retribuzione e spese SPECIFICANDO NELL'OGGETTO: "PREVENTIVO" a guidobaccoli@hotmail.com .
INDICE DEI MIEI ARGOMENTI PIÚ IMPORTANTI
http://www.burocraziaconsolare.com/guido-baccoli-f84/indice-argomenti-piu-rilevanti-ed-importanti-di-guido-baccoli-t787.htm
____________________________
É meglio non avere legge, che non farla osservare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.burocraziaconsolare.com
bostik
Amministratori
Amministratori


Numero di messaggi : 3768
Località : Colombia
Data d'iscrizione : 22.07.08

MessaggioTitolo: Re: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   Mar Mag 03, 2011 5:45 pm

Guido Baccoli ha scritto:
bostik ha scritto:
LUCIANI LUCIANO ha scritto:
Gent.mo Dott. Bacoli,
ho chiesto a due diverse Ambasciate (per due diversi clienti) il rilascio della certificazione di veridicità ex art. 79 comma 2° DPR 30.05.2002 n. 115 per i redditi prodotti all'estero da cittadino di stato non appartenente all'UE ma residente in Italia al fine di ottenere il gratuito patrocinio in una causa civile.
Una Ambasciata ha richiesto documentazione puntualmente reperita ed inviata nel Dicembre scorso: a tutt'oggi attendo il rilascio della certificazione nonostante i vari solleciti scritti.
Un'altra Amasciata non si è nemmeno degnata di rispondere alla mia raccomandata del Maggio scorso (+ vari solleciti).
Eppure si tratta di interessi che riguardano loro cittadini residenti in un Paese Estero.
Cosa mi consiglia di fare, stante il perdurante silenzio?

Non essendo PA italiana o UE,le contromisure che si prendono di solito potrebbero non valere.Provi a scrivere ai rispettivi Ministeri degli esteri.
Saluti
Perdon bostik. L'avvocato ha ragione!!

Il Diritto Consolare prevede l'obbligo da parte del Consolato o in mancanza di quest'ultimo, degli Uffici Consolari presso l'Ambasciata italiana (ricordiamo che l'Ambasciatore in questi casi riveste la doppia veste ed incarico di Ambasciatore e Capo Delegazione Servizi Consolari (al posto del Console), di rilasciare, cito il comma del sopracitato art.
2. Per i redditi prodotti all'estero, il cittadino di Stati non appartenenti all'Unione europea correda l'istanza con una certificazione dell'autorità consolare competente, che attesta la veridicità di quanto in essa indicato.
Se non lo fanno o sono in ritardo di oltre i trenta gg consentiti dalla 241/90 e s.m., ricadono nel reato di omissione di atti di ufficio. Rimane, seppure non necessario per la configurazione del reato, ma per cercare di evitare complicazioni giudiziali, una messa in mora (diffida ad adempiere), meglio attraverso PEC (Posta Elettronica Certificata), spiegando anche le conseguenze al rifiuto (silenzio - rifiuto).

Ciao Guido,
ma non si capiva se parlava d'ambasciate italiane all'estero o ambasciate straniere in Italia...
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?   

Tornare in alto Andare in basso
 
SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» SILENZIO AMMINISTRATIVO SI INTERPRETA ASSENSO O RIFIUTO?
» diniego assenso al rinnovo carta identità
» Decorrenza Interessi Preavviso di Fermo Amministrativo
» collaudo tecnico amministrativo
» ATTO DI ASSENSO AL TRASFERIMENTO PER MOBILITA'

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Italiani all'Estero e Stranieri in Italia :: LEGGI E NORMATIVE COMMENTATE E DISCUSSE :: IMPORTANTE - SE L'AUTORITÁ AMMINISTRATIVA TARDA E NON RISPONDE-
Andare verso: